Arcidiocesi di Teresina

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Arcidiocesi di Teresina
Archidioecesis Teresiana
Chiesa latina

Cattedraleteresina.jpg
arcivescovo metropolita Jacinto Furtado de Brito Sobrinho
Sede Teresina

sede vacante
Teresina

Amministratore apostolico {{{amministratore}}}
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: Parametro vescovo eletto senza parametro titolo eletto

Vedi {{Diocesi della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

{{{vescovo eletto}}}
Suffraganea
Regione ecclesiastica Nordeste 4
Stemmateresina.jpg
Stemma
Comune brasiliano di Teresina
Collocazione geografica della diocesi
Regione ecclesiastica
Regione ecclesiastica della diocesi
Nazione bandiera Brasile
diocesi suffraganee
Bom Jesus do Gurguéia, Campo Maior, Floriano, Oeiras, Parnaíba, Picos, São Raimundo Nonato
coadiutore
vicario
provicario
generale
ausiliari

Cariche emerite:

Miguel Fenelon Câmara Filho
Parrocchie 59
Sacerdoti

118 di cui 86 secolari e 32 regolari
8627 battezzati per sacerdote

34 religiosi 169 religiose 19 diaconi
1.195.000 abitanti in 26.995 km²
1.018.000 battezzati (85.2%% del totale)
Eretta 20 febbraio 1902
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
C.P. 70, Av. Frei Serafim 3200, 64020-970 Teresina, PI, Brazil
tel. (086) 222-4350 fax. 221-2221 @

Sito ufficiale
Scheda su gcatholic.org

Dati dall'annuario pontificio 2010 Scheda
Chiesa cattolica in Brasile
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica

L'arcidiocesi di Teresina (in latino: Archidioecesis Teresiana) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica in Brasile appartenente alla regione ecclesiastica Nordeste 4. Nel 2010 contava 1.018.000 battezzati su una popolazione di 1.195.000 persone.

Territorio

L'arcidiocesi comprende i seguenti comuni nella parte centro-occidentale dello stato brasiliano di Piauí: Teresina, Água Branca, Agricolândia, Amarante, Angical do Piauí, Aroazes, Arraial, Barra d'Alcântara, Barro Duro, Curralinhos, Elesbão Veloso, Francinópolis, Francisco Ayres, Hugo Napoleão, Inhuma, Jardim do Mulato, Lagoa Alegre, Lagoa do Piauí, Lagoa do Sítio, Lagoinha do Piauí, Miguel Alves, Miguel Leão, Monsenhor Gil, Novo Oriente do Piauí, Olho d'Água do Piauí, Pimenteiras, Prata do Piauí, Regeneração, Santa Cruz dos Milagres, Santo Antônio dos Milagres, São Félix do Piauí, São Gonçalo do Piauí, São Miguel da Baixa Grande, São Pedro do Piauí, União, Valença do Piauí e Várzea Grande. Confina con le diocesi di Campo Maior, di Crateús, di Picos, di Oeiras-Floriano e di Caxias do Maranhão.

Sede arcivescovile è la città di Teresina, dove si trova la cattedrale di Nostra Signora dei Sette Dolori.

Il territorio si estende su 26.995 km² ed è suddiviso in 59 parrocchie, raggruppate in 9 foranie, di cui 6 urbane e 3 rurali.

Storia

La diocesi di Piauí fu eretta il 20 febbraio 1902 con la bolla Supremum Catholicam Ecclesiam di papa Leone XIII, ricavandone il territorio dalla diocesi di São Luís do Maranhão (oggi arcidiocesi). Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di San Salvador di Bahia.

Il 1º maggio 1906 entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Belém do Pará.

Il 18 giugno 1920 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della prelatura territoriale di Bom Jesus do Piauí (oggi diocesi di Bom Jesus do Gurguéia).

Il 2 dicembre 1921 divenne suffraganea dell'arcidiocesi di São Luís do Maranhão.

Il 16 dicembre 1944 cedette altre porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione delle diocesi di Parnaíba e di Oeiras e contestualmente assunse il nome di diocesi di Teresina in forza della bolla Ad Dominici gregis bonum di papa Pio XII.

Il 9 agosto 1952 è stata elevata al rango di arcidiocesi metropolitana con la bolla Quaemadmodum insignis[1] dello stesso papa Pio XII.

Il 28 ottobre 1974 e il 12 giugno 1975 ha ceduto ulteriori porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente delle diocesi di Picos e di Campo Maior.

Cronotassi dei vescovi

Statistiche

Note
  1. Pio XII (LA) Bolla Quaemadmodum insignis, AAS 45 (1953), p. 168
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.