Agostino Spinola Basadone

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Agustín Spínola Basadone)
Agostino Spinola Basadone
SPINOLA AGOSTINO PT.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Spinola A..jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte 51 anni
Nascita Genova
27 agosto 1597
Morte Sivilla
12 febbraio 1649
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 1622
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 5 marzo 1623
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 30 aprile 1623 dal mons. Andrés Pacheco
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo 7 settembre 1626
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
11 gennaio 1621 da Paolo V (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Agostino Spinola Basadone (Genova, 27 agosto 1597; † Sivilla, 12 febbraio 1649) è stato un arcivescovo e cardinale italiano.

Cenni biografici

Nacque a Genoa il 27 agosto 1597, secondogenito dei cinque gigli di Ambrogio Spinola e della moglie Giovanetta Basadone Doria.

Visse i primi anni di vita nella città natale dove ebbe ottimi precettori. Nel 1607 per volere del padre, generale al servizio della corona spagnola, i figli furono introdotti alla corte di Madrid come menino della regina Margherita d'Austria-Stiria. Alla morte di questa nel 1611 ritornò in famiglia.

Proseguì gli studi presso l'università di Alcalá de Henares e dal ottobre 1614 fu presso l'università di Salamanca, divenendo un rinomato canonista e teologo. Alla morte della madre decise di intraprendere la vita religiosa.

Su richiesta di Filippo IV, per i meriti acquisti dal padre, fu proposto alla porpora cardinalizia. Paolo V nel suo ultimo concistoro dell'11 gennaio 1621 lo creò cardinale. Ricevette la berretta cardinalizia nel monastero di San Bartolomé de Lupiana. Alla morte del pontefice si mise in viaggio per Roma per il Conclave del 1621, ma giunto a Madrid fu informato della nomina del nuovo pontefice Gregorio XV. A Madrid ricevette l'anno seguente gli ordini sacri, con dispensa per non aver ancora raggiunto l'età canonica e il protonotariato.

Nel 1623 il re di Spagna lo propose per la carica di vescovo di Tortosa. Con dispensa papale fu consacrato vescovo il 12 aprile nella cappella reale di Madrid da mons. Andrés Pacheco, vescovo di Cuenca, assistito da mons. Alfonso de Requeséns Fenollet (Ch), O.F.M. , vescovo titolare di Rosanensis e da mons. Antonio de Gouvea (Ch), O.S.A., vescovo titolare di Cirene.

Prese possesso della diocesi il 24 giugno di quell'anno. Informato della morte di papa Gregorio XV partì per Roma. Imbarcatosi a Barcellona raggiunse Genova dove fu informato dell'elezione del nuovo pontefice Urbano VIII. Giunse a Roma in ottobre dove il 18 dicembre ricevette il titolo cardinalizio della diaconia dei Santi Cosma e Damiano. In gennaio partì da Roma per rientrare in diocesi dove giunse in aprile. Tenne nella diocesi una visita pastorale e promosse, nello spirito tridentino, la formazione intellettuale e pastorale dei sacerdoti.

Su proposta di Filippo IV re di Spagna fu chiesto alla santa Sede la sua elevazione all'arcivescovado di Granada, nomina accolta il 7 settembre 1626, data in cui ricevette il pallio dal cardinale Baltasar Cardinal Moscoso y Sandoval. Fu il quattordicesimo arcivescovo dell'arcidiocesi e il primo con il titolo di cardinale. Prese possesso della sede il 27 febbraio seguente. Durante il suo episcopato eseguì due visite pastorali e lavorò intensamente per promuovere anche in questa sede il miglioramento della preparazione culturale e morale del clero. Nel 1628 indisse importanti festeggiamenti per il centenario della nascita di sant'Ignazio di Loyola, fondatore dei Gesuiti, di cui il cardinale fu sostenitore.

Nel 1630 fu trasferito all'arcidiocesi di Santiago di Compostela. Su richiesta del re Filippo IV si recò a Roma divenendo protettore dei Spagna dove rimase fino al 1635. Nel 1631 optò per il titolo di san Bartolomeo all'Isola. Fu camerlengo del Collegio Cardinalizio dal 10 gennaio 1632 al 9 gennaio dell'anno seguente. Richiamato in patria, giunse a Madrid nell'ottobre del 1635.

Nel marzo dell'anno seguente rientrò in sede, dove fece una visita pastorale delle sue parrocchie. Nel 1638 fu nominato consulente della corona di Spagna e nel 1640 presiedette la giunta degli affari portoghesi. Nel 1643 il re lo propose per la nomina ad arcivescovo di Siviglia. Non prese parte al conclave del 1644 che vide l'elezione del cardinal Giovanni Battista Pamphilj che prese il nome di Innocenzo X. Il 16 gennaio 1645 fu trasferito all'arcidiocesi di Siviglia. Lasciò la corte madrilena il 3 maggio di quell'anno ed entrò a Siviglia il 22. Ricevette il pallio il 6 febbraio seguente.

È ricordato per la sua grande pietà e generosità. Le sue rendite erano divise in tre parti: un terzo era distribuito in carità, un terzo andava per le opere diocesane e un terzo per sé e i suoi famigliari. Nel 1647 quando la città fu colpita dalla pese si prodigò nell'assistenza alle vittime.

Morì a Siviglia il 12 febbraio 1649 e fu seppellito nella chiesa dei Gesuiti.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo di Tortosa Successore: BishopCoA PioM.svg
Luis Tena (Ch) 5 marzo 1623 - 7 settembre 1626 Justino Antolínez Burgos (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Luis Tena (Ch) {{{data}}} Justino Antolínez Burgos (Ch)
Predecessore: Cardinale diacono dei santi Cosma e Damiano Successore: CardinalCoA PioM.svg
Flaminio Piatti 18 dicembre 1623 - 24 marzo 1631 Alessandro Cesarini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Flaminio Piatti {{{data}}} Alessandro Cesarini
Predecessore: Arcivescovo di Granada Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Garcerán Albañell (Ch) 7 settembre 1626 - 23 ottobre 1630 Miguel Santos de Sampedro (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Garcerán Albañell (Ch) {{{data}}} Miguel Santos de Sampedro (Ch)
Predecessore: Cardinale presbitero di san Bartolomeo all'Isola Successore: CardinalCoA PioM.svg
Gabriel Trejo y Paniagua 24 marzo 1631 - 12 febbraio 1649 Ottavio Acquaviva d'Aragona (Jr.) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gabriel Trejo y Paniagua {{{data}}} Ottavio Acquaviva d'Aragona (Jr.)
Predecessore: Camerlengo del Sacro Collegio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Desiderio Scaglia, O.P. 10 gennaio 1632 - 9 gennaio 1633 Cosimo de Torres I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Desiderio Scaglia, O.P. {{{data}}} Cosimo de Torres
Predecessore: Arcivescovo di Santiago di Compostela Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
José González Díez (Ch), O.P. 23 ottobre 1630 - 16 gennaio 1645 Fernando Andrade Sotomayor (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
José González Díez (Ch), O.P. {{{data}}} Fernando Andrade Sotomayor (Ch)
Predecessore: Arcivescovo di Siviglia Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Gaspar de Borja y Velasco 16 gennaio 1645 - 12 febbraio 1649 Domingo Pimentel Zúñiga, O.P. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gaspar de Borja y Velasco {{{data}}} Domingo Pimentel Zúñiga, O.P.
Bibliografia
  • Gaetano Moroni, Spinola, Agostino, in Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica, Venezia, Tipografia Emiliana, 1840, Vol. 68, p. 294, online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.