Yves-Alexandre de Marbeuf

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Yves-Alexandre de Marbeuf
Stemma Y.A. de Marbeuf.jpg
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Y.A. de Marbeuf.jpg

'
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 61 anni
Nascita Rennes
17 maggio 1737
Morte Lubecca
15 aprile 1799
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 4 aprile 1959 da Jean-Armand de Bessuéjouls de Roquelaure
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 19 aprile 1767
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 12 luglio 1767 dall'arcivescovo Antoine de Malvin de Montazet
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo 12 maggio 1788
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org

Yves-Alexandre de Marbeuf (Rennes, 17 maggio 1737; † Lubecca, 15 aprile 1799) è stato un arcivescovo francese.

Cenni biografici

Nacque a Rennes in Bretagna Francia, il 17 maggio 1737, ultimogenito dei cinque figli di Clode-François-Marie e della moglie Marie-Anne nata de Kerousi. Fu battezzato due giorni dopo nella chiesa parrocchiale di Saint-Jean di Rennes. Sei mesi dopo la madre morì.

Dopo i primi studi presso un pensionato di Rennes, a dodici anni fu inviato dal padre, che lo voleva avviare alla carriera ecclesiastica, a Parigi presso il collegio di Plessis. Il 1º settembre 1748 ricevette la tonsura. A soli diciotto anni divenne canonico di Marbeuf. Il 20 aprile 1754 ricevette gli ordini minori e il 26 marzo 1767 il diaconato dalle mani del cardinale Étienne-René Potier de Gesvres, vescovo di Beauvais.

Alla morte di papa Benedetto XIV il giovane canonico de Marbeuf fu scelto come conclavista da mons. Potier de Gesvres che con gli altri cardinale si preparava a partire per il conclave. In tale veste ebbe modo di assistere all'elezione del nuovo pontefice Clemente XIII.

Nel 1760 fu delegato all'Assemblea generale del clero e quello stesso anno ottenne dal re in commenda il priorato di Sait-Jacud nella diocesi di Dol e nel 1763 quello di Domart-en-Ponthieu nella diocesi di Amiens.

Il 19 aprile 1767 fu nominato vescovo della diocesi di Autun, il 12 luglio l'arcivescovo di Lione, Antoine de Malvin de Montazet, nella sua cattedrale, consacrò il suo suffraganeo, assistito dai vescovi Louis-Henri de Rochefort d'Ally Ch della diocesi oggi soppressa di Chalons-sur-Saône e da Gabriel-François Moreau Ch vescovo della diocesi pure soppressa di Mâcon.

Nel 1777 il re lo volle a Parigi come ministro del foglio dei benefici, carica a cui era affidata l'attribuzione delle varie rendite ecclesiastiche nel Regno di Francia. La carica gli procurò molti problemi, la sua imparzialità e integrità lo misero in rotta di collisione con ambienti che si sentirono defraudati e che provocarono ripetute accuse sotto forma di lettere anonime al re. Le accuse portarono mons. de Marbeuf a dover affrontare un processo per simonia dove fu scagionato da tali accuse.

Nel 1782 ricevette in commenda l'Abbazia di Bec, di cui fu l'ultimo abate commendatario, lasciando, come aveva sempre fatto in precedenza, quella ricevuta nel 1774 dei Mauristi di Saint-Florent. Il 1º gennaio 1785 fu nominato cavaliere dell'Ordine dello Spirito Santo.

Il 2 maggio 1788 moriva il primate della Gallia e arcivescovo di Lione de Montazet, grande protettore del partito giansenista. Il vescovo di Autun, inviò immediatamente a Lione il suo vicario generale, l'abate M. Hémery, per assumere l'amministrazione degli affari diocesani e per rimediare alla diffusione del giansenismo. Introdusse immediatamente nei seminari l'obbligo di sottoscrivere il formulario voluto dall'assemblea generale del clero francese, con l'approvazione del pontefice e di re Luigi XIV introdotta in Francia, dopo l'emanazione della bolla di papa Alessandro VII Ad sacram beati Petri sedem, del 16 ottobre 1656, come segno di sottomissione del clero alla Santa Sede.

Nonostante il vescovo avesse chiesto al re di rimanere a capo della sua diocesi, che dirigeva ormai da venti anni, Luigi XVI lo promosse arcivescovo di Lione il 12 maggio 1788. A malincuore accettò l'incarico e il 12 settembre diede le dimissioni da vescovo di Autun e tre giorni dopo, con l'approvazione pontificia, prese possesso dell'arcivescovo di Lione.

Fin dallo scoppio della Rivoluzione, l'arcivescovo, pur avendo accettato nel 1789 gli Stati Generali, si schierò con le forze conservatrici, manifestando soprattutto la sua decisa opposizione alla Costituzione civile del clero. Il 5 dicembre 1790 scrisse una Dichiarazione, indirizzata agli amministratori del dipartimento, dove in dieci punti enunciò il suo totale rifiuto a prestare giuramento alla Costituzione ecclesiastica voluta dai rivoluzionari.

Costretto a fuggire dalla Francia si rifugiò nei territori borbonici della Germania. Alla guida dell'arcidiocesi il clero scismatico nominò Antoine-Adrien Lamourette, nomina che non fu mai confermata dalla Santa Sede. Lamourette fu ghigliottinato l'11 gennaio 1794, pochi giorni prima dell'esecuzione egli scrisse una ritrattazione dei suoi errori dove chiedeva perdono a Dio per la sua nomina arcivescovile scismatica, la ritrattazione fu recapitata all'abate Jacques-André Émery.

L'arcivescovo de Marbeuf continuò dall'esilio a condurre la sua Chiesa lionese ormai clandestina ma non poté più rientrare in diocesi. Morì a Lubecca il 15 aprile 1799.

Predecessore: Vescovo di Autun Successore: BishopCoA PioM.svg
Nicolas de Bouillé de Saint-Géran
1758-1767
1767-1788 Charles-Maurice de Talleyrand-Périgord
1788-1791
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Nicolas de Bouillé de Saint-Géran
1758-1767
{{{data}}} Charles-Maurice de Talleyrand-Périgord
1788-1791
Predecessore: Arcivescovo di Lione
(Primate delle Gallie)
Successore: BishopCoA PioM.svg
Antoine de Malvin de Montazet
1758-1788
1788-1799 Joseph Fesch
1802-1839
(successione legittima)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antoine de Malvin de Montazet
1758-1788
{{{data}}} Joseph Fesch
1802-1839
(successione legittima)
Bibliografia
  • (FR) Charles Monternot, L'Église de Lyon pendant la Révolution Yves-Alexandre de Marbeuf, Lione 1911, online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.