Appartamento Borgia (Musei Vaticani)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
1leftarrow.png Voce principale: Musei Vaticani.


Appartamento Borgia (Musei Vaticani)
MuVa App.Borgia Pinturicchio MitoIside+Osiride 1492--1495.jpg
Pinturicchio, Episodi del mito di Iside ed Osiride (1492 - 1494), affresco
Categoria Musei pontifici
Stato bandiera Città del Vaticano
Regione ecclesiastica [[]]
Regione
Provincia
Comune Città del Vaticano
Località o frazione {{{Località}}}
Diocesi Diocesi di Roma
Vicariato Generale dello Stato della Città del Vaticano
Indirizzo Viale Vaticano - 00165 Roma (RM)
Telefono +39 06 69884676, +39 06 69883145
Fax +39 06 69884019
Posta elettronica musei@scv.va
Sito web [1]
Proprietà Santa Sede
Tipologia arte sacra, architettura
Contenuti dipinti murali
Servizi accoglienza al pubblico, audioguide, archivio storico, biblioteca, biglietteria, bookshops, caffetteria, didattica, fototeca, guardaroba, laboratorio di restauro, punti ristoro, visite guidate, organizzazione e sale per eventi e mostre temporanee, mediateca
Sistema museale di appartenenza Musei Vaticani
Sede Museo Palazzo Pontificio, primo piano
Datazione sede XIII - XV secolo
Sede Museo 2°
Datazione sede 2°
Fondatori Alessandro VI
Data di fondazione
Note
{{{Note}}}
Coordinate geografiche
<span class="geo-dms" title="Mappe, foto aeree ed altre informazioni per Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto.">Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. / {{{latitudine_d}}}, {{{longitudine_d}}} {{{{{sigla paese}}}}}

L'Appartamento di Alessandro VI, parte del percorso di vista dei Musei Vaticani, fu la dimora privata del papa Alessandro VI (1492 - 1503), posta al primo piano del Palazzo Pontificio, edificato tra il XIII e la fine del XV secolo.

La residenza privata, detta anche "stanze segrete", venne decorata dal Pinturicchio, tra il 1492 e 1494, in collaborazione con alcuni suoi allievi, tra cui Benedetto Bonfigli, Pietro da Volterra, Tiberio d'Assisi e Antonio da Viterbo, detto il Pastura.

Dopo la morte di Alessandro VI, l'appartamento non fu più abitato dai papi suoi successori, ma divenne la residenza dei cardinali nipoti, tra cui san Carlo Borromeo, Segretario di Stato e nipote di Pio V

Percorso espositivo ed opere

Il percorso di visita dell'appartamento è costituito da quattordici sale espositive, di cui la seconda non è visitabile.

I - Sala delle Sibille

Pinturicchio, Osea e Sibilla delfica (1492 - 1494) affresco

La sala prende il nome dalle Sibille con i profeti che decorano le dodici lunette delle pareti, ralizzate ad affresco, tra il 1492 ed il 1494, da Pinturicchio con alcuni seguaci. I dipinti murali raffigurano:

Nelle formelle ottagonali dei pennacchi intermedi sono invece raffigurati i Simboli astrologici e i Pianeti e i figli degli stessi, cioè le rappresentazioni delle divinità astrali e del destino riservato agli uomini che nascono sotto l'influsso di queste:

  • Saturno, sul cocchio tirato da draghi, e le opere di carità;
  • Giove, sul cocchio tirato da aquile, e i cacciatori;
  • Venere, col carro tirato da tori, e l'amore;
  • Mercurio, sul carro tirato da cervi, e i mercanti;
  • Luna, col carro tirato da draghi, e pescatori.

In questi ultimi dipinti sorprende che per il papa Alessandro VI non esistesse nessuna contraddizione tra la fede cristiana (e il libero arbitrio che essa invoca) e la convinzione dell'influenza degli astri sulla vita degli uomini.

