San Giovanni Antonio Farina

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Giovanni Antonio Farina
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo

90331.JPG

{{{didascalia}}}
'
Titolo
Età alla morte 85 anni
Nascita Gambellara
11 gennaio 1803
Morte Vicenza
4 marzo 1888
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 1827
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 1851
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine Presbiteri
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 3 novembre 2001, da Giovanni Paolo II
Canonizzazione 23 novembre 2014, da Francesco
Ricorrenza 4 marzo
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 4 marzo, n. 9:
« A Vicenza, beato Giovanni Antonio Farina, vescovo, che in vari modi si adoperò nell'azione pastorale e fondò l'Istituto delle Suore Maestre di Santa Dorotea Figlie dei Sacri Cuori per provvedere all'educazione delle ragazze povere e a tutti gli afflitti e gli emarginati. »

San Giovanni Antonio Farina (Gambellara, 11 gennaio 1803; † Vicenza, 4 marzo 1888) è stato un vescovo e fondatore italiano.

Biografia

Giovanni Antonio Farina, nasce a Gambellara (Vicenza) l’11 gennaio 1803, fin dall’infanzia fu educato allo studio e alla pratica religiosa da uno zio paterno, ottimo sacerdote per lunghi anni parroco di Cereda, frazione di Cornedo Vicentino, una piccola comunità sui colli della Valle dell'Agno.

Intelligente e ben preparato in tutte le discipline, fu impegnato come professore di lettere e di sacra eloquenza nel Seminario di Vicenza prima ancora della consacrazione sacerdotale, ricevuta nel 1827.

Da sacerdote evidenziò ancor più chiaramente la sua sensibilità di educatore negli impegni assunti a servizio di Istituzioni scolastiche cittadine. L’analfabetismo è ancoramolto diffuso, in particolare tra le ragazze, che così si trovano facilmente discriminate.

Nel 1831, fondò a Vicenza una una scuola popolare femminile, e lavora a un progetto molto audace per ilsuo tempo e la sua età: creare una congregazione di suore insegnanti. E nel 1836 istituì le "Suore Maestre di SantaDorotea, Figlie dei Sacri Cuori", chiamate a istruire non solo le ragazze di buonafamiglia, ma soprattutto quelle indifese a causa della miseria oppure colpite da infermità permanenti e gravi, come cieche e sordomute. Nel 1839 l'istituto ottenere da Papa Gregorio XVI il decretum laudis.

Il suo progetto educativo si estese all'Italia e anche in altre nazioni, incarnandosi in varie forme di impegno caritativo, richiesto dai bisognosi della società di oggi.

Fu vescovo di Treviso dal 1850 al 18 giugno 1860, quando venne trasferito alla sede di Vicenza.

Prese parte al Concilio Vaticano I, dove fu tra i sostenitori delle definizione del dogma dell'infallibilità pontificia.

Rimase a Vicenza fino al 4 marzo 1888, giorno della sua morte.

Il 4 novembre 2001 è stato dichiarato beato da papa Giovanni Paolo II e il 23 novembre 2014 è stato canonizzato da papa Francesco[1].

Memoria liturgica il 4 marzo.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale.


Predecessore: Vescovo di Treviso Successore: Stemma vescovo.png
Sebastiano Soldati 1850 - 1860 Federico Maria Zinelli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Sebastiano Soldati {{{data}}} Federico Maria Zinelli
Predecessore: Vescovo di Vicenza Successore: Stemma vescovo.png
Giovanni Giuseppe Cappellari 1860 - 1888 Antonio Feruglio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Giuseppe Cappellari {{{data}}} Antonio Feruglio
Note
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.