Enrico Benedetto Stuart di York

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Enrico Benedetto Maria Clemente Stuart di York
Cardinale
Cardinal Prince Henry Benedict1.jpg
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
battezzato
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
{{{motto}}}

Cardinal Henry Stuart.JPG

Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 82 anni
Nascita Roma
6 marzo 1725
Morte Frascati
13 luglio 1807
Sepoltura Tomba della famiglia Stuart, Basilica di San Pietro (Roma)
Conversione
Appartenenza Diocesi di Roma
Vestizione {{{V}}}
Vestizione 30 giugno 1747
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono

da Papa Benedetto XIV

Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Basilica dei Santi Dodici Apostoli (Roma), 1º settembre 1748 da papa Benedro XIV
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo {{{nominato}}}
Nominato arcivescovo 2 ottobre 1758 da Clemente XIII
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Basilica dei Santi Dodici Apostoli (Roma), 19 novembre 1758 dal papa Clemente XIII
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creato
Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto.
(vedi)
Creato
Cardinale
3 luglio 1747 da [[{{{pP}}}]] (vedi)
Deposto dal cardinalato
Cardinale per
Cardinale per 60 anni e 10 giorni
Cardinale elettore
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione a
pseudocardinale
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Consacrazione {{{Consacrazione}}}
Insediamento {{{Insediamento}}}
Fine pontificato {{{Fine pontificato}}}
Pseudocardinali creati {{{Pseudocardinali creati}}}
Sede {{{Sede}}}
Opposto a
Sostenuto da
Scomunicato da
Confermato cardinale {{{Confermato cardinale}}}
Nomina a pseudocardinale annullata da {{{Annullato da}}}
Riammesso da
Precedente {{{Precedente}}}
Successivo {{{Successivo}}}
Incarichi ricoperti
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato


Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Scheda nel sito della diocesi o congregazione
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Enrico Benedetto Maria Clemente Stuart di York (Roma, 6 marzo 1725; † Frascati, 13 luglio 1807) è stato un cardinale e arcivescovo italiano, quarto e ultimo pretendente "giacobita" (della linea cattolica degli Stuart), al trono di Inghilterra, Scozia e Irlanda: ebbe il titolo di Duca di York e, secondo le pretese giacobite, avrebbe dovuto essere chiamato Enrico IX.

Biografia

Nacque il 6 marzo 1725 a Palazzo Muti (oggi Palazzo Balestra) a Roma. Era il figlio minore di Giacomo Francesco Edoardo Stuart, figlio del re Giacomo II d'Inghilterra, de iure Giacomo III, detto il Vecchio Pretendente e di Maria Clementina Sobieska, nipote di Jan Sobieski, re di Polonia. Fu battezzato da Papa Benedetto XIII in Palazzo Muti e ricevette i nomi di Enrico Benedetto Tommaso Edoardo Maria Clemente Francesco Saverio. Suo fratello Charles Edward, era conosciuto come Bonnie Prince Charlie o il giovane pretendente, re Carlo III. Era parente del cardinale Jan Aleksander Lipski (1737) da parte di madre.

Formazione e ministero sacerdotale

Trascorse l'infanzia e la giovinezza nelle residenze paterne a Roma, Albano e Bologna, dove fu educato. Nell'ottobre 1745 andò a Parigi per cercare sostegno per la campagna di suo fratello, il principe Carlo, per riportare il padre al trono. Ottenne truppe, artiglieria e navi francesi, senza però raggiungere mai la Scozia per sostenere la rivolta. Nel maggio e giugno 1746, partecipò al suo unico servizio militare attivo all'assedio di Anversa. Nel giugno 1747, papa Benedetto XIV annunciò la sua intenzione di elevarlo al cardinalato. Ricevette la tonsura clericale dal papa stesso nella Cappella Sistina il 30 giugno 1747.

Cardinalato ed episcopato

Nel Concistoro del 3 luglio 1747 fu creato Cardinale diacono di Santa Maria in Portico Campitelli e ordinato presbitero il 1º settembre 1748.

Il 18 dicembre 1752 fu nominato Cardinale presbitero dei Santi Dodici Apostoli.

Il 2 ottobre 1758 venne nominato arcivescovo titolare di Corinto, e ordinato Vescovo il 19 novembre dello stesso anno da papa Clemente XIII.

Il 12 febbraio 1759 divenne Cardinale presbitero di Santa Maria in Trastevere.

Il 13 luglio 1761 fu poi fatto vescovo di Frascati, con titolo personale di Arcivescovo.

Personalità di spicco nell'Europa del XVIII secolo e vescovo della Diocesi Tuscolana per 42 anni, influenzò profondamente la vita della città di Frascati nel corso del Settecento.

Fu nominato Vice-Cancelliere di Santa Romana Chiesa il 24 gennaio 1763 carica che mantenne a vita, ricevendo in commendam San Lorenzo in Damaso, titolo cardinalizio spettante a questa carica.

