Tirso González de Santalla

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Tirso González de Santalla, S.J.
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Thyrsus González - Ordensgeneral der Jesuiten.jpg

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 81 anni
Nascita Arganza
18 gennaio 1624
Morte Roma
27 ottobre 1705
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione Oviedo, 1643
Professione religiosa Salamanca, 27 marzo 1660
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale Salamanca, 1651
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti Preposito Generale della Compagnia di Gesù
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni

Tirso González de Santalla (Arganza, 18 gennaio 1624; † Roma, 27 ottobre 1705) è stato un presbitero, teologo e preposito generale spagnolo.

Cenni biografici

Nacque ad Arganza (León, Spagna) il 18 gennaio 1624. Entrò nella Compagnia di Gesù a Oviedo (Asturie, Spagna) il 3 marzo 1643. Studiò filosofia nel collegio di Valladolid e teologia in quello di Salamanca, dove fu ordinato sacerdote nel 1651. Sempre in quella città e mise i quattro voti il 27 marzo 1660.

Dal 1653 al 1655 insegnò filosofia al collegio di Santiago, teologia al sant'Ambrogio di Valladolid, e dal 1656 al 1665 a Salamanca. Valente predicatore, per circa undici anni si dedicò alle missioni popolari. Nel 1675 riprese l'insegnamento di teologia a Salamanca, docenza alquanto difficile e conflittuale, in quanto accanito sostenitore del probabiliorismo[1] in contrapposizione al probabilismo sostenuto dai più illustri teologi dalla Compagnia del tempo, come padre Bartolomé de Medina e padre Luis de Molina. Alla morte del generale padre Carlos de Noyelle, il 6 luglio 1686 fu eletto tredicesimo generale della Compagnia, carica che ricoprì fino alla morte avvenuta in Roma il 27 ottobre 1705.

Opere

La sua prima opera destinata a confutare il probabilismo, Fundamentum theologiae moralis, id est tractatus theologicus de recto usu opinionum probabilium (1676), non ebbe dai superiori il permesso di pubblicazione. Più tardi, eletto generale, e con l'appoggio di papa Innocenzo XI, poté stampare segretamente un'opera contro il probabilismo, il Tractatus succintus de recto usu opinionum probabilium (Dellingen, 1691), ma per l'opposizione dei teologi della Compagnia l'opera non fu messa in circolazione e sembra ne sia restata una sola copia. Tuttavia padre González non si arrese e, ottenuta l'autorizzazione di Innocenzo XII, stampò il Fundamentum[2], suscitando nuove controversie nell'ordine. Padre González ebbe tra i più accesi avversari padre Paolo Segneri.

Predecessore: Preposito Generale della Compagnia di Gesù Successore: Quadrato trasparente.png
Charles de Noyelle 1687 - 1705 Michelangelo Tamburini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Charles de Noyelle {{{data}}} Michelangelo Tamburini
Note
  1. Del problema, se e quando sia lecito seguire nella pratica l'opinione probabile, quando si dubita dell'esistenza d'una legge, la teologia morale conosce varie interpretazioni, che vanno dal rigorismo, che vuole la scelta della legge sempre prioritaria, per gradi discendenti che passando dal tuziorismo, probabiliorismo, equiprobabilismo, compensazionismo, probabilismo per finire nel lassismo, il meno intransigente.
  2. (LA) Testo online
Bibliografia
  • González de Santalla, Tirso; Enciclopedia Treccani on line, online
  • Giuseppe De Luca Tuziorismo; Enciclopedia Italiana Treccani (1937) online
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.