Juan de Cervantes

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Juan de Cervantes
Juan de Cervantes.svg.png
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Juan de Cervantes y Bocanegra. Sepulcro.jpg

Lorenzo Mercadante de Bretaña particolare della tomba del cardinale, Cattedrale di Siviglia
'
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte circa 73 anni
Nascita Lora del Río
1380 ca.
Morte Siviglia
25 novembre 1453
Sepoltura Cattedrale di Siviglia
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 28 febbraio 1438
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
24 maggio 1426 da Martino V (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Juan de Cervantes (Lora del Río, 1380 ca.; † Siviglia, 25 novembre 1453) è stato un cardinale spagnolo.

Cenni biografici

Nacque nella città di Lora del Río nell'arcidiocesi di Siviglia (Spagna) attorno al 1380, da Gonzalo Gómez de Cervantes, originario della Galizia, e dalla mogle Beatriz Bocanegra.

Studiò presso l'università di Salamanca dove si addottorò in utroque jure.

Non si hanno dati sulla sua ordinazione sacerdotale. Divenne canonico del capitolo cattedrale di Palencia, abate commendatario dell'abbazia di Hermida. Il 29 gennaio 1415 fu nominato dall'antipapa Benedetto XIII arcidiacono di Calatrava. Nel 1419 divenne arcidiacono a Siviglia e procuratore del re di Castiglia presso la Curia romana. Qui papa Martino V gli concesse l'assoluzione per il sostegno dato dal prelato all'antipapa Benedetto XIII. Nel 1423 divenne canonico del capitolo della cattedrale metropolitana di Burgos e abate commendatario di Salas a Burgos. Nel Concilio di Siena, tenutosi in quella città dal 1423 all'anno seguente, era presidente della nazione spagnola e difese l'autorità pontificia contro gli attacchi dell'ambasciatore aragonese Guillermo Agramunt.

Papa Martino V nel concistoro del 24 maggio 1426 lo creò cardinale e tre giorni dopo ricevette il titolo cardinalizio di cardinale presbitero di San Pietro in Vincoli.

Prima del 1430 era amministratore della diocesi di Tui-Vigo, carica che tenne sino al 1438. Non partecipò al conclave del 1431 che elesse papa Eugenio IV. Presso il nuovo pontefice sostenne la nomina a cardinale di Domenico Capranica, che fu confermato solo due anni dopo. Il 23 marzo di quell'anno il papa lo nominò arcidiacono di Talavera.

Prese parte al concilio di Basilea dove giunse il 21 novembre 1432. Inizialmente si schierò su posizioni conciliariste e contro il potere papale. Il suo prestigio presso i padri del concilio gli ottenne, dopo sei mesi, l'incarico di giudice unico nelle cause della fede, carica che occupò fino al 20 settembre 1434, quando dovette partire per un ambasciata in Italia e fu sostituito dal cardinale Louis Aleman.

Partì in missione per Firenze il 10 settembre insieme al cardinale Niccolò Albergati. L'11 maggio 1435 i due cardinali comunicarono al concilio il fallimento della missione. Il 26 febbraio 1435 giunse a Roma e durante il soggiorno romano si riconciliò con il pontefice. Il 27 marzo 1436 il cardinale Cervantes ritornò a Basilea come legato del papa per risolvere le difficoltà tra Basilea e il Consiglio di Firenze. Rimase a Basilea per quasi un anno come unico rappresentante del papa. In quel periodo Enea Silvio Piccolomini, futuro papa Pio II, divenne il suo segretario privato.

Nel 1437 fu nominato amministratore apostolico della diocesi di Avila, carica che tenne sino al 1441. Dopo la sospensione del papa da parte del Consiglio di Basilea il 24 gennaio 1438, fu nominato insieme ad altri per amministrare gli Stati pontifici, funzione che non dovette concretamente svolgere.

In questo periodo, mentre risiedeva presso abbazia Maris Stella di Wettingen, redasse gli statuti dei Canonici Regolari della Congregazione Ospedaliera del Gran San Bernardo, che furono promulgati con forza di legge il 15 maggio 1438. Nei cinquantatré capitoli dell'ordinanza si definiva dettagliatamente l'organizzazione dell'ospitalità bernardina[1].

Nel 1439 non fu presente ai lavori del concilio di Ferrara-Firenze, né partecipò al conclave tenutosi a Basilea che elesse l'antipapa Felice V. Nel 1440 rientrò in patria a Valladolid. Il 15 settembre celebrò le nozze del principe Enrique (futuro re Enrico IV di Castiglia) con Blanca de Navarra.

All'inizio del 1441 ricevette il re Giovanni II di Castiglia ad Avila. L'anno seguente fu nominato Amministratore della diocesi di Segovia. Papa Eugenio IV lo nominò legato in Lombardia. Il 7 marzo 1446 mutò titolo cardinalizio assumendo la guida della sede suburbicaria di Ostia e Velletri, pur mantenendo le altre commende e l'amministrazione apostolica di Segovia.

Non partecipò al conclave del 1447 che elesse papa Nicolò V. Questi lo nominò amministratore della sede metropolitana di Siviglia il 7 aprile 1449, carica che tenne sino alla morte. Il 13 agosto 1452 fu nominato legato a latere presso il re d'Inghilterra per negoziare la pace con la Francia.

Morì a Siviglia il 25 novembre 1453. È sepolto nella cappella di San Ermenegildo, che egli stesso aveva fatto costruire nella cattedrale metropolitana di Siviglia.


Predecessore: Cardinale presbitero di San Pietro in Vincoli Successore: CardinalCoA PioM.svg
João Afonso Esteves da Azambuja 24 maggio 1426 - 7 marzo 1446 Nicola Cusano I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
João Afonso Esteves da Azambuja {{{data}}} Nicola Cusano
Predecessore: Cardinale vescovo di Ostia e Velletri Successore: CardinalCoA PioM.svg
Antonio Correr 7 marzo 1446 - 25 novembre 1453 Giorgio Fieschi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Correr {{{data}}} Giorgio Fieschi


Note
  1. (FR) Jean-Pierre Voutaz Pierre Rouyer Découvrir le Gran- Saint-Bernard estratto online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.