San Pietro Canisio

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Pietro Canisio, S.J.
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo
Dottore della Chiesa

Saint Petrus Canisius.jpg

San Pietro Canisio (1600 ca.), incisione su rame
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 76 anni
Nascita Nimega
8 maggio 1521
Morte Friburgo
21 dicembre 1597
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa 8 maggio 1543
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale Colonia, giugno 1546
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 20 giugno 1864, da Pio IX
Canonizzazione 21 maggio 1925, da Pio XI
Ricorrenza 21 dicembre
Altre ricorrenze nel Rito Ambrosiano il 15 dicembre
Santuario principale
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 21 dicembre, n. 1 (nel Rito Ambrosiano il 15 dicembre):
« San Pietro Canisio, sacerdote della Compagnia di Gesù e dottore della Chiesa, che, mandato in Germania, si adoperò strenuamente per molti anni nel difendere e rafforzare la fede cattolica con la predicazione e con i suoi scritti, tra i quali il celebre Catechismo. A Friburgo in Svizzera prese infine riposo dalle sue fatiche. »

San Pietro Canisio, in olandese Pieter Kanijs, o Kanisius, o Kanijs, o Kanîs (Nimega, 8 maggio 1521; † Friburgo, 21 dicembre 1597), è stato un presbitero e teologo olandese. Fu il primo gesuita della provincia germanica.

Biografia

Nacque a Nimega, villaggio che si trovava allora nel ducato di Gheldria e, dunque, nel Sacro Romano Impero, oggi in Olanda. Suo padre era borgomastro della città. Mentre era studente all'Università di Colonia, frequentò i monaci Certosini di santa Barbara, un centro propulsivo di vita cattolica, e altri pii uomini che coltivavano la spiritualità della cosiddetta devotio moderna.

Entrò nella Compagnia di Gesù l'8 maggio del 1543 a Magonza, Renania – Palatinato, dopo aver seguito un corso di esercizi spirituali sotto la guida di san Pietro Favre, uno dei primi compagni di sant'Ignazio di Loyola. Fu ordinato sacerdote nel giugno 1546 a Colonia e l'anno seguente, come teologo del Vescovo di Augusta card. Otto Truchsess von Waldburg, fu presente al Concilio di Trento, dove collaborò con due confratelli, Diego Laínez e Alfonso Salmerón.

Nel 1548, sant'Ignazio gli fece completare a Roma la formazione spirituale e lo inviò poi nel Collegio di Messina a esercitarsi in umili servizi domestici. Conseguì poi a Bologna il dottorato in teologia il 4 ottobre del 1549 e destinato da sant'Ignazio all'apostolato in Germania. Il 2 settembre del 1549 fece visita a Papa Paolo III in Castel Gandolfo. Dopo l'incontro si recò a pregare nella Basilica di San Pietro. Qui implorò l'aiuto dei grandi Santi Apostoli Pietro e Paolo, che dessero efficacia permanente alla Benedizione Apostolica per il suo grande destino, per la sua nuova missione. Nel suo diario annotò alcune parole di questa preghiera. Dice:

« Là io ho sentito che una grande consolazione e la presenza della grazia mi erano concesse per mezzo di tali intercessori (dei due Apostoli). Essi confermavano la mia missione in Germania e sembravano trasmettermi, come ad apostolo della Germania, l'appoggio della loro benevolenza. Tu conosci, Signore, in quanti modi e quante volte in quello stesso giorno mi hai affidato la Germania per la quale in seguito avrei continuato ad essere sollecito, per la quale avrei desiderato vivere e morire. »

La sua missione si svolse al tempo della Riforma luterana, nel momento in cui la fede cattolica nei Paesi di lingua germanica, davanti al fascino della Riforma, andava scemando. Era un compito quasi impossibile quello di Canisio, incaricato di rivitalizzare e rinnovare la fede cattolica nei Paesi germanici. Era possibile solo in forza della preghiera [1].

Seguendo la missione ricevuta da Ignazio e da Papa Paolo III, Canisio partì per la Germania. Da prima fu nel Ducato di Baviera, che per parecchi anni fu luogo del suo ministero. Come decano, rettore e vicecancelliere dell'Università di Ingolstadt, curò la vita accademica nell'Istituto e la riforma religiosa e morale del popolo. A Vienna, dove per breve tempo fu amministratore della Diocesi, svolse il ministero pastorale negli ospedali e nelle carceri, sia nella città sia nelle campagne, e preparò la pubblicazione del suo Catechismo. Nel 1556 fondò il Collegio di Praga e, fino al 1569, fu il primo superiore della provincia gesuita della Germania superiore.

In questo ufficio, stabilì nei Paesi germanici una fitta rete di comunità del suo Ordine, specialmente di Collegi, che furono punti di partenza per la riforma cattolica, per il rinnovamento della fede cattolica. In quel tempo partecipò anche al colloquio di Worms con i dirigenti protestanti, tra i quali Filippo Melantone; nel 1558 fu Nunzio pontificio in Polonia; partecipò alle due Diete di Augusta del 1559 e del 1565; accompagnò il card. Stanislao Hozjusz, legato di Papa Pio IV presso l'Imperatore Ferdinando nel 1560; intervenne nel 1562 alla sessione finale del Concilio di Trento dove parlò sulla questione della Comunione sotto le due specie e dell'Indice dei libri proibiti.

Nel 1580 si ritirò a Friburgo in Svizzera dove si dedicò alla predicazione e alla composizione delle sue opere. In quella città morì il 21 dicembre 1597.

Opere

San Pietro Canisio fu per buona parte della sua vita a contatto con le persone socialmente più importanti del suo tempo ed esercitò un influsso speciale con i suoi scritti. Fu editore dell'opera omnia di san Cirillo d'Alessandria e di san Leone Magno, delle Lettere di san Girolamo e delle Orazioni di san Nicola della Fluë. Pubblicò libri di devozione in varie lingue, le biografie di alcuni santi svizzeri e molti testi di omiletica.

I suoi scritti più diffusi furono i tre Catechismi composti tra il 1555 e il 1558. Il primo Catechismo era destinato agli studenti in grado di comprendere nozioni elementari di teologia; il secondo ai ragazzi del popolo per una prima istruzione religiosa; il terzo ai ragazzi con una formazione scolastica a livello di scuole medie e superiori. Solo nel tempo della sua vita le edizioni di questo Catechismo furono duecento. E centinaia di edizioni si sono succedute fino al Novecento. Così in Germania, ancora agli inizi del Novecento, la gente chiamava il Catechismo semplicemente il Canisio: fu realmente il catechista della Germania, ha formato la fede di persone per secoli [2].

Culto

Fu beatificato dal beato Pio IX il 20 giugno del 1864, fu proclamato secondo Apostolo della Germania da Papa Leone XIII con l'enciclica Militantis ecclesiae dell'1 agosto 1897 [3], e Papa Pio XI lo ha canonizzato e proclamato Dottore della Chiesa nel 1925.


Predecessore: Vescovo di Vienna Successore: Stemma vescovo.png
Christoph Wertwein 1554-1555
Amministratore
Sede Vacante I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Christoph Wertwein {{{data}}} Sede Vacante
Note
  1. Come sottolineato da Papa Benedetto XVI nella sua Udienza Generale del 9 febbraio 2011
  2. Udienza Generale di Papa Benedetto XVI
  3. Giovanni Paolo II Lettera ai vescovi tedeschi in occasione del IV centenario della morte di san Pietro Canisio Testo online
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.