Studium Biblicum Franciscanum

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Studium Biblicum Franciscanum
Convento Flagellazione.jpg
Nome latino {{{latino}}}
Soprannome {{{soprannome}}}
Motto '
Tipo Pontificia
Nazione

bandiera Israele

Città Stemma Gerusalemme
Altre sedi Hong Kong
Fondazione 1901
Fondatore Frediano Giannini

Sigla Ordine

O.F.M.
Facoltà
Rettore p. Massimo Pazzini, O.F.M. (decano)
Studenti
Dipendenti
Colori {{{colori}}}
Affiliazioni
Sport {{{sport}}}
Sito web sito web ufficiale
Coordinate geografiche
<span class="geo-dms" title="Mappe, foto aeree ed altre informazioni per Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto.">Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. / {{{latitudine_d}}}, {{{longitudine_d}}} {{{{{sigla paese}}}}}


 

Lo Studium Biblicum Franciscanum è un'istituzione accademica, parte integrante della Pontificia Università Antonianum e facente capo alla Custodia di Terra Santa dei Frati Francescani. Ha sede a Gerusalemme presso il convento della Flagellazione.

Si definisce "istituzione scientifica per la ricerca e l'insegnamento accademico della Sacra Scrittura e dell'archeologia dei paesi biblici"[1].

Comprende i due cicli di specializzazione di Licenza e Dottorato in Scienze bibliche e Archeologia.

Allo Studium è collegato come primo ciclo di teologia lo Studium Theologicum Jerosolymitanum, con sede presso il Convento di San Salvatore, comprendente un biennio filosofico che si svolge nella medesima struttura scolastica.

Storia

Lo Studium fu ideato dalla Custodia Francescana di Terra Santa nel 1901[2].

Il progetto iniziale del Custode di Terra Santa padre Frediano Giannini prevedeva "un corso compiuto di studi biblici" destinato ai religiosi dell'Ordine dei Frati Minori da istituire in Terra Santa e a Gerusalemme, ambiente unico per questo genere di studi. La Scuola iniziò nell'anno accademico 1901-1902 presso il Convento di San Salvatore. L'insegnamento comprendeva materie bibliche (esegesi, lingue, istituzioni, archeologia) e la storia dei santuari evangelici.




Passata la prima guerra mondiale, la Scuola fu rifondata dal Custode di Terra Santa padre Ferdinando Diotallevi, e approvata nel 1923 dal Ministro Generale padre Bernhardin Klumper. Il 7 gennaio 1924 lo Studium Biblicum Franciscanum fu inaugurato presso il Santuario della Flagellazione. Svolgeva un programma biennale di specializzazione biblica (storia, geografia, lingue orientali) per gli studenti di teologia. Subito si stabilì la biblioteca e il museo archeologico.



Nel 1927, per volontà del Ministro Generale padre Bonaventura Marrani, lo Studium diventò parte integrante del programma di studi del Collegio di Sant'Antonio di Roma. Gli studenti della sezione biblica studiavano due anni presso lo Studium materie bibliche (introduzione, esegesi, storia, geografia, archeologia, lingue) e venivano guidati nelle escursioni alle località storiche. 
Nel 1933 ebbe luogo la prima campagna di scavi sul Monte Nebo, Transgiordania.

Dal 1933 al 1940 si tennero nello Studium corsi biblici complementari del programma di studio globale dell'Antonianum, diventato allora Ateneo Pontificio. Si incrementarono gli scavi archeologici (Tabgha, Monte Nebo). 
Lo scoppio della seconda guerra mondiale causò l'allontanamento di professori e studenti.



Interrotta l'attività didattica, non cessò però la ricerca. Dal 1940 al 1950 si scavò a Emmaus-Qubeibeh, Ain Karem, Tiberiade, Betlemme, Betania. L'illustrazione dello scavo del Monte Nebo inaugurò nel 1941 le pubblicazioni dello Studium. I professori prepararono una Guida di Terra Santa e un atlante storico-geografico della Palestina.

Per la tenacia di padre Donato Baldi e per la decisione del Ministro Generale padre Augustin Sépinski, lo Studium riprese nel 1950 l'attività didattica e venne di nuovo collegato con l'Antonianum. Gli studenti completavano gli studi a Gerusalemme e sostenevano l'esame presso la Pontificia Commissione Biblica.


Negli anni fino al 1960 si incrementò l'attività didattica e di ricerca, e iniziarono scavi importanti come quelli del Dominus Flevit e di Nazaret. Lo Studium si aprì inoltre a studenti non francescani. Nel 1951 venne fondata la rivista Liber Annuus. 

