Basilica dei Santi Giovanni e Paolo (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Basilica dei Santi Giovanni e Paolo al Celio
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Celio - santi Giovanni e Paolo 1782.JPG
Roma, Basilica dei Santi Giovanni e Paolo al Celio
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis
Religione Cattolica
Indirizzo Piazza dei Santi Giovanni e Paolo, 13
00184 Roma (RM)
Telefono +39 06 772711; +39 06 7005745
Fax 06 77271455
Posta elettronica basilica.gioepaolo@passiochristi.org
Sito web

Sito ufficiale

Sito web 2
Proprietà Fondo Edifici di Culto (Stato Italiano)
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione basilicale
Dedicazione Santi Giovanni e Paolo
Vescovo
Sigla Ordine qualificante C.P.
Sigla Ordine reggente C.P.
Fondatore senatore Bizante e il figlio san Pammachio
Data fondazione 398
Architetti

Antonio Canevari (restauro del 1714 - 1718)
Andrea Garagni (restauro del 1714 - 1718)
Filippo Marinucci (cupola)

Stile architettonico Paleocristiano, romanico, barocco
Inizio della costruzione IV secolo, fine
Completamento 1951
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione {{{AnnoInaugur}}}
Inaugurato da {{{InauguratoDa}}}
Data di consacrazione
Consacrato da {{{ConsacratoDa}}}
Titolo Santi Giovanni e Paolo (titolo cardinalizio)
Strutture preesistenti Case romane del II-III secolo, Tempio del Divo Claudio
Pianta
Tecnica costruttiva
Materiali
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni PRESBITER ECCLESI(a)E ROMAN(a)E RITE JOHANNES / H(a)EC ANIMI VOTO DONA VOVENDA DEDIT / MARTYRIBUS CHRISTI PAULO PARITERQUE LO(h)ANNI PASSIO QUOS EADEM CONTULIT ESSE PARES.
Marcatura stemma del cardinale Matteo Orsini
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
41°53′12″N 12°29′34″E / 41.886514, 12.492634 Stemma Roma
Mappa di localizzazione New: Roma
Basilica dei SS. Giovanni e Paolo
Basilica dei SS. Giovanni e Paolo
Basilica di S. Pietro
Basilica di S. Pietro
Basilica di S. Giovanni in Laterano
Basilica di S. Giovanni in Laterano
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Basilica dei Santi Giovanni e Paolo al Celio è un chiesa di Roma, che sorge sull'omonima piazza, situata nel centro storico della città, nel rione Celio.

Storia

Preesistenze romane

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Case romane del Celio.

La basilica è dedicata ai due ufficiali romani Giovanni e Paolo, martirizzati nel 362, durante la persecuzione dell'imperatore Giuliano l'Apostata (331-363), che li fece uccidere e seppellire nella loro stessa casa.

Gli scavi sotto la chiesa hanno effettivamente rinvenuto due case romane risalenti all'inizio del II secolo: la prima era costituita su due livelli, con un edificio termale al piano inferiore e un cortile-ninfeo nel quale si conserva tuttora un dipinto murale del III secolo raffigurante il Ritorno di Proserpina dall'Ade. L'altra casa, adiacente al Clivus Scauri, già alla fine del II secolo aveva assunto l'aspetto di un'insula, ossia un'abitazione plurifamiliare con portico e botteghe al pianterreno e appartamenti ai piani superiori, almeno due, come si può dedurre dalle altrettante file di finestre che si affacciano all'esterno.

Nel III secolo le due abitazioni si unificarono, probabilmente sotto un unico proprietario, assumendo così l'aspetto di una grande domus. Nel corso del IV secolo la destinazione d'uso dell'edificio cambiò: la presenza di dipinti murali cristiani e di un altare rivelano la trasformazione dell'ambiente in luogo di culto, forse proprio in conseguenza del martirio e sepoltura dei due ufficiali romani.

Dalla fondazione al Cinquecento

Basilica di Santi Giovanni e Paolo al Celio (retro)

Fonti antiche attestano che Bizante, ricco senatore romano cristianizzato, avrebbe fondato nel 398 una basilica, completata poi dal figlio Pammachio vir eruditus et nobilis, morto nel 410. Alcuni documenti storici e iscrizioni lapidee, rinvenute in situ, confermano la presenza del luogo di culto già al tempo di papa Leone I (440-461). Il Titulus Pammachii presentava una pianta basilicale a tre navate, divise da due file di colonne e grandi finestre che si aprivano nell'abside e lungo i fianchi. La facciata era invece completamente aperta da cinque arcate, sia al livello del suolo, sia a quello delle finestre. Nel corso del tempo, accanto alla basilica originaria, sorse un piccolo monastero per i canonici che la officiavano.

