Celio Piccolomini

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Celio Piccolomini
Ra PICCOLOMINI CELIO 041.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

AE PICCOLOMINI CELIO 021.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 72 anni
Nascita Siena
1609
Morte Siena
24 maggio 1681
Sepoltura Cattedrale di Siena
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 1657
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 16 ottobre 1656
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 29 ottobre 1656 da Giulio Cesare Sacchetti
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
14 gennaio 1664 da Alessandro VII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Celio Piccolomini (Siena, 1609; † Siena, 24 maggio 1681) è stato un cardinale e arcivescovo italiano.

Cenni biografici

Nacque a Siena nel 1609 da Alessandro Piccolomini Carli e da Lucrezia Ugurgieri, appartenenti a importanti famiglie del patriziato senese.

Nella sua città il giovane Celio studiò grammatica e retorica presso le scuole dei padri gesuiti, poi studiò filosofia e si addottorò in utroque jure presso l'università di Siena, svolgendo in seguito professione di avvocato.

Le sue competenze legali gli avvalsero l'ingresso nel mondo della burocrazia romana durante il pontificato Barberini, sotto il patrocinio del cardinale senese Alessandro Bichi suo cugino. Ricoprì la carica di luogotenente civile dell'Auditore di camera e tra il 1630 e il 1634 fu inviato con funzioni informative presso il Bichi, nunzio in Francia, dove si guadagnò le simpatie di Luigi XIII.

Sempre come collaboratore del Bichi il Piccolomini dovette inoltre occuparsi della pace tra il Papa e i principi italiani a seguito della guerra di Castro, con i trattati che nel 1643 chiusero la prima fase del conflitto.

Nel successivo pontificato di Innocenzo X non trovò importanti incarichi ma con l'elezione di Alessandro VII Chigi la sua carriera accelerò, con l'ordinazione sacerdotale nel 1656, il nuovo papa senese promosse il Celio suo cameriere segreto, canonico di San Pietro e Segretario dei memoriali.

Considerato fervido antigiansenista, Piccolomini si occupò della redazione della bolla Ad Sanctam Beati Petri Sedem[1], promulgata l'11 ottobre 1656, con la quale il papa Chigi ribadiva la condanna delle cinque proposizioni di Giansenio già pronunciata dal suo predecessore nella bolla Cum occasione.

Preconizzato nunzio straordinario in Francia, il 16 ottobre di quell'anno Piccolomini fu nominato arcivescovo di Cesarea in Mauritania, sede di cui mantenne la titolarità fino alla nomina a cardinale; una nomina strumentale, quella alla chiesa orientale, che gli avrebbe consentito di potere esercitare le funzioni di vescovo nel corso della nunziatura. Fu consacrato vescovo il 29 seguente nella basilica patriarcale liberiana dal cardinal Giulio Cesare Sacchetti, coadiuvato da mons. Carlo de Vecchi (Ch), allora vescovo di Chiusi, e da mons. Francesco Ruccini (Ch), vescovo di Pistoia e Prato.

Piccolomini tenne la nunziatura parigina, dapprima in forma straordinaria, e poi con incarico stabile per circa sette anni, fino all'agosto del 1663.

Fu creato cardinale nel concistoro del 14 gennaio 1664 con il titolo di cardinale presbitero di San Pietro in Montorio. Rientrato a Roma, il 21 aprile 1664 venne deputato da Alessandro VII al governo della legazione di Romagna, dove entrò in carica nel giugno successivo.

Nel dicembre del 1668 il cardinale Piccolomini figura tra i cardinali dell'Inquisizione chiamati a decidere sul caso dei quattro vescovi giansenisti francesi.

Tre anni dopo fu eletto arcivescovo della sua città natale, cattedra spesso retta da membri della sua famiglia. Come arcivescovo di Siena il ministero di Piccolomini si distinse per il rispetto continuo degli obblighi imposti dalla residenza, per una moderazione e mitezza indiscusse, e per una spiccata attenzione al governo spirituale. Tenne due visite pastorali nel 1673, 1678 e 1680 e tre sinodi diocesani.

Piccolomini prese parte a tutti i conclavi del suo cardinalato che elessero papa Clemente IX Rospigliosi, Clemente X Altieri e Innocenzo XI Odescalchi, e al successo di quest'ultimo sembra che Piccolomini abbia concorso in modo determinante.

Morì il 24 maggio 1681 nella sua sede vescovile, e fu sepolto nella chiesa cattedrale davanti alla tomba di santa Caterina.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Segretario dei Memoriali Successore: Emblem Holy See.svg
Costanso Centofiorini 1655 - 1656 Volumnio Bandinelli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Costanso Centofiorini {{{data}}} Volumnio Bandinelli
Predecessore: Vescovo titolare di Cesarea di Mauritania
(titolo personale di arcivescovo)
Successore: BishopCoA PioM.svg
? 16 ottobre 1656 - 11 febbraio 1664 Biagio Pisani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
? {{{data}}} Biagio Pisani
Predecessore: Nunzio apostolico in Francia Successore: Flag of the Vatican City.svg
Nicolò Guidi di Bagno 27 ottobre 1656 - agosto 1663 Carlo Roberti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Nicolò Guidi di Bagno {{{data}}} Carlo Roberti
Predecessore: Cardinale presbitero di San Pietro in Montorio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Camillo Astalli-Pamphili 11 febbraio 1664 - 24 maggio 1681 Marco Galli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Camillo Astalli-Pamphili {{{data}}} Marco Galli
Predecessore: Arcivescovo di Siena Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Ascanio Piccolomini 18 marzo 1671 - 24 maggio 1681 Leonardo Marsili I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ascanio Piccolomini {{{data}}} Leonardo Marsili
Note
  1. Giacinto Bandoni Difesa della bolla d'Alessandro VII Ad Sanctam contra gli sforzi dell'ultime ... testo bolla
Bibliografia
  • Stefano Calonaci, Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 93, (2005), PICCOLOMINI, Celio

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.