Federico Tedeschini

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Federico Tedeschini
Stemma Cardinal Federico Tedeschini.PNG
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Immagine Federico Tedeschini.jpg

{{{didascalia}}}
Omnia et in omnibus Christus
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte 86 anni
Nascita Rieti
12 ottobre 1873
Morte Roma
2 novembre 1959
Sepoltura grotte della Basilica di San Pietro in Vaticano
Appartenenza Diocesi di Rieti
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Rieti, 15 luglio 1896 dal vescovo Domenico Rinaldi
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 30 aprile 1921 da Papa Benedetto XV
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Cappella Sistina, 5 maggio 1921 dal Papa Benedetto XV
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
13 marzo 1933 da Pio XI (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Federico Tedeschini (Rieti, 12 ottobre 1873; † Roma, 2 novembre 1959) è stato un arcivescovo, cardinale e diplomatico italiano.

Biografia

La formazione e il ministero sacerdotale

Nacque il 12 ottobre 1873 a Rieti, figlio di Patrizio Tedeschini e Rosa Serani. Nipote del cardinale Giuseppe D'Annibale da parte di madre, era conterraneo del cardinale Nicola Canali, di un anno più giovane.

Entrato a 11 anni nel seminario diocesano di Rieti, si trasferì in seguito al Pontificio Seminario Romano e al Seminario Pio a Roma, dove completò gli studi presso le università pontificie laureandosi in filosofia, teologia e diritto utroque iure. Frequentò poi, con ottimi risultati, l'Istituto di alta letteratura, fondato da Leone XIII presso la Pontificia Università Lateranense.

Fu ordinato presbitero il 15 luglio 1896 nella cattedrale di Rieti dal vescovo di Montefiascone Domenico Rinaldi. Divenuto nel 1898 insegnante del Seminario di Rieti e canonico teologo del capitolo della cattedrale, nel 1901 si trasferì per approfondire gli studi a Roma all'Apollinare. Fu assunto come minutante della Segreteria di Stato al fianco dell'allora sostituto per gli affari Generali della Segreteria di Stato Giacomo Della Chiesa. Nominato da Pio X Prelato domestico di Sua Santità il 18 marzo 1908, divenne Cancelliere dei Brevi Apostolici dal 20 ottobre 1908; si occupò della stesura del nuovo ordinamento che risulta essere quello attualmente in uso. Quando Della Chiesa divenne Papa col nome di Benedetto XV e il cardinale Ferrata Cardinale Segretario di Stato, Tedeschini fu promosso Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato e Segretario della Cifra il 24 settembre 1914[1]. Si adoperò nella preparazione di una bozza di accordo in vista di una sospirata Conciliazione fra Stato e Chiesa.

Il ministero episcopale e l'attività diplomatica

Nominato Nunzio apostolico in Spagna il 31 marzo 1921, fu eletto da Benedetto XV arcivescovo titolare di Lepanto il 30 aprile seguente. La consacrazione avvenne il 5 maggio nella Cappella Sistina in Vaticano da parte del Papa stesso, assistito da Giovanni Battista Nasalli Rocca di Corneliano, arcivescovo titolare di Tebe, Elemosiniere di Sua Santità e da Agostino Zampini, O.S.A, vescovo titolare di Porfireone, sacrestano di Sua Santità. Il suo motto episcopale era "Omnia et in omnibus Christus". In tale veste nel 1929, con speciale mandato della Santa Sede, compì la visita apostolica nella Catalogna e fu il fondatore dell'Azione Cattolica spagnola. La sua opera instancabile per il bene delle anime e della nazione ebbe pubblica riconoscenza quando il governo repubblicano lo insignì della Gran Croce di Isabella la cattolica.

Il cardinalato

Creato cardinale da Pio XI riservato in pectore nel concistoro del 13 marzo 1933, fu reso pubblico nel concistoro del 16 dicembre 1935; ricevette il cappello rosso e il titolo di cardinale presbitero di Santa Maria della Vittoria il 18 giugno successivo. Nominato Datario della Dataria apostolica il 25 febbraio 1938 conservò la carica fino alla morte. Partecipò al conclave del 1939, che elesse Papa Pio XII; il nuovo Papa lo nominò Arciprete della Basilica di San Pietro il 14 marzo 1939. Fu Camerlengo del Collegio Cardinalizio dal 18 febbraio 1947 al 1948. Optò per l'ordine dei cardinali vescovi e la sede suburbicaria di Frascati il 28 aprile 1951. Fu Cardinale legato alle celebrazioni in onore della Madonna di Fatima in Portogallo il 24 settembre 1951, al 35º Congresso Eucaristico Internazionale di Barcellona in ​​Spagna il 10 maggio 1952 e al Congresso Eucaristico-Mariano Nazionale svoltosi a Lima in Perù il 8 novembre 1954. Partecipò al conclave del 1958, che elesse Papa Giovanni XXIII.

