Giovanni Doria

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Giannettino Doria)
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Doria
Stemma Giannettino Doria.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Cardinale Giovanni Doria.png

'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 69 anni
Nascita Genova
24 marzo 1573
Morte Palermo
19 novembre 1642
Sepoltura Cattedrale di Palermo
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale in data sconosciuta
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 4 febbraio 1608 da papa Paolo V
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 4 maggio 1608 da Paolo V
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
9 giugno 1604 da Clemente VIII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Giovanni Doria, detto anche Giannettino (Genova, 24 marzo 1573; † Palermo, 19 novembre 1642) è stato un cardinale e arcivescovo italiano.

Cenni biografici

Nacque a Genova il 24 marzo 1573 da Giovanni Andrea, principe di Melfi, e Zenobia Doria del Carretto, 5ª Principessa di Melfi.

Da giovanissimo fu inviato a studiare in Spagna dove compì anche gli studi universitari di filosofia e teologia. Nel 1597 si trovava ancora nella penisola iberica dove, ben sostenuto dagli amici del padre, riuscì a entrare nelle grazie del re Filippo III di Spagna, che richiese per lui la [[berretta rossa|berretta cardinalizia. Nel 1604 fu così creato da Clemente VIII cardinale diacono.

Partecipò al Conclave del marzo 1605 che elesse papa Leone XI e al Conclave del maggio 1605, con l'elezione di Paolo V. Ricevette il cappello rosso e la diaconia di sant'Adriano il 5 dicembre di quell'anno. Fu abate commendatario di San Fruttuoso di Camogli.

Nel 1608 fu eletto arcivescovo titolare di Tessalonica e nominato vescovo coadiutore, con diritto di successione, dell'arcidiocesi di Palermo. Fu consacrato il 4 maggio a Roma dal pontefice. Succedette alla sede di Palermo il 5 luglio di quell'anno.

Il re di Spagna aveva decretato la proibizione dell'acquisto, della vendita e della detenzione nel Regno di Sicilia del tomo XI degli Annali del cardinale Cesare Baronio. In esso infatti si rivendicava l'indipendenza della Chiesa in Sicilia, dimostrando l'inconsistenza storica e giuridica delle pretese spagnole di poter intervenire anche nella giurisdizione ecclesiastica in base a una bolla di Urbano II del 1098. Contro il parere di Roma, il 17 dicembre 1610, l'arcivescovo emanò un editto che palesava il divieto regio.

Fu a varie riprese viceré e luogotenente del re di Spagna nel Regno di Sicilia. Celebrò tre sinodi nella sua arcidiocesi nel 1615, nel 1622 e nel 1633. Non partecipò al conclave del 1621 che elesse papa Gregorio XV. Partecipò al conclave del 1623 che elesse papa Urbano VIII. Sotto questo pontificato optò per l'ordine dei cardinali presbiteri con il titolo di san Pietro in Montorio.

A lui si deve il riconoscimento delle reliquie di Santa Rosalia nel 1624, come anche dell'inserimento del nome della Santa nel Martirologio romano nel 1631.

Morì a Palermo il 19 novembre 1642 e trovò sepoltura nella sua cattedrale.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Cardinale diacono di Sant'Adriano al Foro Successore: CardinalCoA PioM.svg
Alessandro d'Este 5 dicembre 1605 - 2 ottobre 1623 Louis de Nogaret de la Valette I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro d'Este {{{data}}} Louis de Nogaret de la Valette
Predecessore: Arcivescovo titolare di Tessalonica Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Tommaso Frinsinio, O.P. 4 febbraio - 5 luglio 1608 Giulio Benigni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Tommaso Frinsinio, O.P. {{{data}}} Giulio Benigni
Predecessore: Arcivescovo metropolita di Palermo Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Diego Haëdo 5 luglio 1608 - 19 novembre 1642 Fernando Andrade Castro I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Diego Haëdo {{{data}}} Fernando Andrade Castro
Predecessore: Luogotenente del Regno di Sicilia Successore: Bandiera del Regno di Sicilia 4.svg
Juan Gaspar Fernández Pacheco 8 febbraio 1610 - 9 marzo 1611 Pedro Téllez-Girón y Velasco I

Pedro Téllez-Girón y Velasco 1º luglio - 1º agosto 1616 Francisco Ruiz de Castro II

Emanuele Filiberto di Savoia 1º agosto 1624 - 1º gennaio 1626 Antonio Pimentel III

Francisco del Melo 1º gennaio 1639 - 1º giugno 1641 Giovanni Alfonso Enriquez de Cabrera IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Juan Gaspar Fernández Pacheco {{{data}}} Pedro Téllez-Girón y Velasco
Predecessore: Cardinale presbitero di San Pietro in Montorio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Cesare Gherardi 2 ottobre 1623 - 19 novembre 1642 Gil Carrillo de Albornoz I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Cesare Gherardi {{{data}}} Gil Carrillo de Albornoz
Bibbliografia