Scipione Gonzaga

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Scipione Gonzaga
Scipione Gonzaga.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Af Gonzaga Scipione QUA 90 R.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte 50 anni
Nascita San Martino dall'Argine
11 novembre 1542
Morte San Martino dall'Argine
11 gennaio 1593
Sepoltura Chiesa di san Sebastiano in san Martino
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 1° novembre 1579
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 23 settembre 1585
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 4 ottobre 1585 da Innico d'Avalos d'Aragona
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
18 dicembre 1587 da Sisto V (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine Vescovi
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Scipione Gonzaga (San Martino dall'Argine, 11 novembre 1542; † San Martino dall'Argine, 11 gennaio 1593) è stato un patriarca e cardinale italiano. Cultore appassionato delle lettere, della musica e della pittura, fondò a vendidue anni l'accademia degli Eterei, alla quale invitò a far parte oltre a molti intellettuali dello studio di Padova tra i quali Torquato Tasso, del quale il Gonzaga fu grande amico e protettore. Fu autore in latino dei Commentarii, un autoprofilo, dove adottando la terza persona, scrive di sé dalla nascita ai 37 anni..

Cenni biografici

Nacque a San Martino dall'Argine, diocesi di Cremona, l'11 dicembre 1542. Fu secondogenito di Carlo, marchese di Gazzuolo e della moglie Emilia figlia di Francesco e di Isabella Boschetti.

Come cadetto dalla nascita fu destinato alla carriera ecclesiastica e nel 1550 venne affidato al cardinale Ercole Gonzaga che lo accolse in casa propria. Ricevette la tonsura e l'abito ecclesiastico nel 1559, studiò filosofia e teologia a Padova, dove si laureò nel 1566.

Nel 1565 fu con lo zio alla corte dell'imperatore [[|Massimiliano II per comporre alcune discordie domestiche. Ottenne per sé e per i suoi il titolo di principe dell'Impero.

Tenne nel 1568 il governo dello stato in assenza del fratello Pirro, poi si recò di nuovo alla corte imperiale, perché il duca di Mantova, Guglielmo, si era impadronito del feudo di Gazzuolo. Rimessa la causa all'ambasciatore cesareo, conte Prospero d'Arco, e a due uditori di Rota, Scipione si recò nel 1572 a Roma. Qui trovò Guglielmo Gonzaga, lo citò in giudizio, facendogli presentare l'intimazione all'uscita della messa. Sdegnatissimo, il duca si adoperò finché Scipione e i suoi avvocati fossero incarcerati per alcuni giorni a Tor di Nona. Ma poco dopo anche la contesa di Gazzuolo fu risolta con un accomodamento che permise ai fratelli Gonzaga di sciogliere la vertenza compensati da una grossa somma, mentre il Gonzaga e i suoi pretesero 100.000 ducati. Il duca ne offrì 70.000. Si giunse alla decisione dell'imperatore, che ha simpatia per il Gonzaga, come esternato in una lettera del 1573 ai cardinali Girolamo Morone e Ludovico Madruzzo, l'indennizzo fu stabilito in 130.000 ducati, che Massimiliano II ingiunga al duca di pagare, metà in contanti e metà con immobili di valore equivalente.

Da Sisto V fu creato il 23 settembre 1585 patriarca di Gerusalemme. Fu consacrato il venerdì 4 ottobre seguente nella chiesa romana di san Lorenzo in Lucina dal cardinal Innico d'Avalos d'Aragonia, O.S., coadiuvato da mons. Enrico Caetani, allora patriarca titolare di Alessandria e dall'arcivescovo di Napoli Annibale de Capua, e tre giorni dopo ne ricevette il pallio.

Lo stesso pontefice lo creò cardinale nel concistoro del 18 dicembre 1587, ricevette la berretta rossa con il titolo di cardinale presbitero di santa Maria del Popolo il 15 gennaio seguente.

Prese parte a tutti i conclavi tenutisi durante il suo cardinalato ma fu tenuto in disparte da Gregorio XIV, Innocenzo IX e Clemente VIII, poiché non ne aveva sostenuto le candidature.

Rientrato nei suoi possedimenti morì a San Martino l'11 gennaio 1593 e fu sepolto nella chiesa di San Sebastiano, nella cappella della Santa Croce.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Patriarca titolare di Gerusalemme Successore: PatriarchNonCardinal PioM.svg
Giovanni Antonio Facchinetti 4 ottobre 1585 - 15 gennaio 1588 Fabio Biondi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Antonio Facchinetti {{{data}}} Fabio Biondi
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria del Popolo Successore: CardinalCoA PioM.svg
Tolomeo Gallio 5 gennaio 1588 - 11 gennaio 1593 Ottavio Acquaviva d'Aragona I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Tolomeo Gallio {{{data}}} Ottavio Acquaviva d'Aragona
Bibliografia
  • Gino Benzoni, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 57, 2001, online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.