Gianfranco Ravasi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Gianfranco Ravasi
Stemma ravasi.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Arciravasi.jpg

{{{didascalia}}}
Praedica Verbum
Titolo cardinalizio
Cardinale diacono di San Giorgio al Velabro
Età attuale 75 anni
Nascita Merate
18 ottobre 1942
Morte
Sepoltura
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 28 giugno 1966 dal cardinale Giovanni Umberto Colombo
Appartenenza Arcidiocesi di Milano
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 3 settembre 2007 da Benedetto XVI
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Roma, 29 settembre 2007 da papa Benedetto XVI
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Arcivescovo dal
Patriarca dal {{{patriarca}}}
Arcieparca dal {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
20 novembre 2010 da Benedetto XVI (vedi)
Cardinale elettore Fino al 18 ottobre 2022
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Gianfranco Ravasi (Merate, 18 ottobre 1942) è un cardinale, arcivescovo e teologo italiano.

Dal 2007 è presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa e presidente della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra.

Biografia

Originario di Osnago (Lecco), è stato ordinato sacerdote dell'arcidiocesi di Milano dal cardinale Giovanni Colombo il 28 giugno 1966.

Dopo aver perfezionato gli studi biblici a Roma, alla Pontificia Università Gregoriana e al Pontificio Istituto Biblico, ha insegnato esegesi dell'Antico Testamento nella Facoltà teologica dell'Italia Settentrionale e nei seminari della sua diocesi.

Dal 1980 al 2002 ha tenuto numerosi cicli di lectio divina presso il Centro Studi San Fedele di Milano, in particolare durante i periodi di Quaresima e Avvento, durante i quali ha commentato di volta in volta libri dell'Antico e del Nuovo Testamento.

Nel 1989 è stato nominato prefetto della Biblioteca-Pinacoteca Ambrosiana, fondata nel 1607 dal cardinale Federico Borromeo. Ha lavorato anche a fianco dell'arcivescovo di Milano Carlo Maria Martini.

Il 22 giugno 1995 è stato nominato da Giovanni Paolo II Protonotario Apostolico Soprannumerario.

Nel 2007 il papa Benedetto XVI gli affidò l'incarico di formulare le meditazioni della tradizionale Via Crucis del Venerdì Santo al Colosseo.

Il 3 settembre 2007, lasciata la Biblioteca Ambrosiana, papa Benedetto XVI lo ha nominato arcivescovo titolare di Villamagna di Proconsolare e contemporaneamente presidente del dicastero della Cultura e delle Commissioni per i Beni Culturali della Chiesa e di Archelogia Sacra. Il 29 settembre dello stesso anno, nella basilica di San Pietro, gli ha conferito l'ordinazione episcopale.

La sua vasta produzione letteraria ammonta a circa centocinquanta volumi, riguardanti soprattutto argomenti biblici e scientifici, opere particolarmente amate dai lettori per la capacità di interpretazione dei testi sacri, per la chiarezza e la finezza letteraria e poetica. Collabora regolarmente con testate giornalistiche e radiotelevisive: da molti anni conduce, ogni domenica mattina su Canale 5, la rubrica Frontiere dello Spirito; scrive per il settimanale "Famiglia Cristiana", il mensile Jesus e diversi quotidiani, tra cui L'Osservatore Romano, Il Sole 24 Ore e Avvenire su cui ha tenuto, per quindici anni, la rubrica Il Mattutino.

Nel 2007 l'università di Urbino gli ha conferito la laurea honoris causa specialistica in antropologia ed epistemologia delle religioni. Nel 2010 è stato annoverato tra i soci onorari dell'Accademia di belle arti di Brera e insignito del diploma honoris causa di secondo livello in comunicazione e didattica dell'arte.

Assumendo la presidenza dei tre organismi curiali, ha impresso una significativa svolta al Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, creato da Giovanni Paolo II, e alle due commissioni che si occupano di beni culturali ecclesiali e dell'archeologia sacra. Nel Pontificio Consiglio della Cultura, in particolare, ha dato priorità ad alcuni settori tematici, organizzando strategicamente il lavoro in dipartimenti che si occupano del rapporto tra scienza e fede (il cosiddetto progetto Stoq), del legame tra arte e fede, del dialogo con il mondo dell'ateismo e della non credenza (il Cortile dei Gentili), della comunicazione e del linguaggio, del dialogo con le culture emergenti.

