Reginald Pole

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Reginald Pole
Scanner D739.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

POLE REGINALD (+1558).jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte 58 anni
Nascita Stourton Castle
3 marzo 1500
Morte Lambeth
17 novembre 1558
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 20 marzo 1556
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 22 marzo 1556
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
22 dicembre 1536 da Paolo III (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Reginald Pole (Stourton Castle, 3 marzo 1500; † Lambeth, 17 novembre 1558) è stato un cardinale, arcivescovo e teologo inglese.

Cenni biografici

Nacque il 3 marzo 1500 a Stourton Castle (Staffordshire, Inghilterra), secondogenito dei cinque figli di sir Richard duca di Suffolch e da Margherita,[1] figlia di Giorgio Plantageneto duca di Clarence, fratello di Riccardo III. Quando la madre rimase vedova fu nominata contessa di Salisbury e divenne tutrice della principessa Mary.

Pole ricevette un'ottima educazione da prima presso la Charterhouse di Sheen, dove studiò per cinque anni, e in seguito presso l'Università di Oxford, dove in giovanissima età si laureo. Fu poi avviato alla carriera ecclesiastica e nel 1518 ottenne il beneficio della collegiata di Winborne nel Dorset.

Agli inizi del 1521 Reginald si recò a Padova per completare gli studi umanistici studiando presso Christoph de Longueil[2] e Nicolò Leonico Tomeo[3]. Qui ebbe modo di conoscere gli umanisti Pietro Bembo, Gasparo Contarini e il suo connazionale Thomas Lupset[4]. Dopo una breve visita a Firenze e Roma rientrò in patria nel 1527 dove proseguì gli studi presso la certosa di Sheen.

Nel 1529 si trasferì per studi a Parigi e qui, per la prima volta, dovette intervenire nella vita politica: nel maggio 1530, benché personalmente contrario al divorzio del re, otteneva dalla Sorbona una dichiarazione di nullità del matrimonio di Enrico VIII e di Caterina d'Aragona. In seguito pressato dal cugino Enrico VIII a pronunziarsi sulla questione del divorzio con Caterina d'Aragona, il Pole difese la sua opinione, contraria al divorzio, in un'opera ora perduta. Due anni più tardi tornò in Italia a Padova e a Venezia, dove riprese contatti con gli amici d'un tempo e se ne creò dei nuovi: Jacopo Sadoleto, futuro cardinale e Gian Pietro Carafa, futuro papa Paolo IV.

Nel 1535 sollecitato di nuovo dal monarca inglese a pronunciarsi sul suo divorzio e sulla supremazia papale, il Pole scrisse il trattato Pro ecclesiasticae Unitatis defensione, dove ancora una volta con coraggio espresse la sua opposizione alle scelte di Enrico VIII.

L'anno seguente il Pole fu convocato dal re in patria per spiegazioni sul testo del trattato. Ma Pole non obbedì al monarca, invece accettò l'invito del papa Paolo III di recarsi a Roma per entrare a far parte di una commissione, presieduta del cardinale Contarini, per la riforma interna della Chiesa. Commissione che poi redasse il famoso documento Consilium de emendanda Ecclesia[5]. Questo fu considerato da Enrico VIII come un vero e proprio tradimento e per vendetta fece arrestare la madre e i fratelli, mandati a morte nel 1541, ufficialmente perché cattolici. Enrico VIII inoltre attentò ripetutamente alla vita di Pole con l'invio di sicari a Roma. Ordinato diacono, Pole venne innalzato alla dignità cardinalizia da papa Paolo III nel concistoro del 22 dicembre 1536, ottenendo la diaconia dei Santi Nereo e Achilleo.

Pole tra il 1538 e 1539 tentò di creare un'alleanza dei re cattolici contro l'Inghilterra, ma la rivalità tra l'imperatore Carlo V e il re di Francia Francesco I non permise alla Santa Sede di ottenere risultati in tal senso.

Nel 1541 fu nominato da Paolo III legato del Patrimonio di san Pietro, e il Pole si stabilì a Viterbo. Qui raccolse attorno a sé gli Spirituali reduci del circolo napoletano di Juan de Valdés. Del circolo facevano parte, oltre allo stesso mistico spagnolo Valdés, vicino alle dottrine luterane, anche il cardinale Giovanni Morone, il protonotario apostolico Pietro Carnesecchi[6], le gentildonne Vittoria Colonna e Giulia Gonzaga e il grande artista Michelangelo Buonarroti.

Nel 1545 fu legato pontificio al concilio di Trento. La sua azione conciliatrice fu senza frutto e quando si venne a discutere sul problema centrale della giustificazione. La tesi del Pole, proclive ad ammettere il valore essenziale della fede pur senza escludere totalmente il valore delle opere, non fu quella dell'assemblea, che concluse statuendo invece la necessità delle opere. Pole abbandonò il concilio prima del voto su questo tema, ufficialmente per motivi di salute.

