Salvatore Asta

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Salvatore Asta
Template-Archbishop.svg
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
ERRORE in "fase canonizz"

Mons. Salvatore Asta.jpg

'
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 89 anni
Nascita Alcamo
17 gennaio 1915
Morte 30 dicembre 2004
Sepoltura
Appartenenza Diocesi di Mazara del Vallo
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 25 luglio 1938
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 13 ottobre 1962 da Giovanni XXIII
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 29 marzo 1962 dal card. arcivescovo Amleto Giovanni Cicognani
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org

Salvatore Asta (Alcamo, 17 gennaio 1915; † 30 dicembre 2004) è stato un arcivescovo e nunzio apostolico italiano.

Biografia

Nato ad Alcamo, provincia di Trapani e nella diocesi di Mazara del Vallo, il 17 gennaio 1915, da Stefano e Ignazia Orlando, seguì gli studi di Filosofia e Teologia presso il Seminario Vescovile di Mazara del Vallo, dove fu ordinato presbitero il 25 luglio 1938. Nel 1939 iniziò gli studi presso il Pontificio Seminario Romano per gli Studi Giuridici, frequentando la facoltà di Diritto presso la Pontificia Università Lateranense, laureandosi in diritto civile e canonico col massimo dei voti. Argomento della tesi, antesignano per quei tempi, fu: La ricerca della paternità attraverso l'analisi dei gruppi sanguigni - Conclusioni Scientifiche e Rilevanze Giuridiche.[1]

Dopo avere perfezionato i suoi studi presso la Pontificia Accademia Ecclesiastica e acquisito il Diploma in Diplomazia, nel mese di ottobre 1943 ha iniziato il servizio nella Segreteria di Stato, prima in qualità di Addetto e in seguito come Segretario. Nel 1941 era diventato Segretario della Nunziatura di Bogotá (Colombia); tornato a Roma, continuò a operare presso la Segreteria di Stato fino al mese di luglio 1951 e a prestare servizio come presbitero e assistente spirituale dei Gruppi di Rinascita Cristiana. Monsignor Asta è stato anche uno dei fautori degli Incontri o Salotti Pro-Sanctitade.[1]

Nello stesso mese di luglio 1951, ebbe la nomina di Uditore, poi Consigliere e Incaricato di Affari, presso la Nunziatura Apostolica del Belgio e Lussemburgo. In seguito, prese parte come Prelato del Sommo Pontefice, alla Missione Pontificia che ebbe l'incarico di consegnare la Rosa d'Oro, concessa da Papa Pio XII a Sua Altezza Reale la Gran Duchessa Carlotta di Lussemburgo. Nel 1959 partecipò alla Missione Pontificia a Bruxelles, inviata da Papa Giovanni XXIII, per le nozze fra Re Baldovino e la Regina Fabiola; detta missione era presieduta dal cardinale Giuseppe Siri, in qualità di Legato Pontificio.[1]

Il 13 ottobre 1962 fu nominato da Giovanni XXIII arcivescovo titolare di Aureliopoli di Lidia e Delegato Apostolico per l'Indocina. Fu consacrato il 25 novembre dello stesso anno nella cappella del Pontificio Collegio Urbano "de Propaganda Fide" da parte del cardinale Amleto Giovanni Cicognani. Alla cerimonia, oltre a diversi alti prelati e autorità civili, erano presenti diversi rappresentanti del Corpo Diplomatico, fra cui gli ambasciatori di Argentina e Belgio e i Consiglieri delle ambasciate del Perù e del Vietnam presso il Quirinale.[1]

Ricoprì gli incarichi di delegato apostolico per il Vietnam (1962-1964), Internunzio apostolico in Iran (1964-1969) e di Pro-nunzio apostolico per la Turchia (1969-1984); in ultimo adempì al ruolo di nunzio apostolico per il Portogallo (dal 1984 al 1989).

Partecipò alla terza e quarta sessione del Concilio Vaticano II e inoltre lavorò sulla spiegazione delle apparizioni di Fátima. Ritiratosi nel 1989 per raggiunti limiti d'età, morì il 30 dicembre 2004.[2]

I Principali Consacratori furono:

Principali Co-Consacratori:

Attività in Vietnam

Monsignor Asta, nunzio apostolico in Vietnam dal 1963 al 1964, ebbe un rapporto fattivo con l'ambasciatore Giovanni D'Orlandi il quale nutriva ammirazione per il lavoro svolto dall'arcivescovo contro l'identificazione fra Chiesa vietnamita e il regime del cattolico Ngô Đình Diệm.[3]

D'Orlandi cercava una soluzione che stabilizzasse il regime di Diem per contrastare il Comunismo;[4] nei mesi di agosto e settembre 1963, pochi mesi prima del colpo di stato che destituì Diem, Mons. Asta venne sostenuto attivamente dall'ambasciatore italiano nella sua opera di mediazione: il Vaticano aveva autorizzato il nunzio apostolico a favorire la cosiddetta soluzione Diem senza Nhue,[3] che prevedeva l'estromissione del fratello Nhu dal potere, come desideravano gli USA.

