Sede titolare di Tarso

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Tarso
Sede arcivescovile titolare
Archidioecesis Tarsensis
Chiesa latina
Sede titolare di Tarso
Collocazione della città di Tarso, in Turchia
Vescovo titolare: {{{vescovo}}}
Arcivescovo titolare: vacante dal 5 marzo 1973
Sede vacante
Suffraganea
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: suffraganeadi

Vedi {{Sede titolare della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

Istituita: 1641
Soppressa: {{{sedetitolaresoppressa}}}
Stato: Turchia
Nazione bandiera Turchia
Regione: Mar Mediterraneo
Località: Tarso
collocazione
geografica:
[[Immagine:{{{mappacollocazione}}}|200 px]]
Diocesi soppressa di Tarso
Diocesi suffraganee:
Eretta: II - III secolo
Soppressa: XII secolo
'

Dati dall'annuario pontificio

Elenco delle sedi titolari della Chiesa cattolica
Tutte le sedi titolari

L'arcidiocesi di Tarso (in latino: Archidioecesis Tarsensis) è una sede soppressa e sede titolare della Chiesa cattolica

Storia

La diffusione del Cristianesimo a Tarso si deve senza dubbio a San Paolo, che dopo la conversione avvenuta intorno all'anno 30, trascorse qualche tempo nella città in cui era nato.

L'erezione della diocesi risale proprio ai primi anni di diffusione della religione cristiana, con i vescovi Giasone e Sant'Erodione, discepoli di San Paolo, anche se notizie certe si hanno a partire da alcuni scritti risalenti alla seconda metà del III secolo, in cui il vescovo della Cilicia Eleno viene indicato come governante di alcune diocesi suffraganee, a conferma del fatto che la sede di Tarso (capitale della Cilicia) doveva essere una sede vescovile metropolitana.

Il nome di un altro vescovo di Tarso, Teodoro, compare negli atti del Concilio di Nicea del 325. Una personalità importante per la diocesi fu il vescovo Diodoro, che pose fine ad una controversia avuta tra il predecessore Silvano e gli ariani dopo essere stato esiliato dall'imperatore Aurelio Valerio Valente.

Verso la fine del VII secolo si interrompe la cronotassi dei vescovi, a causa della dominazione araba, che durera fino al X secolo. Nell'XI secolo verrà ripristinata la sede episcopale, con l'erezione della chiesa di San Paolo, che probabilmente ne fu la cattedrale. Fu invece definitivamente smantellata dopo il sacco da parte degli arabi nel XIII secolo e la presa da parte dei mamelucchi (1359).

Oggi Tarso sopravvive come sede arcivescovile titolare, pur essendo la sede vacante dalla nomina dell'ultimo arcivescovo titolare, Luigi Raimondi, a cardinale il 5 marzo 1973.

Cronotassi degli arcivescovi titolari

Fonti
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.