Girolamo Aleandro (cardinale)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Girolamo Aleandro
Scanner D741.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

ALEANDRO GIROLAMO (+1542) p.JPG

'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 61 anni
Nascita Motta di Livenza
13 febbraio 1480
Morte Roma
1º febbraio 1542
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 9 ottobre 1524
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 28 febbraio 1528 da Giovanni Pietro Carafa
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
13 marzo 1538 da Paolo III (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Girolamo Aleandro (Motta di Livenza, 13 febbraio 1480; † Roma, 1º febbraio 1542) è stato un cardinale, arcivescovo e umanista italiano.

Cenni biografici

Nacque a Motta di Livenza in Friuli il 13 febbraio 1480, figlio di Francesco, medico e di Bartolomea Antonelli, della famiglia dei Bonfigli di nobiltà veneziana. La famiglia aveva origini nobili. Le origini nobili furono difese dal cardinale soprattutto contro le accuse dei protestanti, che sostenevano l'Aleandro di non essere un nobile, ma neppure battezzato, essendo di discendenza ebrea. La critica è oggi sostanzialmente concorde nel riconoscere negli Aleandro i discendenti dei conti di Antro (Friuli) e dei marchesi di Pietrapiosa (Istria).

Studiò a Padova; dotto in greco e lingue orientali, fece parte del circolo dell'editore veneziano Aldo Manuzio. A Venezia ebbe modo di conoscere Erasmo. Dal 1508 al 1513 fu professore di latino e greco nell'università di Parigi. Divenne poi segretario del principe vescovo di Liegi, Eberhard von der Mark e da lui fu mandato a Roma nel 1516.

Nell'Urbe ebbe modo di consolidare da tutti i punti di vista la propria posizione. Nel 1519 fu, da papa Leone X, nominato successore di Zanobi Acciaiuoli come bibliotecario della Palatina, l'antica biblioteca vaticana. Passione umanistica e uffici curiali si fondevano così in un modo molto conveniente. Durante questo primo periodo di soggiorno romano l'Aleandro allacciò anche relazioni moralmente sconvenienti per un ecclesiastico, dalle quali ebbe vari figli. Di essi gli sopravvisse uno solo, Claudio, nato nel 1521, mentre il padre era in Germania. Claudio fu riconosciuto dal padre e ne divenne erede.

Nel 1520 fu nunzio in Germania con l'incarico di pubblicare e far eseguire la bolla Exsurge Domine. Alla dieta di Worms del 1521 ottenne la messa al bando di Martin Lutero. Nei confronti della Riforma assunse subito un atteggiamento rigidamente negativo. Da Clemente VII fu inviato nunzio presso Francesco I, col quale venne preso prigioniero nella battaglia di Pavia nel 1525.

L'8 agosto 1524 fu nominato arcivescovo di Brindisi, il 9 ottobre di quello stesso anno ricevette gli ordini maggiori, ottenendo una proroga per l'ordinazione vescovile che ottenne dal suo successore Giovan Pietro Carafa il 28 febbraio 1538. Anche a causa delle peste non fu praticamente mai presente nella sede vescovile di Brindisi, che fu retta dal suo vicario Antonio Beccari, O.P. (Ch), vescovo di Scutari.

Fu di nuovo nunzio in Germania dal 1531 al 1532 e in seguito fino al 1535 nunzio a Venezia. Assisté Paolo III e fece parte della commissione incaricata di redigere il Consilium de emendanda Ecclesia[1]. Fu creato cardinale in pectore nel 1536 e pubblicato nel concistoro del 13 marzo 1538. Fu inviato a Vienna nel 1538 per sorvegliare e impedire i tentativi imperiali di pacificazione con i protestanti.

Quando si profilò la convocazione della dieta di Ratisbona si fu incerti se inviarvi il Contarini o l'Aleando, poi si decise per il primo, anche a causa delle cattive condizioni di salute dell'altro. Poco dopo l'Aaleandro fu preposto, col Carafa, all'Inquisizione romana che si voleva rendere più efficiente e severa.

Il 30 gennaio 1541 si ritirò dalla carica di arcivescovo di Brindisi a favore del nipote Francesco. Un anno dopo sopravvenne la morte, il 1º febbraio 1542 a Roma.

Lasciò numerosi manoscritti e una copiosa corrispondenza. Larga diffusione ebbe il suo Lexicon graeco-latinum (1512).

Predecessore: Arcivescovo di Brindisi e Oria Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Giovan Pietro Carafa 1524-1541 Francesco Aleandro (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovan Pietro Carafa {{{data}}} Francesco Aleandro (Ch)
Predecessore: Cardinale presbitero di San Ciriaco alle Terme Diocleziane Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giacomo Simonetta 13 marzo 1538-20 marzo 1538 Pietro Bembo, O.S.Io.Hieros. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giacomo Simonetta {{{data}}} Pietro Bembo, O.S.Io.Hieros.
Predecessore: Cardinale presbitero di San Crisogono Successore: CardinalCoA PioM.svg
Eberhard von der Mark 20 marzo 1538-1º febbraio 1542 Pietro Bembo, O.S.Io.Hieros. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Eberhard von der Mark {{{data}}} Pietro Bembo, O.S.Io.Hieros.
Note
  1. Il Consilium de emendanda ecclesia è il documento stilato dall'apposita commissione nominata nel 1536 da papa Paolo III per riflettere sugli abusi e sulla corruzione della Chiesa del tempo ed elaborare proposte di riforma. La commissione era presieduta dal cardinal Gasparo Contarini e composta da Girolamo Aleandro, Tommaso Badia, Gian Pietro Carafa, Gregorio Cortese, Federico Fregoso, Gianmatteo Giberti, Reginald Pole e Jacopo Sadoleto. Il testo venne presentato a Paolo III nel concistoro del 9 marzo 1537. Consilium de Emendanda Ecclesia, Roma, 1538
Bibliografia
  • Giuseppe Alberigo, Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 2 (1960), online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.