III - Sala del Credo

La sala prende il nome dal ciclo di dipinti murali con Apostoli e Profeti, disposti a coppie nelle lunette, con cartigli recanti versetti della preghiera del Credo. L'ambiente venne decorato ad affresco, tra il 1492 ed il 1494, da Pinturicchio coadiuvato da alcuni allievi.[5] Essi raffigurano:

Pinturicchio, Filippo e Malachia (1492 - 1494), affresco

IV - Sala delle Arti Liberali

Pinturicchio, Allegoria della Retorica (1492 - 1494), affresco

Questa era la sala da pranzo e lo studio di papa Alessandro VI, decorato ad affresco, tra il 1492 ed il 1494, da Pinturicchio e bottega. Prende il nome dalle Allegorie delle Arti liberali che qui sono raffigurate nelle lunette come dame sedute in trono, ciascuna identificata da un'iscrizione:

  • Allegoria dell'Astronomia: si nota nel dipinto la figura del geografo Tolomeo incoronato;[6]
  • Allegoria della Grammatica;[7]
  • Allegoria della Dialettica;[8]
  • Allegoria della Retorica;[9]
  • Allegoria della Geometria: si nota la figura di Euclide inginocchiato dinanzi, forse presentato con le sembianze di Bramante;[10]
  • Allegoria dell'Aritmetica;[11]
  • Allegoria della Musica.[12]

L'esecuzione di questi affreschi è solo in parte del Pinturicchio, per il resto è attribuibile ai suoi allievi.

V - Sala dei Santi

Questo è l'ambiente dove meglio si riconosce il lavoro del Pinturicchio, che non solo progettò, ma eseguì in gran parte i dipinti murali ad affresco della sala, tra il 1492 ed il 1494. Vi sono raffigurati:

Pinturicchio, Susanna e i vecchioni (1492 - 1494), affresco

Sugli spicchi della volta sono raffigurati ad affresco:

  • Storie di Iside ed Osiride,[19] tra le quali si notano:
    • Osiride insegna a raccogliere la frutta;
    • Api portato in processione: nel dipinto vi è l'assimilazione del sacro bue egiziano con il toro dello stemma del Papa.

In queste immagini traspare un atteggiamento culturale molto audace, poiché nessun pontefice, prima d'ora, si era identificato, per autocelebrarsi con delle divinità pagane.

Sopra la porta che dà accesso alla sala successiva vi è raffigurata:

VI - Sala dei Misteri

Pinturicchio, Papa Alessandro VI (part. Resurrezione di Gesù Cristo ), 1492 - 1494, affresco

La sala è l'ultima di quelle sale affrescate da Pinturicchio, tra il 1492 ed il 1494, che per l'esecuzione si affidò in gran parte ai suoi allievi.

Nelle lunette sono raffigurati:

Negli spicchi delle due volte vi sono otto tondi, che rappresentano:

VII - Sala dei Pontefici

Con questa sala si entra nell'ala ufficiale dell'appartamento pontificio, parte dell'area del palazzo, edificata nel XIV secolo, che serviva per udienze solenni, banchetti, concistori, ecc.

Il soffitto venne decorato con dipinti murali e stucchi, tra il 1520 ed il 1525, da Pietro Bonaccorsi detto Perin del Vaga e Giovanni da Udine, su commissione di papa Leone X; vi sono raffigurati:

  • Angeli in volo, affresco e stucco.[28]
  • Dodici segni zodiacali, costellazioni e i sette pianeti (allora conosciuti), affreschi, tra i quali si nota in particolare:

Sale VIII - XIV

Le ultime sette sale sono:

  • Galleriola o Camera dell'Udienza (sala VIII), dove il pontefice riceveva in colloquio privato.
  • Sala del Pappagallo o del Concistoro segreto (sala IX), dove il papa prendeva e deponeva le vesti pontificali, dove incontrava cardinali, prelati ed ambasciatori e dove venivano trattate le questioni ordinarie o si svolgevano cerimonie particolari come la benedizione della Rosa d'Oro o quella natalizia della Spada (detta Stocco pontificio).
  • Sala dei Paramenti (sala X), dove si vestivano i cardinali; da questa sala si accede alla Sala Ducale (sala XI) ed alla Sala Regia (sala XII): non visitabili.
  • Sala della Falda (sala XIII), cioè la camera da letto di Niccolò V (1447 - 1455) con soffitto ligneo a piccoli riquadri con al centro l'immagine di San Pietro (metà XV secolo).
  • Ultima sala (XIV) è la camera da letto di Alessandro VI.
Note
Bibliografia
  • AA.VV., Guida ai Musei e alla Città del Vaticano, Editore Scala, Firenze 1989, pp. 85 - 89
  • Carlo Bertelli et. al., Storia dell'Arte Italiana, vol. 2, Editore Electa-Bruno Mondadori, Firenze 1991, pp. 274 - 276 ISBN 9788842445227
  • Erminia Giacomini Miari, Paola Mariani, Musei religiosi in Italia, Editore Touring, Milano 2005, p. 104 ISBN 9788836536535
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.