La chiesa paleocristiana subì purtroppo gravi danni sia dal saccheggio visigoto del 410, sia dal terremoto del 442 che dalla distruzione operata dalle truppe normanne nel 1084, guidate da Roberto il Guiscardo (1015 ca.-1085). Pertanto, alla fine dell'XI secolo si rese necessario un radicale intervento di restauro del complesso celimontano: al tempo di Pasquale II, tra il 1099 e il 1118, a cura del cardinale titolare Teobaldo al quale si deve la riedificazione del monastero e l'inizio della costruzione del campanile, poi completato per volontà del cardinale Giovanni da Sutri (†1182). Nello stesso tempo fu anche eretto, con colonne di spoglio, il portico antistante l'ingresso alla chiesa. Adriano IV (1154-1159) completò l'opera del cardinale Giovanni da Sutri.

Una nuova fase di lavori si ebbe nel 1216 a cura del cardinale Cencio Savelli, poi papa Onorio III (1216-1227), che fece costruire sopra al portico una galleria finestrata e, intorno all'abside, all'esterno, un'altra suggestiva galleria ad archetti, il portale cosmatesco, il pavimento in opus alexandrinum, il ciborio (rimasto in situ fino al 1725) e l'altare sul locus martyrii.

Nel 1448 ai canonici, che avevano cura del complesso, subentrarono i Gesuati, che nel 1598 promossero importanti restauri.

Dal Seicento a oggi

Nel 1668 l'Ordine su soppresso e la basilica fu affidata prima agli Oratoriani, poi ai Domenicani irlandesi e dal 1697 ai Lazzaristi che, tra il 1714 e il 1718, con il contributo del cardinale Fabrizio Paolucci (1651-1726), fecero restaurare e ristrutturare l'interno della chiesa dagli architetti Antonio Canevari (1681-1764) e Andrea Garagni, facendo perdere ogni traccia dell'antico aspetto paleocristiano.

Nel 1773, papa Clemente XIV (1769-1774) concesse la chiesa ai Passionisti che tuttora la officiano.

Nel 1873 la basilica fu espropriata e incamerata dal demanio del Regno d'Italia,[1] successivamente passò in quello della Repubblica italiana, che ancora oggi la gestisce attraverso il Fondo Edifici di Culto (FEC).

Nel 1887, il venerabile Germano Ruoppolo (1850-1909), durante gli scavi archeologici, scoprì i resti delle domus romane sottostanti la chiesa.

Importanti restauri furono effettuati, per volontà del cardinale Francis Joseph Spellman (1889-1967), tra il 1950 e il 1952, durante i quali venne ripristinata la facciata paleocristiana, il portico, il monastero e il campanile e condotto lo scavo dei resti del Tempio del Divo Claudio (I secolo d.C.) sotto il complesso.

La chiesa attualmente è luogo sussidiario di culto della parrocchia di Santa Maria in Domnica alla Navicella e il monastero adiacente è sede della curia generalizia della Congregazione della Passione di Gesù Cristo.

Titolo cardinalizio

La chiesa è sede del titolo cardinalizio di Santi Giovanni e Paolo istituito nel V secolo: l'attuale titolare è il cardinale Jozef De Kesel.

Descrizione

Esterno

Facciata e portico

Il portico, costruito nella metà del XII secolo, è sorretto da otto colonne (tre di granito rosso, tre di granito bigio e due di marmo tasio); i capitelli sono ionici (medioevali) e corinzi. Sull'architrave corre la seguente iscrizione:

(LA) (IT)
« PRESBITER ECCLESI(a)E ROMAN(a)E RITE JOHANNES / H(a)EC ANIMI VOTO DONA VOVENDA DEDIT / MARTYRIBUS CHRISTI PAULO PARITERQUE LO(h)ANNI PASSIO QUOS EADEM CONTULIT ESSE PARES. » « Il presbitero Giovanni, secondo il rito della chiesa romana, dedicando questi doni alla preghiera dell'anima, dedicò ai martiri di Cristo Paolo e Giovanni che la medesima sofferenza li condusse a essere uniti »

Sul muro a destra, sopra la bifora, è visibile lo stemma dipinto del cardinale Matteo Orsini (†1340), titolare della chiesa dal 1327 al 1338.

Basilica di Santi Giovanni e Paolo al Celio, campanile (prima metà del XII secolo)

Sopra al portico è la galleria aggiunta nel 1216, che in origine era più alta (l'altezza primitiva è indicata dai due tronconi di muro che la sovrastano alle estremità); nel corso dei restauri del XX secolo essa fu abbassata per rendere visibile la soprastante pentafora paleocristiana a cinque arcatelle su colonnine con capitelli corinzi di spoglio e rozzi pulvini e con i sottarchi dipinti.

Sotto il portico si apre il portale cosmatesco (XIII secolo) che presenta:

  • sull'architrave, Aquila ad ali spiegate ghermisce un coniglio;
  • nell'intradosso, Fascia di stelle a mosaico;
  • sotto i piedritti, Due leoni accovacciati, simbolo della Chiesa militante e giudicante;

Nella parete di fondo nel portico si conservano due delle colonne che sostenevano la serie di cinque archi che davano accesso alla basilica paleocristiana. Vi sono, inoltre, tracce di dipinti murali ad affresco della metà del XIII secolo, che sovrastano alcuni stemmi dipinti precedentemente.

