Chiesa di Santa Maria dei Miracoli (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Santa Maria, vedi Santa Maria (disambigua).
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Chiesa di Santa Maria dei Miracoli
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Piazza Popolo,Roma,Santa Maria dei Miracoli.jpg
Roma, Chiesa di Santa Maria dei Miracoli (1675 - 1679)
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis rettoria
Religione Cattolica
Indirizzo Via del Corso, 528 - 00187 Roma
Telefono +39 06 3610250
Fax
Posta elettronica [mailto: ]
Sito web

[http:// Sito ufficiale]

Sito web 2
Proprietà
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione
Dedicazione Maria Vergine
Vescovo
Sigla Ordine qualificante S.C.I. di Béth.
Sigla Ordine reggente S.C.I. di Béth.
Fondatore cardinale Girolamo Gastaldi
Data fondazione
Architetti

Carlo Rainaldi progettista
Carlo Fontana esecutore del progetto, cupola e presbiterio
Gerolamo Theodoli campanile

Stile architettonico Barocco
Inizio della costruzione 1675
Completamento 1679
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione
Inaugurato da
Data di consacrazione 5 agosto 1681
Consacrato da
Titolo
Strutture preesistenti necropoli romana
Pianta circolare
Tecnica costruttiva
Materiali
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note è tradizionalmente conosciuta come chiesa gemella di quella di Santa Maria in Montesanto
Coordinate geografiche
41°54′35″N 12°28′35″E / 41.909775, 12.476442 bandiera Italia
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Chiesa di Santa Maria dei Miracoli è situata a Roma, nel rione Campo Marzio, in piazza del Popolo.

È tradizionalmente conosciuta come chiesa gemella della Basilica di Santa Maria in Montesanto, sebbene le due strutture si differenzino soprattutto per l'impostazione planimetrica.

Storia

Preesistenze

Sotto le due chiese gemelle si trovano i resti di due monumenti funerari a piramide, molto simili per forma e dimensioni alla Piramide di Caio Cestio ed alla demolita Piramide Vaticana: anche questi due sepolcri dovevano risalire all'età augustea ed erano posti a mo' di ingresso monumentale al Campo Marzio, proprio la funzione che hanno oggi le due chiese.

Cappella lungo il Tevere

All’origine della costruzione della chiesa vi è un miracolo, avvenuto, secondo la tradizione, il 20 giugno 1325, quando una donna, in riva al Tevere, invocò un’immagine della Madonna dipinta sulle mura lungo il fiume, per salvare il suo bambino caduto nelle acque. Il salvataggio del bambino impose la costruzione di una cappella dedicata a Maria, lungo il Tevere, vicino all’attuale Ponte Margherita; e nella cappella venne sistemata l’immagine miracolosa, da allora chiamata "Madonna dei Miracoli". Questa piccola cappella è riportata dai cartografi dell’epoca, ed appare nella pianta della città del Bufalini (del 1551), del Tempesta (del 1593) e del Losi.

Nel settembre 1515, papa Clemente VII affidò la cappella al vicino Ospedale di San Giacomo degli Incurabili, cosicché le ingenti offerte lasciate alla "Madonna dei Miracoli" potessero servire a coprire le spese dell’Ospedale. Nel 1529 la cappella passò ai Cappuccini, che però lasciarono la chiesa l’anno successivo, quando, a causa di una piena del Tevere, essa venne completamente sommersa dall’acqua.

Negli anni seguenti la cappella lungo il fiume fu affidata a diverse congregazioni religiose, e nel 1590 l’immagine della Madonna dei Miracoli fu trasportata nella Chiesa di San Giacomo in Augusta, di recente costruzione, ove si trova ancora oggi. Al suo posto nella cappella venne collocata una copia.

La chiesa in piazza del Popolo

Roma, Chiese gemelle: Basilica di Santa Maria in Montesanto (a sinistra) e Chiesa di Santa Maria dei Miracoli (a destra)

Poiché il sito lungo il Tevere risultava sempre di più insalubre e sottoposto a continue esondazioni del fiume, nel 1661 papa Alessandro VII ordinò che si costruisse in piazza del Popolo una nuova chiesa ove custodire la copia dell’immagine della Madonna dei Miracoli, e che questo nuovo edificio sostituisse uno preesistente dedicato a Sant’Orsola. La nuova chiesa fu iniziata però solo quattordici anni dopo l’ordine del papa, nel 1675, e tredici anni dopo la fondazione della cosiddetta chiesa gemella di Basilica di Santa Maria in Montesanto. La chiesa fu conclusa nel 1679 e solo due anni dopo consacrata ed aperta al pubblico.

Nel 1793 la chiesa venne concessa alla Confraternita del Santissimo Sacramento e nel 1856 all’Arciconfraternita di San Gregorio Taumaturgo.

Dal 1915 la chiesa è officiata dai Preti del Sacro Cuore di Gesù di Bétharram, che in precedenza occupavano la Chiesa dei Santi Angeli Custodi al Tritone, ora scomparsa.