 Il 14 giugno 1960 la Congregazione dei Seminari e Università degli Studi costituì lo Studium Sezione Biblica della Facoltà di Teologia dell'Antonianum, con diritto di conferire il titolo accademico di Laurea. Negli anni seguenti si scavò sul Monte Carmelo, a Tabgha, Kefer Kenna, e furono iniziati gli scavi di Cafarnao.


Nel 1972 fu introdotto il corso per la Licenza in Teologia (specializzazione biblica), e il programma di insegnamento fu ampliato in conseguenza.

Il 15 marzo 1982, per decisione della Congregazione per l'Educazione Cattolica, lo Studium divenne Sezione parallela della Facoltà di Teologia dell'Antonianum di Roma. Da allora comprende i regolari tre cicli: ciclo istituzionale, nello Studium Theologicum Jerosolymitanum, e secondo e terzo ciclo di specializzazione in teologia biblica.

Il 4 Settembre 2001 la Congregazione per L'Educazione Cattolica lo elevò a Facoltà di Scienze Bibliche e Archeologia della Pontificia Università Antonianum in Roma (allora ancora Ateneo).

Attività di ricerca

Lo Studium conduce ricerche bibliche sotto l'aspetto linguistico, storico, esegetico, teologico e ambientale.

Si dedica inoltre allo studio dell'archeologia biblica, in particolare alla riscoperta dei Luoghi Santi del Nuovo Testamento e della Chiesa primitiva in Terra Santa e nel Medio Oriente, allo studio delle fonti letterarie e alla illustrazione dei Santuari della Redenzione, in continuità con la tradizione dei palestinologi francescani di Terra Santa.

Tra i principali scavi archeologici dello Studium vanno ricordati: Nazaret, Cafarnao, Gerusalemme (Getsemani, Dominus Flevit, Santo Sepolcro, Ascensione), Ain Karem, Betlemme, El-Qubeibeh/Emmaus, Herodion, Kafr Kanna, Macheronte, Magdala, Monte Nebo (Siyagha, Mukhayyet), Tabgha, Monte Tabor.

Lo Studium cura varie pubblicazioni scientifiche: la rivista Liber Annuus, e le collane Collectio Maior, Collectio Minor, Analecta e Museum.

Attività didattica

Lo Studium rilascia i gradi accademici pontifici in Scienze bibliche e Archeologia:

  • per la Licenza sono previsto due semestri propedeutici e cinque regolari;
  • per il Dottorato prevede quattro semestri e l'elaborazione della tesi.

Conferisce inoltre un Diploma Superiore di Scienze biblico-orientali e Archeologia e un Diploma di Formazione biblica; entrambi prevedono due semestri di corsi.

A partire dal 1991 conferisce un Diploma di Studi biblici tramite il Catholic Biblical Institute di Hong Kong.

Organizza convegni e giornate di studio, e inoltre corsi di aggiornamento biblico e di formazione per gli animatori di pellegrinaggi in Terra Santa.

Il programma di studio prevede lezioni, seminari ed esercitazioni nelle seguenti discipline:

Nell'attività didattica lo Studium dà particolare importanza alle lingue bibliche e al contatto personale e prolungato con il mondo biblico-orientale. In tal senso il programma di studi include una trentina di escursioni scientifiche guidate attraverso la Terra Santa e il Medio Oriente (Sinai, Giordania, Egitto) e altre terre collegate al mondo biblico (Turchia, Grecia, Cipro).

Alcuni studenti possono essere ammessi a partecipare alle campagne di scavo dello Studium.

Museo

L'interno del Museo dello Studium

Annesso allo Studium si trova un Museo aperto al pubblico, soprattutto ai pellegrini, fondato nel 1902. In esso vengono esposti i reperti più significativi degli scavi archeologici dello Studium stesso.

Il museo è strutturato in funzione didattica per gli studenti e i pellegrini, e comprende sale che illustrano rispettivamente gli scavi di Nazaret, di Cafarnao e del Dominus Flevit, delle fortezze dell'Herodion e di Macheronte e dei monasteri del Deserto di Giuda.

Degne di menzione sono anche la raccolta numismatica delle città della Palestina (Giudea, Samaria e Galilea) e della Transgiordania (Decapoli e Provincia Arabia), nonché una serie di lucerne bizantine con iscrizioni in greco e una collezione di vasi dell'antica Farmacia del Convento di San Salvatore (secoli XVII-XIX, Scuola di Savona).

Biblioteca

Lo Studium dispone di una biblioteca specializzata di circa 56.000 volumi e 420 riviste. I settori principali sono: archeologia, studi biblici, patristica, giudaismo, Oriente antico e itinerari di Terra Santa.

Note
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.