Nicolò Ciafaglione

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Nicolò Ciafaglione
Template-Metropolitan Archbishop.svg
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
ERRORE in "fase canonizz"

[[File:|250px]]

'
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 72 anni
Nascita Alcamo
22 agosto 1716
Morte Messina
3 novembre 1789
Sepoltura Cattedrale di Santa Maria Assunta, Messina
Appartenenza Diocesi di Mazara del Vallo
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 21 dicembre 1755
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 20 marzo 1780 da Pio VI
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 7 maggio 1780 dall'arcivescovo Francesco Ferdinando Sanseverino
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti Arcivescovo di Messina
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org

Nicolò Ciafaglione (Alcamo, 22 agosto 1716; † Messina, 3 novembre 1789) è stato un arcivescovo italiano.

Biografia

Nicolò Ciafaglione era duca di Villabuona, il figlio maggiore del duca Ignazio e della duchessa Donna Flavia Fraccia di Alcamo; fin da piccolo si dedicò allo studio dei classici ed era appassionato agli studi umanistici. Entrò quindi nel Collegio Carolino di Palermo, dove diventò Principe dell'Accademia degli Argonauti, che era stata fondata nel 1731 dai Padri Gesuiti.

Nell’aprile del 1747 prese in moglie la giovane Maddalena Alberti, figlia di Francesco, capitano dell'esercito tedesco, ma il matrimonio finì molto presto e così Nicola si avviò alla carriera ecclesiastica. Dopo avere conseguito la laurea in in utroque iure, ebbe diversi incarichi a Palermo, fu anche Inquisitore Consultore del Santo Uffizio e nel 1780 fu nominato da Papa Pio VI Vescovo metropolita dell'Arcidiocesi di Messina.

Ciafaglione fu consacrato arcivescovo il 7 maggio 1780 a Palermo, e il 29 maggio seguente prese possesso della Arcidiocesi di Messina. Come Pastore si mostrò saggio, probo e generoso, oltre che preparato dal punto di vista culturale.

Queste sue doti risultarono evidenti soprattutto in occasione del terremoto di Messina del 1783 che distrusse parzialmente il Duomo, il Palazzo Reale, il Seminario e l'Arcivescovado, assieme ad altri edifici religiosi ed abitazioni civili; nonostante fosse in visita pastorale a Milazzo, l'Arcivescovo mandò dei soccorsi alla città e, non appena rientrato in sede, donò quanto possedeva e l'argenteria per la ricostruzione del Seminario e per aiutare le famiglie bisognose. In seguito chiese ed ottenne il permesso dal Re Ferdinando III di Sicilia di ricostruirlo accanto al Palazzo Arcivescovile: l'edificio venne poi finito sotto il suo successore mons. Gaetano Maria Garrasi (1792-1817), sul progetto dell’architetto (e presbitero) Francesco Saverio Basile.

Purtroppo, nel 1785 lo colpì una grave malattia che lo ridusse alla paralisi e gli procurò la scabbia: morì il 31 marzo 1789, e venne sepolto all'interno della Cattedrale di Santa Maria Assunta.

Opere

  • Prefazione all'opera di Francesco Testa, arcivescovo di Monreale: De vita et rebus gestis Federici II Siciliae Regis; Panormus, 1775 in fol., stampata a cura del Ciafaglione e di Gregorio Speciale.
  • Epistola ad clerum populumque suum (lettera pastorale)

Genealogia episcopale

Predecessore: Arcivescovo di Messina Successore: BishopCoA PioM.svg
Scipione Ardoino Alcontres C.R. 20 marzo 1780 - 3 novembre 1789 Francesco Paolo Perremuto, O.S.B.
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Scipione Ardoino Alcontres C.R. {{{data}}} Francesco Paolo Perremuto, O.S.B.
Bibliografia
  • F.M. Mirabella, Cenni degli alcamesi rinomati in lettere, arti, armi e santità, Editore: tip. Gaetano Surdi, Alcamo, 1876, pp. 184-185
  • Tommaso Papa, Memorie storiche del clero di Alcamo, ediz.Accademia di studi Cielo d'Alcamo , Alcamo 1968
  • Caio Domenico Gallo, Annali della città di Messina, a cura di Gaetano Oliva, vol. 5, Messina 1892, pp. 225 s.
Voci correlate
Collegamenti esterni


Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.