Basilica dei Santi Pietro e Paolo (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Santi Pietro e Paolo, vedi Santi Pietro e Paolo (disambigua).
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Basilica dei Santi Pietro e Paolo
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Roma EUR basilica santi Pietro e Paolo.jpg
Roma, Basilica dei Santi Pietro e Paolo (1939 - 1955)
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Religione Cattolica
Indirizzo
Telefono
Fax
Posta elettronica [mailto: ]
Sito web

Sito ufficiale

Sito web 2
Proprietà
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione basilicale
Dedicazione San Pietro apostolo
San Paolo apostolo
Vescovo
Sigla Ordine qualificante O.F.M. Conv.
Sigla Ordine reggente O.F.M. Conv.
Fondatore
Data fondazione
Architetti

Arnaldo Foschini
Alfredo Energici
Vittorio Grassi
Nello Ena
Tullio Rossi
Costantino Vetriani

Stile architettonico Razionalismo
Inizio della costruzione aprile 1939
Completamento 1955
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione
Inaugurato da luglio 1955
Data di consacrazione giugno 1966
Consacrato da cardinale Franjo Šeper
Titolo Santi Pietro e Paolo a Via Ostiense (titolo cardinalizio)
Strutture preesistenti Oratorio dell'Arciconfraternita dei Pellegrini
Pianta croce greca
Tecnica costruttiva
Materiali
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
41°50′02″N 12°27′33″E / 41.83384, 12.45923 bandiera Italia
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Basilica dei Santi Pietro e Paolo è una chiesa di Roma, che si trova nel punto più elevato del quartiere dell'EUR, dovesi ritiene sorgesse un oratorio dell'Arciconfraternita dei Pellegrini, dedicato ai due apostoli, fondatori della Chiesa Romana.

È affidata alla cura dei Frati Minori Conventuali della Provincia Romana.

Storia

La progettazione fu affidata agli architetti Arnaldo Foschini, Alfredo Energici, Vittorio Grassi, Nello Ena, Tullio Rossi e Costantino Vetriani. Il progetto venne approvato nel settembre del 1938 e i lavori iniziarono nell'aprile del 1939.

Durante la Seconda Guerra Mondiale i lavori rallentarono fino ad essere sospesi dopo un bombardamento che interessò solo alcune strutture nel 1943; i lavori ripresero nel 1953.

Aperta al culto nel luglio del 1955 la chiesa ricevette la dignità di parrocchia nel dicembre del 1958 e il titolo cardinalizio, ed ebbe come primo titolare il cardinale Franjo Šeper, nel novembre del 1965. Nel giugno del 1966 la chiesa fu consacrata dallo stesso cardinale e l'anno seguente, il 29 aprile 1967 papa Paolo VI l'ha elevata alla dignità di Basilica minore.[1]

Descrizione

Il tempio, a croce greca, è costituito da un cubo centrale e da una cupola emisferica con un diametro di 32 metri (la seconda più alta cupola della città di Roma, dopo quella della Basilica di San Pietro in Vaticano.

All'esterno, ai lati del portico, le grandi statue raffiguranti i patroni di Roma, san Pietro apostolo e san Paolo di Tarso dominano la scalea monumentale che unisce il piazzale della chiesa al sottostante viale Europa.

All'interno, sopra l'altare maggiore, domina la figura di Cristo trionfatore; a sinistra, nella cappella dedicata all'Immacolata Concezione, è presente un mosaico raffigurante la B.V. Maria con il bambino circondata da una corona di angeli. A destra, invece, si trova la cappella di San Francesco ove è collocata una pala in mosaico che presenta il Poverello di Assisi insieme ad alcuni santi francescani.

Nel (2007) la basilica è stata sottoposta a importanti interventi di restauro e conservazione.


Note
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.