Stanislao Sanseverino

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Stanislao Sanseverino
Cardinale
Stemma cardinale.png
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
battezzato
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
{{{motto}}}

Card. Sanseverino.jpg

Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 61 anni
Nascita Napoli
13 luglio 1764
Morte Forlì
11 maggio 1826
Sepoltura Cattedrale di Forlì
Conversione
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale in data sconosciuta
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo mai nominato
Nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile mai consacrato
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creato
Cardinale in pectore
8 marzo 1816 da Pio VII (vedi)
Pubblicato
Cardinale
22 luglio 1816 da Pio VII (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 9 anni, 9 mesi e 20 giorni
Cardinale elettore
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione a
pseudocardinale
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Consacrazione {{{Consacrazione}}}
Insediamento {{{Insediamento}}}
Fine pontificato {{{Fine pontificato}}}
Pseudocardinali creati {{{Pseudocardinali creati}}}
Sede {{{Sede}}}
Opposto a
Sostenuto da
Scomunicato da
Confermato cardinale {{{Confermato cardinale}}}
Nomina a pseudocardinale annullata da {{{Annullato da}}}
Riammesso da
Precedente {{{Precedente}}}
Successivo {{{Successivo}}}
Incarichi ricoperti
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato


Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Stanislao Sanseverino (Napoli, 13 luglio 1764; † Forlì, 11 maggio 1826) è stato un cardinale italiano.

Cenni biografici

Nacque a Napoli, figlio di Pietro Antonio Sanseverino, principe di Bisignano, e della principessa Aurelia nata Caracciolo di Torella. La famiglia ha dato alla Chiesa diversi cardinali: Guglielmo Sanseverino (1378); Federico Sanseverino (1489); Antonio Sanseverino O.S.Io.Hieros. (1527); Lucio Sanseverino (1621).

Ricevette un'eccellente educazione confacente al suo rango che ultimò a Roma presso Pontificia Accademia Ecclesiastica di Nobili dal 1782.

Avviato alla carriera prelatizia nel 1783, fu nominato prelato domestico e reggente della Cancelleria Apostolica. Dal 1787 fu promosso referendario dei tribunali della Segnatura Apostolica di giustizia e di grazia, dal 1789 fu relatore della Sacra Consulta, dal 1789 al 1793 fu vice-legato in Romagna. Nel 1800 il nuovo pontefice Pio VII lo volle chierico della Camera Apostolica e dal 1807 fu presidente delle strade. Fu pro-governatore di Roma dal 12 luglio 1815 fino alla sua promozione al cardinalato.

Cardinalato

Fu nominato cardinale in pectore nel concistoro del 8 marzo 1816 e pubblicato nel concistoro successivo. Ricevette la berretta rossa il 25 luglio e il 23 settembre la diaconia di Cardinale diacono di Santa Maria in Portico Campitelli, con dispensa pontificia per non aver ancora ricevuto gli ordini sacri. Dal 1818 fu legato a Forlì, carica che ricoprì sino alla morte.

Prese parte al conclave del 1823 che elesse papa Leone XII. Nel 1825 optò per la diaconia di santa Maria ad Martyres con ulteriore proroga per non aver ricevuto gli ordini sacri.

Morte

Morì a Forlì l'11 maggio 1826. Fu esposto nella cattedrale di Forlì dove si tennero i funerali celebrati dal vescovo Andrea Bratti (Ch) e dove tuttora riposa.

Successione degli incarichi

Predecessore: Pro-Governatore di Roma Successore: Emblem Holy See.svg
- 12 luglio 1815 - 22 luglio 1816 - I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} -
Predecessore: Cardinale diacono di Santa Maria in Portico Campitelli Successore: CardinalCoA PioM.svg
Charles Erskine of Kellie 23 settembre 1816 - 21 marzo 1825 Belisario Cristaldi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Charles Erskine of Kellie {{{data}}} Belisario Cristaldi
Predecessore: Cardinale diacono di Santa Maria ad Martyres Successore: CardinalCoA PioM.svg
Ercole Consalvi 21 marzo 1825 - 11 maggio 1826 Agostino Rivarola I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ercole Consalvi {{{data}}} Agostino Rivarola
Bibliografia