Descrizione

Esterno

La facciata è caratterizzata dalla presenza di un profondo pronao rettangolare, coronato da un timpano, sul quale si legge il nome del benefattore della chiesa, il cardinale Girolamo Gastaldi. Le colonne del pronao in origine erano destinate alle torri campanarie di San Pietro in Vaticano, progettate dal Bernini ma mai realizzate.

Sulla balaustra esterna dell’edificio si ergono 10 statue, che raffigurano santi e sante, e di cui solo alcune sono identificate con certezza, eseguite fra il 1676 e il 1677 da Filippo Carcani, Ercole Ferrata ed altri.

Alla sommità della chiesa si trova una cupola ottagonale, rivestita con tegole di lavagna, progettata e realizzata da Carlo Fontana.

In via del Corso si innalza il campanile, specularmente rispetto a quello della vicina Santa Maria di Montesanto, attribuito a Gerolamo Theodoli o a Francesco Navona.

Interno

La chiesa si presenta con pianta circolare (mentre la cosiddetta chiesa gemella è a pianta ellittica), con quattro cappelle laterali ed un profondo presbiterio. Come per l’esterno, anche l’interno venne progettato da Carlo Rainaldi ed eseguito da Carlo Fontana. Al centro del pavimento è collocata una lapide circolare con lo stemma cardinalizio del cardinale Girolamo Gastaldi, committente e mecenate della chiesa; lo stesso stemma si trova anche nella controfacciata, sopra la lapide commemorativa che ricorda l’edificazione della chiesa.

Cappelle laterali

La statua della Vergine di Bétharram

L’edificio sacro presenta quattro cappelle laterali:

  • la prima cappella a sinistra, chiamata Cappella di Sant’Antonio, presenta:
    • una Vergine con Bambino, Sant’Antonio abate e Sant’Antonio da Padova, tela attribuita al parigino Henry Gascard;
    • il monumento funebre ad Antonio d’Este, discepolo ed amico di Antonio Canova;
    • sotto l’altare, in un’urna, sono conservate le reliquie di Santa Candida, proveniente dalle catacombe di Priscilla, sulla via Salaria;
  • la seconda cappella a sinistra, detta Cappella del rosario, presenta:
  • passando oltre il presbiterio, vi è la Cappella di San Giuseppe; nel pilastro che separa questa cappella e il presbiterio è murato un Crocifisso bronzeo di Pericle Fazzini:
    • la Cappella di San Giuseppe prende il nome dal dipinto a olio su tela raffigurante San Giuseppe e Gesù bambino;
    • inoltre, sopra le porte laterali della cappella, vi sono due dipinti a forma circolare raffiguranti Gesù in casa di Marta e Maria e La Maddalena in casa di Simone il Fariseo;
    • al centro della cappella è collocata una statua della Madonna di Bétharram, copia eseguita da Gino Mazzini di un'opera realizzata da Alessandro Renoir, il cui originale si trova in Francia, nel Santuario Nostra Signora di Bétharram;
  • infine la prima cappella a destra dell’entrata è la Cappella dell’Assunta; in essa si trovano:
    • la pala d’altare raffigurante l'Assunta e San Gregorio Taumaturgo, trasportata qui quando la chiesa fu affidata all’Arciconfraternita di San Gregorio Taumaturgo;
    • sulla parete sinistra la statua di san Michele Garicoïts, fondatore dei Preti del Sacro Cuore che officiano la chiesa, e che fu canonizzato da papa Pio XII nel 1947;
    • sulla parete destra il monumento sepolcrale della famiglia Guglielmi delle Rocchette, realizzato dallo scultore Cesare Benaglia nel 1868.

Presbiterio e sacrestia

L'altare maggiore

Il profondo presbiterio, realizzato da Carlo Fontana, è unito alla navata della chiesa da un arco trionfale sormontato dallo stemma cardinale Girolamo Gastaldi.

L’altare maggiore venne commissionato il 3 novembre 1677, realizzato dal Fontana, mentre la decorazione in stucchi è di Antonio Raggi. Al centro dell’altare maggiore è collocata l’immagine della Madonna dei Miracoli, copia di fine Cinquecento dell’originale affresco ora conservato nella chiesa di San Giacomo in Augusta: la Madonna e il Bambino sono coronati con corone d’oro; quella della Madonna risale al 1646 e fu una delle prime applicate ad un’immagine sacra.

Ai lati del presbiterio i due monumenti sepolcrali dei Gastaldi: quello di sinistra è il monumento sepolcrale del cardinale Girolamo Gastaldi; quello di destra è il monumento sepolcrale del cavalier Benedetto Gastaldi; i due monumenti sono coronati da quattro statue, raffiguranti, a sinistra, la Fede e la Speranza, a destra la Prudenza e la Temperanza.

L’ampia sacrestia venne realizzata contemporaneamente alla chiesa, e le sue decorazioni risalgono al XVII secolo; oltre a due lapidi commemorative che ricordano gli antichi proprietari della chiesa, la sacrestia conserva un busto in marmo di papa Pio VI.


Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.