Enea Silvio Piccolomini Rustichini

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Enea Silvio Piccolomini Rustichini
Cardinale
Ra PICCOLOMINI SILVIO 068.jpg
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
'

1766 AENEAS SYLVIUS PICCOLOMINEUS - PICCOLOMINI RUSTICHINI ENEA SILVIO.JPG

Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 59 anni
Nascita Siena
22 agosto 1709
Morte Rimini
18 novembre 1768
Sepoltura Cattedrale di Santa Colomba (Rimini)
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale non si hanno informazioni
Ordinazione presbiterale [[]]
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo {{{nominato}}}
Nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile non si hanno informazioni
Consacrazione vescovile [[ ]]
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
26 settembre 1766 da Clemente XIII (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 2 anni, 1 mese e 22 giorni
Cardinale elettore
Incarichi ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato


Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Enea Silvio Piccolomini Rustichini (Siena, 22 agosto 1709; † Rimini, 18 novembre 1768) è stato un cardinale italiano.

Cenni biografici

Nato a Siena il 22 agosto 1709, figlio di Ranieri e Camilla nata Franceschi, apparteneva a una famiglia che diede alla Chiesa cattolica due papi, Pio II e Pio III e altri tre cardinali, Giovanni Piccolomini (1517), Celio Piccolomini (1664) e Giacomo Piccolomini (1844).

Nel 1729 si stabilì a Roma abbracciando la vita ecclesiastica. Fu nominato da papa Clemente XII segretario delle lettere latine. Dal 1738 fu referendario del tribunale della Segnatura. Alla morte di Clemente XII fu oratore ai suoi funerali.

Papa Benedetto XIV nel 1743 lo nominò consultore della Congregazione dei Riti e nel 1745 presidente della Camera Apostolica. Nel 1750 fu nominato prefetto degli Archivi. Papa Clemente XIII lo nominò nel 1759 commissario generale delle Armi e sovraintendente degli Ergastoli, governatore di Roma e vice-camerlengo da novembre 1761 a settembre 1766.

Cardinalato

Fu creato cardinale diacono nel concistoro del 26 settembre 1766. Il 1º dicembre 1766 ricevette la berretta rossa e la diaconia di Sant'Adriano al Foro. Il 25 gennaio 1768 fu nominato legato papale in Romagna. Fu abate commendatario di vari conventi.

Morte

Morì a Rimini il 18 novembre 1768, nel viaggio verso la Romagna per assumere il nuovo incarico. Le sue spoglie riposano nella cattedrale cittadina.

Successione degli incarichi

Predecessore: Governatore di Roma Successore: Emblem Holy See.svg
Cornelio Caprara 27 novembre 1762 - 26 settembre 1766 Antonio Casali I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Cornelio Caprara {{{data}}} Antonio Casali
Predecessore: Vice-Camerlengo della Camera Apostolica Successore: Emblem Holy See.svg
Cornelio Caprara 27 novembre 1762 - 26 settembre 1766 Antonio Casali I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Cornelio Caprara {{{data}}} Antonio Casali
Predecessore: Cardinale diacono di Sant'Adriano al Foro Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giovanni Francesco Banchieri 1º dicembre 1766 - 18 novembre 1768 Carlo Livizzani Forni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Francesco Banchieri {{{data}}} Carlo Livizzani Forni
Predecessore: Legato pontificio di Romagna Successore: Emblem Holy See.svg
Girolamo Spinola 25 gennaio - 18 novembre 1768 Lazzaro Opizio Pallavicini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Spinola {{{data}}} Lazzaro Opizio Pallavicini
Bibliografia