Diego Laínez

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Diego Laínez, S.J.
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Diego Laínez.jpg

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 53 anni
Nascita Almazán
1512
Morte Roma
19 gennaio 1565
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa 15 agosto 1534
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 1537
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni

Diego Laínez o Laynez (Almazán, 1512; † Roma, 19 gennaio 1565) è stato un gesuita e teologo spagnolo, tra i primi discepoli di Ignazio di Loyola e cofondatore della Compagnia di Gesù[1], di cui divenne Preposito Generale dopo Ignazio. Fu, con Alfonso Salmerón, il più dotto tra i nove compagni ignaziani; fu teologo al Concilio di Trento.

Biografia

Discendeva (probabilmente in quarta generazione) da un ebreo convertito[2], maggiore dei sette figli di Juan Laínez e Isabel Gómez de León.

Sappiamo poco dei suoi primi anni di vita. Studiò lettere a Sigüenza (1528) e dal 1528 filosofia ad Alcalá de Henares, dove conseguì il dottorato nel 1532. Ivi sentì parlare di Ignazio di Loyola.

Si trasferì poi a Parigi, dove dal 1532 al 1536 studiò teologia. Conobbe Ignazio di Loyola, del quale divenne discepolo e compagno: fatti gli esercizi spirituali aderì al progetto religioso di Ignazio, e, sotto la sua guida (1533), il 15 agosto 1534, nella chiesa di Saint-Pierre di Montmartre, con Ignazio e altri cinque confratelli fece voto di andare in Terra Santa per predicarvi il Vangelo in completa povertà; era il primo nucleo della Compagnia di Gesù.

Nel primo nucleo della Compagnia

Il 15 novembre 1536, terminati gli studi, i nove compagni e primi gesuiti lasciarono Parigi diretti a Venezia, dove li attendeva Ignazio.

A Roma ricevettero da papa Paolo III il permesso di recarsi in Terra Santa, e, tornati a Venezia, tutti i compagni (ad eccezione di Alfonso Salmerón, ancora troppo giovane), furono ordinati sacerdoti. A causa però della guerra contro i turchi dovettero rinunciare al pellegrinaggio e tornarono a Roma.

Una delle grandi missioni di Diego Laínez si svolse al Concilio di Trento, dove giunse nel maggio 1546 insieme al suo compagno e grande amico Salmerón.

Dal giugno 1547 Laínez predicò nuovamente a Firenze, Perugia, Siena, Venezia e Padova, a Napoli sbrigò le pratiche per la costruzione di un collegio. L'11 giugno 1552 fu nominato provinciale d'Italia.

Preposito generale della Compagnia

Alla morte di Ignazio, avvenuta il 31 luglio 1556, era l'ovvio candidato alla successione e fu eletto prima vicario generale e poi, nel 1558, preposito generale. Con lui essa diede un enorme impulso ai centri educativi. Le richieste di apertura di collegi durante il suo generalato furono un centinaio, ma Laínez ne accettò solo dieci, essendo interessato alla qualità più che alla quantità.

Durante il generalato di Laínez si ebbe l'istituzione di sei nuove province della Compagnia: Napoli, Aquitania, Toledo, Lombardia, Reno e Austria; il numero dei gesuiti raggiunse la cifra di tremila; molti collegi furono consolidati dal punto di vista finanziario e dotati di corsi accademici.

Grazie all'influenza di Diego Laínez la Compagnia di Gesù fu riammessa in Francia e le furono aperte le porte della Polonia.

Nel frattempo papa Pio IV aveva nuovamente convocato il concilio di Trento, designando Laínez come suo legato. L'8 giugno 1562 Laínez, che si trovava a Poissy, nei pressi di Parigi, per un convegno con i calvinisti, partì. Prima però visitò Cambrai, Tournai, Bruxelles, Anversa e altre città, in cui c'erano collegi gesuiti, giungendo il 13 agosto a Trento; ivi alloggiò in una casa dove i gesuiti avevano una piccola comunità. Al Conclio Laínez esercitò notevolissima influenza sulle discussioni e sulle decisioni conciliari, specialmente quelle riguardanti la giustificazione e la definizione del dogma sacramentario; nella terza sessione formulò la dottrina della derivazione della potestà episcopale dal papa. In tutto ciò il concilio mise a dura prova la sua salute fisica e psichica.

Il 10 dicembre dello stesso anno, in compagnia di Salmerón e di altri, partì per Roma. Passarono per Padova, Venezia, Ferrara e Bologna, Imola, Forlì e Ancona; l'ultima tappa prima di Roma fu Loreto. Il viaggio durò due mesi e due giorni, lasciando Laínez esausto per le fatiche del cammino e per i rigori dell'inverno. A causa del cattivo stato di salute rimase quasi totalmente inattivo nei primi mesi dal suo ritorno a Roma.

Morì il 19 gennaio 1565.

Le sue spoglie riposano a Madrid, nella chiesa di San Francisco de Borja.

Predecessore: Preposito Generale della Compagnia di Gesù Successore: Quadrato trasparente.png
Ignazio di Loyola 1558 - 1565 Francesco Borgia I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ignazio di Loyola {{{data}}} Francesco Borgia
Note
  1. http://www.zenit.org/article-30317?l=italian
  2. Francesco Sacchini, Historia Societatis Jesu, II, 1620, sec. 32.
Bibliografia
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.