Domenico Jorio

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Domenico Jorio
Stemma domenico jorio.JPG
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Immagine domenico jorio.jpg

{{{didascalia}}}
De forti dulcedo
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte 84 anni
Nascita Villa Santo Stefano
7 ottobre 1867
Morte Roma
21 ottobre 1951
Sepoltura Basilica di Sant'Apollinare (Roma)
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Palestrina, 17 settembre 1891
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
16 dicembre 1935 da Pio XI (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Domenico Jorio (Villa Santo Stefano, 7 ottobre 1867; † Roma, 21 ottobre 1951) è stato un cardinale italiano.

Biografia

La formazione e il ministero sacerdotale

Nacque il 7 ottobre 1867 a Villa San Stefano, diocesi di Ferentino nello Stato Pontificio. Dopo gli studi al Seminario diocesano di Ferentino, si trasferì al Pontificio Seminario Romano a Roma, dove ottenne i dottorati in teologia e diritto utroque iure, sia canonico che civile.

Fu ordinato presbitero il 17 settembre 1891 a Palestrina; dopo ulteriori studi a Roma, svolse il ministero sacerdotale nella diocesi di Roma e di membro del personale della Dataria apostolica fino al 1918. Fu nominato Cameriere privato di Sua Santità il 15 novembre 1901 da Leone XIII e riconfermato il 16 dicembre 1903 da Pio X. Benedetto XV lo confermò il 9 settembre 1914 e l'anno seguente lo nominò Prelato domestico di Sua Santità l'11 marzo 1915. Il 30 novembre 1918 fu nominato Protonotario apostolico, promosso Segretario della Dataria apostolica e sottosegretario della Sacra Congregazione per la Disciplina dei Sacramenti, di cui divenne segretario dal 5 gennaio 1928. Fu vice economo del Pontificio Seminario Romano dal 15 dicembre 1930.

Il cardinalato

Creato cardinale diacono da Pio XI nel concistoro del 16 dicembre 1935, ricevette il cappello rosso e la diaconia di Sant'Apollinare il 19 dicembre successivo. Il suo motto da cardinale era De forti dulcedo. Fu contestualmente nominato Prefetto della Sacra Congregazione per la Disciplina dei Sacramenti il 20 dicembre 1935. Partecipò al conclave del 1939 che elesse Papa Pio XII. Optato per l'ordine dei cardinali presbiteri, la sua diaconia fu elevata pro illa vice a titolo il 18 febbraio 1946. Fu Camerlengo del Sacro Collegio Cardinalizio dal 21 giugno 1948 al 14 marzo 1949.

La morte

Morì di attacco di cuore Giovedì 21 ottobre 1954 alle 12:15 nel suo appartamento nel Palazzo del Sant'Uffizio a Roma. Il rito funebre fu celebrato nella chiesa di Sant'Andrea della Valle a Roma, lunedì 25 ottobre seguente. Al termine, il corpo fu traslato nella chiesa di Sant'Apollinare a Roma.


Successione degli incarichi

Predecessore: Sottosegretario della Congregazione dei Sacramenti Successore: Emblem Holy See.svg
- 24 ottobre 1908 - 5 gennaio 1928 Arturo Mazzoni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Arturo Mazzoni
Predecessore: Segretario della Dataria Apostolica Successore: Emblem Holy See.svg
- 20 ottobre 1918 - 5 gennaio 1928 - I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} -
Predecessore: Segretario della Congregazione per la Disciplina dei Sacramenti Successore: Emblem Holy See.svg
Luigi Capotosti 5 gennaio 1928 - 16 dicembre 1935 Francesco Bracci I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Luigi Capotosti {{{data}}} Francesco Bracci
Predecessore: Cardinale diacono di Sant'Apollinare alle Terme Neroniane-Alessandrine Successore: CardinalCoA PioM.svg
- 16 dicembre 1935 - 21 ottobre 1954
(Titolo presbiterale pro illa vice dal 18 febbraio 1946)
Domenico Tardini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Domenico Tardini
Predecessore: Prefetto della Congregazione per la Disciplina dei Sacramenti Successore: Emblem Holy See.svg
Michele Lega 20 dicembre 1935 - 21 ottobre 1954 Benedetto Aloisi Masella I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Michele Lega {{{data}}} Benedetto Aloisi Masella
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Camerlengo.svg
Federico Tedeschini 21 giugno 1948 - 14 marzo 1949 Massimo Massimi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Federico Tedeschini {{{data}}} Massimo Massimi
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.