Basilica di Santa Maria in Montesanto (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Santa Maria, vedi Santa Maria (disambigua).
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Santa Maria, vedi Santa Maria (disambigua).
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Basilica di Santa Maria in Montesanto
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Piazza Popolo Santa Maria in Montesanto.jpg
Roma, Basilica di Santa Maria in Montesanto
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis
Religione Cattolica
Indirizzo Via del Babuino, 197 - 00187 Roma
Telefono +39 06 3610594
Fax
Posta elettronica [mailto: ]
Sito web

[http:// Sito ufficiale]

Sito web 2
Proprietà
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione basilicale
Dedicazione Maria Vergine
Vescovo
Fondatore papa Alessandro VII
Data fondazione 1662
Architetti

Gian Lorenzo Bernini (direzione dei lavori)
Carlo Fontana (collaboratore)

Stile architettonico Barocco
Inizio della costruzione 1662
Completamento 1679
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione
Inaugurato da
Data di consacrazione
Consacrato da
Titolo Santa Maria della Vittoria (titolo cardinalizio)
Strutture preesistenti Mausolei funerari romani, chiesa dei carmelitani di Monte Santo in Sicilia
Pianta ellittica
Tecnica costruttiva
Materiali
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note è conosciuta come chiesa degli artisti e gemella di Santa Maria dei Miracoli
Coordinate geografiche
41°54′36″N 12°28′37″E / 41.91009, 12.47690 bandiera Italia
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Basilica di Santa Maria in Montesanto è una chiesa di Roma, situata nel rione Campo Marzio, in piazza del Popolo, tra via del Babuino e via del Corso. Essa è popolarmente conosciuta come chiesa gemella di Santa Maria dei Miracoli, pur presentando sensibili differenze soprattutto nell'impostazione planimetrica.

La basilica attualmente è luogo sussidiario di culto della Parrocchia di Santa Maria del Popolo.

Storia

Il nome della chiesa deriva dal fatto che essa ne sostituì un'altra che apparteneva ai carmelitani della provincia di Monte Santo in Sicilia. Essa venne edificata per iniziativa di papa Alessandro VII nel 1662, ma i lavori furono interrotti alla morte del pontefice nel 1667; ripresi nel 1673 sotto la direzione di Gian Lorenzo Bernini e con la collaborazione di Carlo Fontana, terminarono nel 1679.

Il 5 luglio 1825 papa Leone XII l'ha elevata alla dignità di Basilica minore.[1]

Dal 1953 la chiesa è diventata sede della Messa degli artisti, una singolare iniziativa ideata nel 1941 da Ennio Francia; dopo aver cambiato diversi luoghi per il culto, vi viene celebrata la messa cui prendono parte rappresentanti del mondo della cultura e dell’arte; è in questa chiesa inoltre che vengono spesso celebrate le esequie di persone legate al mondo della cultura, della radio e della televisione

Descrizione

La chiesa si presenta all'interno a pianta ellittica, mentre la sua cosiddetta "gemella" Chiesa di Santa Maria dei Miracoli è a pianta circolare; sei sono le cappelle laterali, contro le quattro della sua "gemella".

Sotto le due chiese gemelle si trovano i resti di due monumenti funerari a piramide, molto simili per forma e dimensioni alla Piramide Cestia ed alla demolita Piramide Vaticana: anche questi due sepolcri dovevano risalire all'età augustea ed erano posti ad ingresso monumentale al Campo Marzio, proprio la funzione che hanno oggi le due chiese.

Roma, Chiese gemelle: Basilica di Santa Maria in Montesanto (a sinistra) e Chiesa di Santa Maria dei Miracoli (a destra)


Note
Bibliografia
  • Mariano Armellini, Le chiese di Roma dal secolo IV al XIX, Roma 1891
  • Claudio Rendina, Le Chiese di Roma, Newton & Compton Editori, Milano 2000, p. 237
  • M. Quercioli, Rione IV Campo Marzio, in AA.VV, I rioni di Roma, Newton & Compton Editori, Milano 2000, Vol. I, pp. 264-334
  • R. Luciani, Santa Maria dei Miracoli e Santa Maria di Montesanto, Fratelli Palombi Editori, Roma 1990, pp. 47-73
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.