La mediazione però non ebbe successo a causa dell'opposizione di Diem e del fratello (sostenuti dalla Francia di De Gaulle);[4] il 3 novembre 1963 Diem e il fratello vennero uccisi dai golpisti (sostenuti dagli Stati Uniti), ma la Chiesa riuscì a evitare che i cattolici vietnamiti fossero travolti dalla caduta del regime.[3] La guerra in Vietnam si concluse solamente il 30 aprile 1975, allorché le truppe americane abbandonarono Saigon, lasciandola in mano ai vietcong vittoriosi.[5]

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale.

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo titolare di Cesariana
(con dignità di arcivescovo)
Successore: Stemma vescovo.png
Giovanni de Oliveira Matos Ferreira 13 ottobre 1962-30 dicembre 2004 vacante I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni de Oliveira Matos Ferreira {{{data}}} vacante
Predecessore: delegato apostolico per il Vietnam Successore: Flag of the Vatican City.svg
Mario Brini 13 ottobre 1962 - 1964 Angelo Palmas I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Mario Brini {{{data}}} Angelo Palmas
Predecessore: pro-nunzio apostolico per l'Iran
(Internunzio apostolico fino al 1966)
Successore: Flag of the Vatican City.svg
Vittore Ugo Righi
(Internunzio apostolico)
23 marzo 1964-7 giugno 1969 Paolino Limongi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Vittore Ugo Righi
(Internunzio apostolico)
{{{data}}} Paolino Limongi
Predecessore: Amministratore apostolico di Costantinopoli Successore: Stemma vescovo.png
Saverio Zupi 7 giugno 1969-15 novembre 1974 Gauthier Pierre Georges Antoine Dubois
(vicario apostolico)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Saverio Zupi {{{data}}} Gauthier Pierre Georges Antoine Dubois
(vicario apostolico)
Predecessore: pro-nunzio apostolico per la Turchia Successore: Flag of the Vatican City.svg
Saverio Zupi 7 giugno 1969 - 1984 Sergio Sebastiani
(nunzio apostolico)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Saverio Zupi {{{data}}} Sergio Sebastiani
(nunzio apostolico)
Predecessore: Nunzio apostolico in Portogallo Successore: Flag of the Vatican City.svg
Sante Portalupi 1984 - 1989 Luciano Angeloni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Sante Portalupi {{{data}}} Luciano Angeloni
Note
  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 Tommaso Papa, Memorie storiche del clero di Alcamo, Alcamo, Accademia di studi Cielo d'Alcamo, 1968.
  2. 2,0 2,1 Archbishop Salvatore Asta Catholic-Hierarchy]
  3. 3,0 3,1 3,2 Elisa Giunipero, Il contributo italiano alla pace in Vietnam, Milano, Educatt, 2012.
  4. 4,0 4,1 James Hershberg, Marigold: The Lost Chance for Peace in Vietnam, Washington D.C. e Stanford, Woodrow Wilson Center e Stanford University Press, 2012.
  5. A trent'anni dalla fine della guerra del VietnamI sentieri perduti della pace su 30giorni.it. URL consultato il 02-12-2018
Bibliografia
  • Salvatore Asta su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 01-12-2018
  • Diocesi di Roma[Pagina eliminata dal sito] su vicariatusurbis.org. URL consultato il 01-12-2018
  • Tommaso Papa, Memorie storiche del clero di Alcamo, Accademia di studi Cielo d'Alcamo, Alcamo, 1968
  • Elisa Giunipero, Il contributo italiano alla pace in Vietnam su books.google.it, Educatt, Milano, 2012 URL consultato il 02-12-2018
  • James Hershberg, Marigold: The Lost Chance for Peace in Vietnam, Woodrow Wilson Center e Stanford University Press, Washington D.C. e Stanford, 2012
  • Arthur J. Dommen, The Indochinese Experience of the French and the Americans: Nationalism and Communism in Cambodia, Laos, and Vietnam, Indiana University Press, Bloomington, 2001
  • Beverly Deepe Keever, Death Zones and Darling Spies: Seven Years of Vietnam War Reporting, Univ of Nebraska Press, Lincoln and London, 2013
  • A trent'anni dalla fine della guerra del Vietnam I sentieri perduti della pace su 30giorni.it. URL consultato il 02-12-2018
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.