Niccolò Oddi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Niccolò Oddi, S.J.
Cardinale
Ra ODDI GIACOBBE 062.jpg
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
battezzato
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
{{{motto}}}

Card. Oddi Nicola.jpg

Ritratto di Niccolò Oddi; Lucerna, convento dei Cappuccini, Galleria dei nunzi
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 51 anni
Nascita Perugia
26 settembre 1715
Morte Arezzo
25 maggio 1767
Sepoltura Chiesa di Sant'Ignazio (Arezzo)
Conversione
Appartenenza Compagnia di Gesù
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono 30 dicembre 1753
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 1º gennaio 1754
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo {{{nominato}}}
Nominato arcivescovo 14 gennaio 1754 da Benedetto XIV
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Viterbo, 20 gennaio 1754 dal card. arc. Giacomo Oddi
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creato
Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto.
(vedi)
Creato
Cardinale
26 settembre 1766 da Clemente XIII (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 7 mesi e 29 giorni
Cardinale elettore
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione a
pseudocardinale
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Consacrazione {{{Consacrazione}}}
Insediamento {{{Insediamento}}}
Fine pontificato {{{Fine pontificato}}}
Pseudocardinali creati {{{Pseudocardinali creati}}}
Sede {{{Sede}}}
Opposto a
Sostenuto da
Scomunicato da
Confermato cardinale {{{Confermato cardinale}}}
Nomina a pseudocardinale annullata da {{{Annullato da}}}
Riammesso da
Precedente {{{Precedente}}}
Successivo {{{Successivo}}}
Incarichi ricoperti
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato


Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Niccolò Oddi (Perugia, 26 settembre 1715; † Arezzo, 25 maggio 1767) è stato un cardinale, arcivescovo e nunzio apostolico italiano.

Cenni biografici

Nacque a Perugia, primogenito dei cinque figli di Marcantonio, conte di Schifanoia, e della contessa Altavilla Ranieri. Suoi fratelli erano Ercole, Cornelio, Marcantonio e Grifone.

Dopo i suoi primi studi a Perugia Niccolò visse a Venezia, dove lo zio Giacomo fu nunzio apostolico tra il 1735 e il 1739 e dove si era trasferito il nonno Francesco una volta rimasto vedovo. Assistette con certa regolarità il nonno fino alla sua morte, avvenuta nel 1751 all'età di novanta anni, e contemporaneamente completò la sua preparazione giuridica a Roma presso l'università della Sapienza, dove si laureò in utroque iure il 16 novembre 1746. Il 15 dicembre dello stesso anno, entrò in prelatura, tra i referendari delle Due segnature.

Nell'aprile del 1747 seguì lo zio a Ravenna quale vice-legato alla legazione di Romagna e nel 1749 a Viterbo quando lo zio vi divenne arcivescovo. Nel 1751 divenne prelato domestico di Sua Santità e dal dicembre di quell'anno al 1753 fu relatore ponente della Sacra Congregazione della Consulta.

In vista della nunziatura nel 1753, ricevette gli ordini minori e il 1° gennaio 1754 fu ordinato sacerdote. Il 14 gennaio successivo fu nominato da papa Benedetto XIV arcivescovo titolare di Traianopoli, ricevendo la consacrazione a vescovo il 20 gennaio nella cattedrale di Viterbo dallo zio Giacomo, che ebbe come concelebranti il vescovo di Nepi e Sutri Giacinto Silvestri (Ch) e il vescovo di Civita Castellana e Ortona Santo Lanucci (Ch).

Il 12 febbraio 1754 fu destinato alla nunziatura apostolica a Colonia, dove giunse il 9 agosto seguente. Qui cercò di destreggiarsi nel difficile rapporto con il principe elettore e arcivescovo Clemente Augusto di Baviera, seguendo altresì con apprensione l'attivismo prussiano che minacciava le regioni cattoliche della Germania. Il 4 dicembre 1759 fu spostato nella Nunziatura apostolica in Svizzera, che raggiunse il 16 agosto dell'anno seguente. Nella sua prima lettera da Lucerna raccontò di un viaggio disastroso e iniziò a denunciare le sue cattive condizioni di salute. Già in ottobre ottenne perciò il permesso di tornare in Italia, a Perugia, per curarsi e vi rimase sino alla fine dell'anno dopo.

