Gregorio Cortese

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Gregorio Cortese, O.S.B.
Scanner D768.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Gian Andrea
ERRORE in "fase canonizz"

Card. Cortese gregori.png.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Età alla morte 65 anni
Nascita Modena
1483
Morte Roma
21 settembre 1548
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione 21 maggio
Professione religiosa 1508
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 16 agosto 1504
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
2 giugno 1542 da Paolo III (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Gregorio Cortese, al secolo Gian Andrea (Modena, 1483; † Roma, 21 settembre 1548) è stato un cardinale e teologo italiano.

Cenni biografici

Nacque attorno al 1580 da Alberto e Sigismonda di Gherardino Molza, al battesimo ricevette il nome di Gian Andrea. Suo padre era ambasciatore estense a Venezia, dove forse egli nacque. Il padre morì nel 1487. Ricevette un prima formazione umanistica dal monaco cistercense Severo Varino[1], poi fu avviato agli studi giuridici a Bologna e a Padova, dove conseguì il dottorato in utroque iure nel 1503. Avviato alla carriera ecclesiastica, si trasferì in quell'anno a Roma a servizio del cardinal Giovanni de' Medici, dove ottenne in breve tempo i titoli di cameriere segreto e di continuo commensale pontificio. Il 16 agosto del 1504 fu ordinato sacerdote, poco prima di rientrare a Modena per motivi di salute.

Nel 1507, spinto dal desiderio di approfondire gli studi biblici e patristici, entrò nel monastero di San Benedetto Polirone vicino Mantova della Congregazione benedettino-cassinese e, nonostante i tentativi di Giovanni de' Medici di dissuaderlo, il 21 maggio 1508 vi pronunciò i voti, prendendo il nome di Gregorio. In quel monastero divenne maestro di teologia di diversi noti protagonisti della Riforma in Italia, quali Benedetto Fontanini, Luciano degli Ottoni, Giorgio Siculo. Quest'ultimo nel 1551 fu processato dall'inquisizione, e non avendo fatto abiura delle proprie tesi teologiche il 23 maggio, rifiutati anche gli ultimi conforti religiosi, fu giustiziato.

Nel 1516 fu chiamato dall'abate del monastero nelle isole Lérins e vescovo di Grasse Augustin Grimaldi Gc, che aveva unito il suo monastero alla Congregazione cassinese, per introdurvi la riforma della nuova congregazione benedettina. Qui Cortese fu professore di lettere e istituì una accademia di scienze umanistiche, divenendo un anello di trasmissione del pensiero umanistico italiano in Francia. Nel 1514 divenne abate del cenobio francese. Da quella sede instaurò stretti contatti con la Repubblica di Genova, incontrando spesso Gian Battista Folengo, e legandosi in amicizia con il futuro cardinale Federico Fregoso e con suo fratello, il doge Ottaviano. In questi anni poté leggere i testi luterani grazie a una dispensa papale, per lo studio e la confutazione.

Ma per motivi di salute nel 1526 chiese di poter tornare in Italia. Fu quindi nominato abate di San Pietro a Modena e nel 1528 di San Pietro a Perugia. Nel 1532 fu trasferito a San Giorgio Maggiore a Venezia, dove ritrovò Benedetto Fontanini. Negli anni veneziani Cortese frequentò e si legò in amicizia con personaggi illustri come Gasparo Contarini, Gian Matteo Giberti e i cardinali Ercole Gonzaga, Pietro Bembo, Marcantonio Flaminio, Reginald Pole e Alvise Priuli. Frequentò anche Gian Pietro Carafa.

Nel 1536, accompagnato dal confratello Isidoro Clario, si trasferì a Roma su chiamata di papa Paolo III per far parte della commissione incaricata di redigere il Consilium de emendanda Ecclesia.[2] Desideroso di ritornare agli studi, nel 1538 si ristabiliva nel convento di San Benedetto di Polirone.

Il 2 giugno 1542 fu nominato cardinale da Paolo III, insieme a Tommaso Badia e a Giovanni Morone. Ricevette la berretta rossa il 4 luglio presso il convento mantovano con il titolo cardinalizio di cardinale presbitero di San Ciriaco alle Terme Diocleziane. Poco dopo si recò a Modena, collaborando con il cardinal Morone che doveva far fronte alla crescita dei movimenti ereticali nella città.

Fece parte della deputazione di cardinali che sovrintendeva all'Inquisizione romana. La sua appartenenza a quell'organo è sicuramente documentabile, a partire dal 1545 fino alla sua morte. Fu nominato dal pontefice al concilio generale del 2 novembre 1544. Per motivi di salute non poté prendere parte al concistoro dell'8 gennaio 1546.

Morì, dopo lunga malattia, il 21 settembre 1548 a Roma. Fu sepolto presso l'altare di Sant'Eugenia accanto alla tomba della madre nella basilica dei Santi XII Apostoli.

Predecessore: Cardinale presbitero di San Ciriaco alle Terme Diocleziane Successore: CardinalCoA PioM.svg
Pomponio Cecci 16 ottobre 1542 - 21 settembre 1548 Bernardino Maffei I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pomponio Cecci {{{data}}} Bernardino Maffei
Predecessore: Vescovo di Urbino Successore: BishopCoA PioM.svg
Dionisio Neagrus Laurerio, O.S.M. 6 novembre 1542 - 21 settembre 1548
Amministratore apostolico
Giulio della Rovere I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Dionisio Neagrus Laurerio, O.S.M. {{{data}}} Giulio della Rovere
Note
  1. Storia della letteratura italiana, Vol. 12, pp.1629 e ss. Informazioni sul monaco cistercense online
  2. Il Consilium de emendanda ecclesia è il documento stilato dall'apposita commissione nominata nel 1536 da papa Paolo III per riflettere sugli abusi e sulla corruzione della Chiesa del tempo ed elaborare proposte di riforma. La commissione era presieduta dal cardinal Gasparo Contarini e composta da Girolamo Aleandro, Tommaso Badia, Gian Pietro Carafa, Gregorio Cortese, Federico Fregoso, Gianmatteo Giberti, Reginald Pole e Jacopo Sadoleto. Il testo venne presentato a Paolo III nel concistoro del 9 marzo 1537. Consilium de Emendanda Ecclesia, Roma, 1538.
Bibliografia
  • Gigliola Fragnito Dizionario biografico degli italiani, vol. 29, 1983 online

(EN) Michael Ott, Cortese, Giovanni Andrea, in Charles George Herbermann (a cura di), Catholic Encyclopedia, 15 voll., Robert Appleton Company, New York 1907-1914, vol. IV, 1908, p. 400, online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.