Antonio Gaetano Cantoni

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Antonio Gaetano Cantoni
Stemma Antonio Cantoni.jpg
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

[[File:|250px]]

{{{didascalia}}}
'
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 72 anni
Nascita Faenza
7 agosto 1709
Morte Ravenna
2 novembre 1781
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 26 ottobre 1738
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 17 dicembre 1742 da Benedetto XIV
nominato arcivescovo 28 settembre 1767 da Clemente XIII
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 23 dicembre 1742 dal Papa Benedetto XIV
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org

Antonio Gaetano Cantoni (Faenza, 7 agosto 1709; † Ravenna, 2 novembre 1781) è stato un arcivescovo italiano.

Cenni biografici

Antonio Gaetano nacque a Faenza il 7 agosto 1709 dal conte Giovanni Battista e da Giuditta dei conti Cattoli. La famiglia paterna era di origine lombarda, un ramo della quale si era trasferito in Romagna alla metà del XVII secolo.

Dopo la prima istruzione avuta in casa, ove ebbe degli ottimi precettori, appena adolescente il Cantoni fu inviato presso il collegio dei nobili di Bologna. Per sospetta tisi fu costretto a ritornare a Faenza e soltanto dopo molti mesi di assidue cure la famiglia decise di fargli riprendere gli studi. Fu quindi nel collegio regio-ducale di Parma, dove compì corsi letterari e filosofici e poi quelli teologici.

Non ancora ventenne fu mandato a Roma per iniziarvi la carriera prelatizia e conseguire una laurea in giurisprudenza che gli consentisse di raggiungere una brillante posizione in curia. Spinto da sincera vocazione religiosa ricevette gli ordini sacri nel 1738 e divenne poi segretario, per la compilazione delle suppliche, di monsignor Giuseppe Livizzani Mulazzani, segretario dei memoriali di Benedetto XIV. Nel 1741 divenne, per breve tempo, cameriere d'onore in abito paonazzo di questo papa, che lo predilesse per la sua moralità rigorosa. Conseguita la laurea in utroque iure alla Sapienza il 7 dicembre 1742, dieci giorni dopo fu nominato vescovo della sua città natale. Fu consacrato dallo stesso pontefice il 23 dicembre, ricevendo anche il titolo di assistente al soglio pontificio.

Fece il solenne ingresso nella diocesi di Faenza il 7 febbraio 1743 e sin da subito si dimostrò vescovo esemplare e ligio ai canoni tridentini. Condusse una vita frugale, indicendo frequentemente le missioni popolari e compiendo numerose visite pastorali. Nel giugno del 1748 tenne a Faenza un sinodo diocesano, cui parteciparono più di mille ecclesiastici.

Nel 1767 fu trasferito all'arcivescovado di Ravenna e decorato del pallio. Giunse a Ravenna il 22 ottobre in un momento di grande disagio economico a seguito delle alluvioni e della carestia degli anni precedenti. La sua attività pastorale si svolse secondo le ormai consuete abitudini. Da un lato svolse una rigorosa opera di prevenzione nel campo morale, ottenendo tra l'altro nel 1771 l'abiura pubblica di due supposti quietisti. Dall'altro sviluppò al massimo le istituzioni caritatevoli, restaurando gli ospedali e istituendo due conservatori, uno degli orfani detto dei Figli della Misericordia, l'altro delle pericolanti detto delle Figlie della Provvidenza aperti nel 1769 e distribuendo frequenti elemosine ai poveri.

Morì a Ravenna il 2 novembre 1781.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo di Faenza Successore: Stemma vescovo.png
Niccolò Maria Lomellini (Ch), C.R.S. 17 dicembre 1742 - 28 settembre 1767 Vitale Giuseppe de'Buoi (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Niccolò Maria Lomellini (Ch), C.R.S. {{{data}}} Vitale Giuseppe de'Buoi (Ch)
Predecessore: Arcivescovo metropolita di Ravenna Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Niccolò Oddi, S.I. 28 settembre 1767 - 2 novembre 1781 Antonio Codronchi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Niccolò Oddi, S.I. {{{data}}} Antonio Codronchi
Bibliografia
  • Francesco Raco, CANTONI, Antonio Gaetano su treccani.it, Treccani Dizionario degli Italiani, 1975 URL consultato il 05-05-2019

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.