Giovanni Michele Saraceni

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Giovanni Michele Saraceni
G.F. Saraceni.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

[[File:|250px]]

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 69 anni
Nascita Napoli
1º dicembre 1498
Morte Roma
27 aprile 1568
Sepoltura Basilica di Santa Maria sopra Minerva (Roma)
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 21 giugno 1531
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 23 marzo 1536 da Antonio Sanseverino
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
4 dicembre 1551 da Giulio III (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine Vescovi
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Giovanni Michele Saraceni (Napoli, 1º dicembre 1498; † Roma, 27 aprile 1568) è stato un arcivescovo e cardinale italiano.

Cenni biografici

Nacque a Napoli il 1º dicembre 1498 da famiglia di antica nobiltà in possesso di numerosi feudi nel Regno di Napoli, figlio di Sigismondo [1] e delle moglie Ippolita, figlia di Luigi di Mondragone dei Carafa della Stadera.

Nelle guerre d'Italia, durante la spedizione di Odet de Foix visconte di Lautrec, i fratelli Giovanni Camillo e Giovanni Fabrizio si schierarono con gli invasori francesi e nel 1528 la famiglia subì la confisca di tutto il patrimonio feudale. Carlo V d'Asburgo concesse il perdono il 10 luglio 1529, anche in considerazione dei precedenti servizi resi alla corte e della prigionia che Giovanni Fabrizio aveva subito a opera dei francesi dopo la battaglia di Pavia nel 1525. I Saraceni restarono però privati definitivamente degli importanti feudi di Torella e di Guardia Lombardi.

Destinato come cadetto alla carriera ecclesiastica, di cui non si hanno dati sulla formazione, Giovanni Nicola fu nominato nel 1531 arcivescovo di Acerenza e Matera. Ricevette a Roma la consacrazione vescovile cinque anni dopo dalle mani del neo eletto cardinale Antonio Sanseverino, O.S.Io.Hieros. suo concittadino, coadiuvato da mons. Lorenzo Santarelli (Ch), vescovo di Pult e da mons. Giacomo Ponzetti (Ch), vescovo di Molfetta. Resse l'arcidiocesi fino al 1555.

Matera, cattedra di nomina regia, era una tipica diocesi che vedeva dinastie di episcopi assumerne la carica. Per lungo tempo fu ricoperta da rappresentanti della famiglia Palmieri. Giovanni Michele interruppe la sequenza e inaugurò quella della sua famiglia, poiché alla sua morte fu nominato vescovo Sigismondo Saraceni.

Fu padre conciliare e partecipò attivamente alla prima fase del Concilio di Trento. Nella discussione sull'obbligo di residenza dei vescovo il Saraceni si schierò con forza contro i fautori dello ius divinum di residenza. In occasione della stesura dei canoni sul battesimo fu poi contrario alla consuetudine dei padrini per procura; altresì si oppose fermamente alla possibilità che i laici potessero toccare l'Eucaristia. Pur essendo considerato suddito imperiale, in quanto nativo di Napoli, appoggiò la volontà pontificia della traslazione del Concilio da Trento a Bologna, in contrasto con la volontà di Carlo V.

Fu apprezzato per la sua dottrina dal cardinal legato Giovan Maria Ciocchi Del Monte, che divenuto papa Giulio III lo nominò come primo titolare dell'ufficio di governatore di Borgo e successivamente anche governatore di Roma, dal 29 dicembre 1550 al 20 novembre 1551, data in cui si tenne il concistoro che lo vide creato cardinale presbitero di santa Maria in Ara Coeli. Prese parte alla revisione degli atti del Concilio di Trento con altri messi papali e nel corso del pontificato di Giulio III partecipò, con posizioni sempre contrarie, ai dibattiti sui progetti di riforma in materia di vescovi.

