Diocesi di Orléans

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Diocesi di Orléans
Dioecesis Aurelianensis
Chiesa latina

Orleans-cathedral-2004.jpg
vescovo Jacques Blaquart
Sede Orléans

sede vacante
Orléans

Amministratore apostolico {{{amministratore}}}
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: Parametro vescovo eletto senza parametro titolo eletto

Vedi {{Diocesi della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

{{{vescovo eletto}}}
Suffraganea dell'arcidiocesi di Tours
Regione ecclesiastica Centre
Loiret-Position.png
Mappa della diocesi
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Nazione bandiera Francia
diocesi suffraganee
{{{suffraganee}}}
coadiutore
vicario
provicario
generale
ausiliari

Vescovi emeriti:

André Louis Fort
Parrocchie 294
Sacerdoti

176 di cui 146 secolari e 30 regolari
2.546 battezzati per sacerdote

51 religiosi 227 religiose 31 diaconi
632.557 abitanti in 6.811 km²
448.200 battezzati (70,9% del totale)
Eretta III secolo
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
Indirizzo
14 Cloitre Saint Aignan, 45057 Orleans CEDEX 1, France
tel. 2.38.78.86.00 fax. 2.38.54.36.93
Collegamenti esterni

Sito ufficiale

Dati dall'annuario pontificio 2005 Scheda
Chiesa cattolica in Francia
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica

La diocesi di Orléans (in latino: Dioecesis Aurelianensis) è una sede della Chiesa cattolica in Francia suffraganea dell'arcidiocesi di Tours appartenente alla regione ecclesiastica Centre. Nel 2004 contava 448.200 battezzati su 632.557 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Jacques Blaquart.

Territorio

La diocesi comprende il dipartimento francese del Loiret.

Sede vescovile è la città di Orléans, dove si trova la cattedrale della Santa Croce.

Il territorio è suddiviso in 4 zone pastorali, che sono ulteriormente suddivise in decanati. In particolare la zona pastorale di Orléans conta 6 decanati, la zona pastorale della Beauce annovera 3 decanati, la zona pastorale del Gâtinais e del Giennois consiste di 5 decanati e la zona pastorale della Valle della Loira e della Sologne conta 4 decanati. I decanati sono a loro volta suddivisi in parrocchie, che complessivamente sono 294.

Storia

La diocesi fu eretta nel III secolo. Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Sens.

A cavallo fra l'VIII e il IX secolo la diocesi fu retta dal vescovo Teodulfo, uomo dottissimo e importante scrittore ecclesiastico. È autore di un Rituale, del Libri Carolini presa di posizione dell'imperatore Carlo Magno sull'iconoclastia, di un Penitentiale, di un trattato sul battesimo, sulla confermazione e sull'eucaristia, di un'edizione della Bibbia e dell'inno Gloria, laus et honor.

Figura di spicco del XV secolo fu santa Santa Giovanna d'Arco, che l'8 maggio 1429 capeggiò la sollevazione di Orléans contro la dominazione inglese.

Nel XVI secolo la diocesi non fu risparmiata dalle guerre di religione: il cardinale Odet de Coligny che si convertì al protestantesimo era abate di alcuni monasteri diocesani, nativo della diocesi era anche il generale Gaspard de Châtillon, uno dei capi degli ugonotti. Presso Orléans fu ucciso Francesco I di Guisa e la città stessa di Orléans fu oggetto di contesa tra i Guisa cattolici e i Condè protestanti. Nel 1567 gli ugonotti distrussero il monumento a Giovanna d'Arco, che fu eretto nuovamente dai cattolici nel 1569, dopo la riconquista della città.

Il 20 ottobre 1622 è entrata a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Parigi.

Il XVIII secolo fu segnato dalla presenza di figure carismatiche nella diocesi: nel 1618 e nel 1619 fu a Orléans san Francesco di Sales, Giovanna Francesca di Chantal nel 1627 fu superiora del convento della Visitazione di Orléans.

Nel 1789 il territorio della diocesi fu modificato in modo da farlo coincidere con i confini amministrativi del dipartimento del Loiret: di conseguenza la diocesi cedette alcune porzioni del suo territorio alla diocesi di Blois e di Chartres e ne incorporò altre, che erano appartenute alla stessa diocesi di Blois, all'arcidiocesi di Sens, all'arcidiocesi di Bourges e alla diocesi di Auxerre.

Il 29 novembre 1801, in seguito al Concordato, si ampliò incorporando la diocesi di Blois, che fu soppressa.

Il 6 ottobre 1822 la diocesi di Blois fu ristabilita, ricavandone il territorio dalla diocesi di Orléans.

Dal 1849 al 1878 la diocesi fu retta da Félix Dupanloup, uno dei più eminenti uomini di cultura francesi del suo tempo, di tendenze gallicane e liberali. Fu uno dei più audaci oppositori del dogma dell'infallibilità papale sancito dal Concilio Vaticano I, a cui poi prestò obbedienza. Nel 1874 dovette anche accettare il passaggio al rito romano della sua diocesi, che era rimasta l'ultima in Francia ad adottare il rito gallicano.

Il 9 ottobre 1966 divenne suffraganea dell'arcidiocesi di Bourges.

Il 16 dicembre 2002 è entrata a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Tours.

Cronotassi dei vescovi

Statistiche

La diocesi al termine dell'anno 2004 su una popolazione di 632.557 persone contava 448.200 battezzati, corrispondenti al 70,9% del totale.

Fonti
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.