Sui fianchi sono visibili le finestre molto ravvicinate di epoca paleocristiana, sovrastate da oculi. Inoltre, scendendo lungo il cosiddetto Clivus Scauri, si nota la splendida abside semicircolare della chiesa con galleria ad archetti pensili, risalente al XIII secolo, di stile romanico-lombardo ed esemplare unico a Roma.

Campanile

L'imponente e splendido campanile quadrangolare a 6 ordini, che si erge sul lato destro del sagrato antistante la basilica, venne costruito in due fasi, utilizzando come fondamenta l'angolo meridionale del Tempio del Divo Claudio[2]: nella prima metà del XII secolo i primi due ordini e nella seconda metà del XIII secolo gli ultimi quattro, in occasione della quale la superficie in laterizio fu decorata con croci e dischi di porfido e serpentino e piatti di ceramica di carattere moresco-bizantino. I primi due ordini presentano bifore a pilastro, mentre i successivi hanno coppie di bifore con colonne lisce e capitelli a stampella. I vari piani sono scanditi da cornici costituite da due filari di laterizi a dente di sega, mentre un'edicola con due colonnine marmoree sorreggenti un tetto a due spioventi caratterizza il secondo piano. La cella campanaria accoglie tre campane, una del 1580, un'altra del 1714 e un'altra ancora del 1849.

Cupola

Basilica di Santi Giovanni e Paolo al Celio (interno)

A sinistra della basilica si erge l'incombente cupola fatta costruire sulla cappella di San Paolo della Croce, dai Passionisti nel 1857-1860 secondo un progetto di Filippo Marinucci. La cupola poggia su un alto tamburo cilindrico, sul quale si aprono otto finestre rettangolari; sopra si eleva la calotta semisferica, ricoperta con lastre di ardesia e sovrastata da una lanterna finestrata.

Interno

L'interno della basilica presenta una pianta a tre navate delimitate da sedici colonne originarie di granito bigio del IV secolo, addossate ad altrettanti pilastri realizzati, nel 1715-1718, in occasione dei lavori di ristrutturazione eseguiti dagli architetti Antonio Canevari e Andrea Garagni. Il pavimento, rifatto nel XVIII secolo, include molte parti di quello in opus alexandrinum del XIII secolo.

Navata centrale

La navata centrale, articolata in sei campate, è coperta da un soffitto a lacunari installato nel 1589 e restaurato nel 1904. A metà della navata centrale, una piccola parte del pavimento, delimitata da una ringhiera, dove è posta una lapide commemorativa, indica il luogo in cui i santi Giovanni e Paolo subirono il martirio e furono sepolti.

Navata sinistra

Lungo la navata sinistra sono poste cinque pregevoli cappelle:

Presbiterio e abside

Sul presbiterio, delimitato da una bassa balaustra marmorea e nell'abside semicircolare si notano:

A sinistra del presbiterio si entra in un piccolo ambiente nel quale si conserva un pregevole dipinto murale raffigurante:

Navata destra

Aureliano Milani, San Pammachio (part.), 1716, olio su tela

Lungo la navata destra si notano quattro pregevoli cappelle:

Controfacciata

Sulla controfacciata è collocato:

  • sulla cantoria, Organo a canne (1856), costruito dalla ditta Morettini nel 1856, dalla stessa modificato nel 1902 e infine ampliato nel 1964 dalla ditta Tamburini (opus 469). Lo strumento è a trasmissione elettrica e dispone di 50 registri su tre manuali e pedale.

Sacrestia

Dalla navata destra si accede alla sacrestia, a pianta ottagonale, dove si può ammirare:

Note
  1. Legge 19 giugno 1873, n. 1402
  2. Il Tempio del Divo Claudio (Claudianum) era un edificio, costruito per volontà di Agrippina Minore (15 d.C. - 59 d.C.), nel 54 d.C. per onorare il marito, l'imperatore romano Claudio (10 a.C.-54) divinizzato dopo la morte.
  3. Scheda dell'opera nel Catalogo della Fondazione "Federico Zeri" . URL consultato il 19.09.2020
Bibliografia
  • Istituto di Studi Romani (a cura di), SS. Giovanni e Paolo al Celio, col. "Le chiese di Roma: cenni religiosi, storici, artistici", Tip. Centenari, Roma, 1956
  • Ferruccio Lombardi, Roma. Chiese conventi chiostri. Progetto per un inventario, 313-1925, Edil Stampa, Roma, 1993, pp. 350-351
  • Adriano Prandi, SS. Giovanni e Paolo, col. "Le chiese di Roma illustrate", Marietti, Roma, 1957
  • Claudio Rendina, Le Chiese di Roma. Storia e segreti, col. "Tradizioni italiane", Newton & Compton, Roma, 2017, pp. 135-138, ISBN 9788854188358
  • Touring Club Italiano (a cura di), Roma, col. "Guide Rosse", Touring, Milano, 2005, pp. 517-518, ISBN 9770390107016
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.