Prese parte ai conclave tenutisi durante il suo cardinalato: quello dell'aprile 1555, che vide eletto papa Marcello II, quello del maggio 1555 con l'elezione di Paolo IV, quello del 1559 che vide l'elezione di Pio IV e quello del 1565 - 1566 che vide la nomina di papa Pio V. Nel 1557 mutò titolo cardinalizio assumendo quello di sant'Anastasia. Nel 1565 aveva assunto in rapida successione i titoli di sant'Agata dei Goti e santa Maria in Trastevere, per poi mutarlo nuovamente.

Fu amministratore apostolico della diocesi di Lecce dal settembre al dicembre 1560, un governo breve che gli consentì tuttavia di spianare la strada alla nomina a guida della diocesi del nipote Annibale.

Membro dell'Inquisizione romana dal 1563, partecipò tra il novembre di quell'anno e il 12 luglio 1565 a quasi tutte le sedute del Sant'Uffizio. L'ultima cui pose la sua firma fu quella del 24 gennaio 1566.

In quell'anno e sino alla morte, fu cardinale vescovo della sede suburbicaria di Sabina-Poggio Mirteto

Morì a Roma il 27 aprile 1568, fu sepolto nella chiesa di santa Maria sopra Minerva

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo di Acerenza e Matera Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Francesco Palmieri (Ch), O.F.M. 21 giugno 1536 - 1556 Sigismondo Saraceno (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Palmieri (Ch), O.F.M. {{{data}}} Sigismondo Saraceno (Ch)
Predecessore: Governatore di Roma Successore: Emblem Holy See.svg
Francesco Micheli 9 ottobre - 20 novembre 1551 Francesco Bandini Piccolomini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Micheli {{{data}}} Francesco Bandini Piccolomini
Predecessore: Vice-Camerlengo della Camera Apostolica Successore: Emblem Holy See.svg
Francesco Micheli 9 ottobre - 20 novembre 1551 Francesco Bandini Piccolomini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Micheli {{{data}}} Francesco Bandini Piccolomini
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria in Ara Coeli Successore: CardinalCoA PioM.svg
Francisco Mendoza Bobadilla 4 dicembre 1551-24 marzo 1557 Clemente d'Olera I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francisco Mendoza Bobadilla {{{data}}} Clemente d'Olera
Predecessore: Cardinale presbitero di Sant'Anastasia Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giovanni Poggio 24 marzo 1557-7 febbraio 1565 Scipione Rebiba I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Poggio {{{data}}} Scipione Rebiba
Predecessore: Amministratore Apostolico di Lecce Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Braccio Martelli (Ch) 13 settembre - 29 novembre 1560 Annibale Saraceni (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Braccio Martelli (Ch) {{{data}}} Annibale Saraceni (Ch)
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Fulvio Giulio della Corgna, O.S.Io.Hieros. 9 gennaio 1562-30 gennaio 1563 Giovanni Ricci I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Fulvio Giulio della Corgna, O.S.Io.Hieros. {{{data}}} Giovanni Ricci
Predecessore: Cardinale presbitero di Sant'Agata alla Suburra
(titolo presbiterale pro hac vice)
Successore: CardinalCoA PioM.svg
Fulvio Giulio della Corgna 7 febbraio 1565-7 novembre 1565 Giovanni Battista Cicala I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Fulvio Giulio della Corgna {{{data}}} Giovanni Battista Cicala
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria in Trastevere Successore: CardinalCoA PioM.svg
Tiberio Crispo 7 novembre 1565-7 ottobre 1566 Giovanni Ricci I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Tiberio Crispo {{{data}}} Giovanni Ricci
Predecessore: Cardinale vescovo di Sabina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Tiberio Crispo 7 ottobre 1566-27 aprile 1568 Giovanni Battista Cicala I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Tiberio Crispo {{{data}}} Giovanni Battista Cicala
Note
  1. Sigismondo morì nel 1525, fu consigliere di Alfonso II d'Aragona e acquistò nel 1497 il feudo di Guardia Lombardi.
Bibliografia
  • Giulio Sodano, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 90, 2017, online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.