Il 26 settembre 1803 divenne Vescovo di Ostia.

Partecipò ai conclavi del 1758, 1769, 1774-1775 e 1799-1800.

Morte

Si spense il 13 luglio del 1807 come vescovo di Frascati. È sepolto nelle Grotte Vaticane, sotto la Basilica di San Pietro, e ricordato nel cenotafio eretto da Antonio Canova nel 1819 per la famiglia reale degli Stuart.

La biblioteca

Il 3 dicembre 1776, quindici anni dopo la sua nomina a vescovo di Frascati, questo pastore munifico e zelante, padre premuroso dei poveri, ma anche mecenate dell'arte, della musica, della cultura donò la preziosa biblioteca (circa 5.000 volumi che nel corso degli anni divennero oltre 10.000) al Seminario Vescovile di Frascati, la quale all'epoca rappresentava una delle maggiori biblioteche private e ancora oggi testimonia gli interessi enciclopedici tipici del Settecento.

Raccoglieva infatti volumi di letteratura, erudizione scolastica, agiografia, opere devozionali, senza dimenticare il settore classico, antiquario e scientifico con rare edizioni del Cinquecento e del Seicento. In sintonia con quelle finalità proprie delle istituzioni culturali quattrocentesche, la biblioteca non era riservata esclusivamente al suo possessore ma era disponibile a chiunque ne faceva richiesta, includendo anche il permesso del prestito librario. Tutto era pertanto finalizzato alla crescita culturale non solo del clero del Seminario ma anche della popolazione di Frascati e della diocesi.

Nel corso degli anni il Duca volle annettere alla Biblioteca anche una tipografia, dotata di una ricca e preziosa serie di caratteri mobili, dove, nel corso degli anni, furono stampate raffinate edizioni.

Per salvarla dalla devastazione della guerra, che colpì duramente la Città di Frascati, nel 1944 l'intera raccolta fu trasferita nella Biblioteca Apostolica Vaticana.

Antonio Canova, Cenotafio della famiglia reale degli Stuart (1819); Città del Vaticano, Basilica di San Pietro: la tomba si trova nelle Grotte Vaticane

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Onorificenze

Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera (giacobita) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera (giacobita)
Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine del Cardo (giacobita) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine del Cardo (giacobita)

Successione degli incarichi

Predecessore: Cardinale diacono di Santa Maria in Portico Campitelli Successore: Kardinalcoa.png
Carlo Maria Sacripante 1747-1748 Elevato a presbitero I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Maria Sacripante {{{data}}} Elevato a presbitero
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria in Portico Campitelli
pro hac vice
Successore: Kardinalcoa.png
Elevato da diacono 1748-1759 Flavio Chigi
Cardinale diacono
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Elevato da diacono {{{data}}} Flavio Chigi
Cardinale diacono
Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi XII Apostoli Successore: Kardinalcoa.png
Domenico Riviera 1752-1761 Lorenzo Ganganelli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Riviera {{{data}}} Lorenzo Ganganelli
Predecessore: Arcivescovo titolare di Corinto Successore: Arcbishoppallium.png
Giovanni Francesco Stoppani 1758-1761 Marcantonio Colonna juniore I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Francesco Stoppani {{{data}}} Marcantonio Colonna juniore
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Giovanni Battista Mesmer 13 marzo 1758 - 28 gennaio 1760 Giuseppe Maria Feroni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Battista Mesmer {{{data}}} Giuseppe Maria Feroni
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria in Trastevere Successore: Kardinalcoa.png
Giacomo Oddi 1759-1761 Fabrizio Serbelloni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giacomo Oddi {{{data}}} Fabrizio Serbelloni
Predecessore: Cardinale vescovo di Frascati
Titolo personale
Successore: Kardinalcoa.png
Camillo Paolucci 1761-1807 Giuseppe Maria Doria Pamphilj I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Camillo Paolucci {{{data}}} Giuseppe Maria Doria Pamphilj
Predecessore: Cardinale presbitero di San Lorenzo in Damaso Successore: Kardinalcoa.png
Carlo Rezzonico juniore 1763-1807 in commendam Francesco Carafa della Spina di Traetto I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Rezzonico juniore {{{data}}} Francesco Carafa della Spina di Traetto
Predecessore: Vice-Cancelliere di Santa Romana Chiesa Successore: Emblem Holy See.svg
Carlo Rezzonico juniore 24 gennaio 176313 luglio 1807 Francesco Carafa della Spina di Traetto I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Rezzonico juniore {{{data}}} Francesco Carafa della Spina di Traetto
Predecessore: Cardinale vescovo di Ostia Successore: Kardinalcoa.png
Giovanni Francesco Albani 1803-1807 Leonardo Antonelli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Francesco Albani {{{data}}} Leonardo Antonelli
Voci correlate
Collegamenti esterni