La morte

Morì per un tumore intestinale, per il quale era stato operato poco prima della sua morte, il 2 novembre 1959 alle 4:30 del mattino nel "palazzo della Dataria Apostolica" a Roma. Fu sepolto nelle Grotte vaticane della Basilica di San Pietro.

Onorificenze

Onorificenze italiane

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana
«Cardinale»
— 12 gennaio 1953[2]

Onorificenze straniere

Gran Croce al Merito dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca (Repubblica Federale Tedesca) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce al Merito dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca (Repubblica Federale Tedesca)
— 1958
Balì Cavaliere di Gran Croce di Onore e Devozione per i Cardinali di Santa Romana Chiesa (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria Balì Cavaliere di Gran Croce di Onore e Devozione per i Cardinali di Santa Romana Chiesa (SMOM)
Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 1935
Collare dell'Ordine di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
— 1946

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Cancelliere dei Brevi Apostolici Successore: Emblem Holy See.svg
- 20 ottobre 1908 - 24 settembre 1914 Nicola Sebastiani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Nicola Sebastiani
Predecessore: Segretario della Cifra Successore: Emblem Holy See.svg
Nicola Canali 24 settembre 1914 - 31 marzo 1921 Giuseppe Pizzardo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Nicola Canali {{{data}}} Giuseppe Pizzardo
Predecessore: Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato Successore: Emblem Holy See.svg
Nicola Canali 24 settembre 1914 - 31 marzo 1921 Giuseppe Pizzardo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Nicola Canali {{{data}}} Giuseppe Pizzardo
Predecessore: Nunzio apostolico in Spagna Successore: Emblem Holy See.svg
Francesco Ragonesi 31 marzo 1921 - 16 dicembre 1935 Gaetano Cicognani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Ragonesi {{{data}}} Gaetano Cicognani
Predecessore: Arcivescovo titolare di Lepanto Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Achille Ratti 30 aprile 1921 - 16 dicembre 1935 Maurilio Silvani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Achille Ratti {{{data}}} Maurilio Silvani
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria della Vittoria Successore: CardinalCoA PioM.svg
Angelo Maria Dolci 18 giugno 1936 - 28 aprile 1951 Giuseppe Siri I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Angelo Maria Dolci {{{data}}} Giuseppe Siri
Predecessore: Datario della Dataria Apostolica Successore: Emblem Holy See.svg
Luigi Capotosti 25 febbraio 1938 - 2 novembre 1959 Paolo Giobbe I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Luigi Capotosti {{{data}}} Paolo Giobbe
Predecessore: Arciprete della Basilica di San Pietro in Vaticano Successore: StPetersDomePD.jpg
Eugenio Pacelli 14 marzo 1939 - 2 novembre 1959 Paolo Marella I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Eugenio Pacelli {{{data}}} Paolo Marella
Predecessore: Presidente della Fabbrica di San Pietro Successore: StPetersDomePD.jpg
Eugenio Pacelli 14 marzo 1939 - 2 novembre 1959 Domenico Tardini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Eugenio Pacelli {{{data}}} Domenico Tardini
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Raffaele Carlo Rossi, O.C.D. 18 febbraio 1947 - 10 marzo 1948 Domenico Jorio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Raffaele Carlo Rossi, O.C.D. {{{data}}} Domenico Jorio
Predecessore: Cardinale vescovo di Frascati Successore: Stemma cardinale.png
Francesco Marchetti Selvaggiani 28 aprile 1951 - 2 novembre 1959 Gaetano Cicognani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Marchetti Selvaggiani {{{data}}} Gaetano Cicognani
Note
  1. Acta Apostolicae Sedis - Commentarium Officiale 1914, op. cit., p. 525
  2. Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
Bibliografia

Ileana Tozzi, curatrice - Monsignor Federico Tedeschi, il cardinale, la sua città (1873-1959): atti del Convegno di Studi, Antrodoco, 19 luglio 2003: Comune di Antrodoco, 2004;


Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.