In Svizzera l'impegno costante di Oddi per impedire la stampa di libri antipapali e antigesuitici da parte delle tipografie della famiglia Agnelli[1] a Lugano, di Fortunato Bartolomeo de Felice[2] a Yverdon e di François Grasset[3] a Losanna non ebbe successo. Nel 1760 in occasione dell'elezione a vescovo di mons. Franz Friedrich Ambühl[4], Oddi e il suo sostituto Giovanni Battista Donati appoggiarono il capitolo cattedrale di Sion nella sua opposizione alle ingerenze dalle autorità cantonali. Nel 1763 compì una visita pastorale al capitolo di S. Nicola a Friburgo, percorso da gravi irregolarità. A differenza di altri nunzi, Oddi godette di un'ottima reputazione presso il ceto dirigente lucernese.[5]

Nel dicembre 1763 ricevette la notizia che sarebbe dovuto partire presto per la Dieta di Francoforte per partecipare all'elezione del nuovo re dei Romani. Dalla corrispondenza di Oddi a Roma sappiamo che il nunzio straordinario non riusciva a farsi ascoltare, stava male, la casa dove dimorava era in rovina. Fu poi ricevuto dal neoeletto re Giuseppe II d'Asburgo-Lorena con tutti gli onori dovuti. Essendosi lamentato di come l'avevano trattato gli altri ambasciatori, riuscì a impressionare il sovrano che si impegnò con lui a sostenere sempre le ragioni della Santa Sede.

Nel 1764 ricevette la conduzione della sede metropolitana di Ravenna. Prima di raggiungere la città, nel gennaio 1765, vi spedì una lettera pastorale piena di pietà. In quella sede fu accolto con un certo calore, anche per il ricordo che aveva lasciato quale vice-legato di Romagna venti anni prima.

Cardinalato

Nel concistoro del 26 settembre 1766 fu creato cardinale da papa Clemente XIII con speciale dispensa dovuta al fatto di avere già nel Collegio cardinalizio lo zio Giacomo. Il 1° dicembre 1766 fu destinato legato di Romagna, ma nel marzo 1767, mentre si trovava a Perugia, cadde gravemente ammalato.

Si recò quindi ad Arezzo per sottoporsi a delle cure dove giunse il 12 maggio. Alloggiò nel convento locale dei cappuccini per poi spostarsi in una casa gesuita posta fuori dal centro urbano.

Morte

Qui però le sue condizioni peggiorarono fino a condurlo alla morte, poco più che cinquantenne, il 25 maggio 1767.

Appena prima di spirare fece solenne professione alla Compagnia di Gesù. Fu esposto nella chiesa dei Gesuiti di Arezzo, ove si svolsero i funerali e fu sepolto.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo titolare di Traianopoli di Rodope Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Francisco de Solís Folch de Cardona 14 gennaio 1754 - 20 febbraio 1764 Alexandre Angélique de Talleyrand-Périgord I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francisco de Solís Folch de Cardona {{{data}}} Alexandre Angélique de Talleyrand-Périgord
Predecessore: Nunzio apostolico a Colonia Successore: Flag of the Vatican City.svg
Girolamo Spinola 12 febbraio 1754 - 4 dicembre 1759 Cesare Alberico Lucini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Spinola {{{data}}} Cesare Alberico Lucini
Predecessore: Nunzio apostolico in Svizzera Successore: Flag of the Vatican City.svg
Giovanni Ottavio Bufalini 4 dicembre 1759 - 20 febbraio 1764 Luigi Valenti Gonzaga I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Ottavio Bufalini {{{data}}} Luigi Valenti Gonzaga
Predecessore: Arcivescovo metropolita di Ravenna Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Ferdinando Romualdo Guiccioli (Ch), O.S.B. 20 febbraio 1764 - 25 maggio 1767 Antonio Gaetano Cantoni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ferdinando Romualdo Guiccioli (Ch), O.S.B. {{{data}}} Antonio Gaetano Cantoni
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria in Ara Coeli Successore: CardinalCoA PioM.svg
Baldassarre Cenci (1710-1763) 1º dicembre 1766 - 25 maggio 1767 Vitaliano Borromeo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Baldassarre Cenci (1710-1763) {{{data}}} Vitaliano Borromeo
Predecessore: Legato pontificio di Romagna Successore: Emblem Holy See.svg
Ignazio Michele Crivelli 1º dicembre 1766 - 25 maggio 1767 Enea Silvio Piccolomini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ignazio Michele Crivelli {{{data}}} Enea Silvio Piccolomini
Note
  1. Agnelli sul Dizionario storico della Svizzera
  2. Felice, Fortunato Bartolomeo de sul Dizionario storico della Svizzera
  3. Grasset, François sul Dizionario storico della Svizzera
  4. Ambühl, Franz-Friedrich sul Dizionario storico della Svizzera
  5. Oddi, Niccolò sul Dizionario storico della Svizzera
Bibliografia
  • Antonio Menniti Ippolito, ODDI, Niccolò su treccani.it, Treccani Dizionario degli Italiani, 2013 URL consultato il 05-03-2019