Nel conclave tenuto dopo la morte Paolo III, il 10 novembre 1549, il cardinale inglese fu a lungo uno del papabili e mancò per un voto l'elezione. Avrebbe potuto semplicemente accettare l'elezione per adorationem ma tacque, permettendo l'elezione a papa negli scrutini seguenti di Giulio III. Al nuovo pontefice, Pole dedicò il suo saggio De Summo Pontifice. Dopo la mancata elezione a papa Pole si ritirò presso il monastero benedettino di Maguzzano, sul lago di Garda, dove fece la conoscenza dello storico Giovanni Michele Bruto e del prelato e diplomatico italo-ungherese Andrea Dudith.

Pole fu quindi inviato nel 1554 da papa Giulio III quale suo legato in Inghilterra per aiutare Maria la Cattolica nel suo tentativo di riportare il regno all'obbedienza romana. Deposto l'arcivescovo scismatico Thomas Cranmer, Pole l'11 dicembre 1555 venne eletto da prima amministratore apostolico di Canterbury e il 20 marzo 1556 ricevette l'ordinazione presbiterale e il 22 quella episcopale.

Proprio nel momento in cui l'arcivescovo Pole s'era votato anima e corpo alla lotta contro la Riforma in Inghilterra, lo colpiva l'ira di papa Paolo IV. Il motivo era di carattere politico, cioè il conflitto creatosi tra Filippo II di Spagna, sposo di Maria d'Inghilterra, e l'Inghilterra stessa contro la Francia e papa Paolo IV. Il Pole fu privato della sua carica di legato in Inghilterra, poi contro di lui fu iniziato dinnanzi al tribunale dell'Inquisizione il processo per eresia, contemporaneamente intrapreso anche contro il cardinale Morone. Il Pole si giustificò protestando la sua ortodossia, ma non fu ascoltato. Le nuove difficoltà del prelato inglese terminarono con la sua morte avvenuta il 17 (secondo altre fonti il 18) novembre 1558, nel suo palazzo arcivescovile di Lamberth a Londra.


Predecessore: Cardinale diacono dei Santi Nereo e Achilleo Successore: CardinalCoA PioM.svg
Bonifacio Ferreri 15 gennaio 1537 - 3 maggio 1540 Enrique de Borja y Aragón I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Bonifacio Ferreri {{{data}}} Enrique de Borja y Aragón
Predecessore: Cardinale diacono dei Santi Vito, Modesto e Crescenzia Successore: CardinalCoA PioM.svg
Guido Ascanio Sforza di Santa Fiora 3 maggio 1540 - 19 dicembre 1540 Niccolò Gaddi (dal 1545) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Guido Ascanio Sforza di Santa Fiora {{{data}}} Niccolò Gaddi (dal 1545)
Predecessore: Cardinale diacono di Santa Maria in Cosmedin Successore: CardinalCoA PioM.svg
Guido Ascanio Sforza di Santa Fiora 10 dicembre 1540 - 1º dicembre 1555
(diventato cardinale-presbitero) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Guido Ascanio Sforza di Santa Fiora {{{data}}} (diventato cardinale-presbitero)
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria in Cosmedin Successore: CardinalCoA PioM.svg
in precedenza cardinale diacono 1º dicembre 1555 - 17 novembre 1558
pro illa vice
Giacomo Savelli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
in precedenza cardinale diacono {{{data}}} Giacomo Savelli
Predecessore: Arcivescovo di Canterbury Successore: Stemma arcivescovo.png
Thomas Cranmer 22 marzo 1556 - 17 novembre 1558 Matthew Parker anglicano I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Thomas Cranmer {{{data}}} Matthew Parker anglicano
Note
  1. Fu beatificata da papa Leono XIII il 29 dicembre 1886 M.R.: A Londra in Inghilterra, beata Margherita Pole, madre di famiglia e martire, che, contessa di Salisbury e madre del cardinale Reginaldo, fu decapitata nel carcere della Torre sotto il re Enrico VIII, del quale aveva disapprovato il divorzio, trovando così riposo nella pace di Cristo.
  2. Dizionario biografico universale contenente le notizie più importanti sulla vita e sulle opere degli uomini celebri ..., Vol. 3 pp. 724 Cenni biografici Cristororo di Longueil
  3. Dizionario biografico universale contenente le notizie più importanti sulla vita e sulle opere degli uomini celebri ..., Vol. 3 pp. 632 ss. Cenni biografici
  4. Dizionario biografico universale contenente le notizie più importanti sulla vita e sulle opere degli uomini celebri ..., Vol. 3 pp. 787 Cenni biografici Tommaso Lupset
  5. (LA) testo online
  6. (condannato a morte per eresia sotto Pio V il 1º ottobre 1569) Dizionario biografico universale contenente le notizie più importanti sulla vita e sulle opere degli uomini celebri ..., Vol. 1 pp. 859 Cenni biografici Pietro Carnesecchi
Bibliografia
  • Enciclopedia Italiana Treccani (1935), online
  • Lorenzo Cardella, Memorie storiche de' cardinali della Santa Romana Chiesa. Roma: Stamperia Pagliarini, 1793, vol. 4, p. 188 ss., online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.