Insieme ai suoi collaboratori ha realizzato già significativi momenti di dialogo culturale, ottenendo positivi riscontri da parte di scienziati e artisti, uomini di cultura e filosofi non credenti, desiderosi di allacciare nuovi rapporti con la Santa Sede e di confrontarsi senza pregiudizi con le istanze scaturite e motivate dalla fede cattolica, nei diversi campi della cultura. Si ricordano, ad esempio, il congresso internazionale su Charles Darwin, a cui hanno partecipato scienziati di fama mondiale, tra cui alcuni premi Nobel, e l'incontro del Papa con gli artisti, tenutosi nella Cappella Sistina il 21 novembre 2009.

È stato creato cardinale da Benedetto XVI nel Concistoro del 20 novembre 2010.

Dal 2011 è il nuovo Presidente della Casa di Dante in Roma, subentrando a Giulio Andreotti.

Genealogia episcopale e successione apostolica

Opere

Onorificenze

Accademiche

Laurea honoris causa in Sociologia - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa in Sociologia
— Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo", Urbino 20 novembre 2007[1]
Laurea honoris causa - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa
— Università di Bucarest, Bucarest (Romania) 12 ottobre 2011[2]
Laurea honoris causa in Sacra Teologia - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa in Sacra Teologia
— Università Cattolica Giovanni Paolo II di Lublino, Lublino (Polonia) 28 settembre 2012[3]
Laurea honoris causa in Sacra Teologia - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa in Sacra Teologia
— Pontificia Università Lateranense, Roma 9 novembre 2012[4]
Laurea honoris causa in Scienze umane - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa in Scienze umane
— Universidad Popular Autónoma del Estado de Puebla, Puebla (Messico) 7 maggio 2013[5]
Laurea honoris causa in Scienze della comunicazione - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa in Scienze della comunicazione
— Libera Università Maria Santissima Assunta, Roma 22 novembre 2013[6]
Laurea honoris causa in Teologia - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa in Teologia
— Università di Deusto, Bilbao (Spagna) 4 marzo 2014[7]
Laurea honoris causa - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa
— Pontificia università cattolica argentina, Buenos Aires (Argentina) 27 novembre 2014[8]
immagine del nastrino non ancora presente Socio onorario dell'Accademia di belle arti di Brera

Italiane

Cardinale Cappellano e Balì di Gran Croce del Sovrano Militare Ordine di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Cardinale Cappellano e Balì di Gran Croce del Sovrano Militare Ordine di Malta
Balì Gran Croce di Giustizia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Balì Gran Croce di Giustizia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio
— 2006, 2010[9]
Grande Medaglia d'oro dell'Ambrogino d'oro - nastrino per uniforme ordinaria Grande Medaglia d'oro dell'Ambrogino d'oro
Sigillo Longobardo - nastrino per uniforme ordinaria Sigillo Longobardo

Straniere

Commendatore dell'Ordine Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine Legion d'onore (Francia)
— 2 febbraio 2017[10]
Cavaliere dell'Ordine dell'Amicizia (Azerbaigian) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Amicizia (Azerbaigian)
— 2013[11]

Successione degli incarichi

Predecessore: Prefetto della Biblioteca Ambrosiana Successore: Quadrato trasparente.png
 ? 1989 - 2007 Franco Buzzi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
 ? {{{data}}} Franco Buzzi
Predecessore: Vescovo di Villamagna di Proconsolaretitolo personale di arcivescovo Successore: Stemma vescovo.png
Carlos García Camader dal 3 settembre 2007 in carica I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlos García Camader {{{data}}} in carica
Predecessore: Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura Successore: Coat of arms of the Vatican City.svg
Paul Poupard dal 3 settembre 2007 in carica I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Paul Poupard {{{data}}} in carica
Predecessore: Presidente della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa Successore: Coat of arms of the Vatican City.svg
Mauro Piacenza dal 3 settembre 2007 in carica I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Mauro Piacenza {{{data}}} in carica
Predecessore: Presidente della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra Successore: Coat of arms of the Vatican City.svg
Mauro Piacenza dal 3 settembre 2007 in carica I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Mauro Piacenza {{{data}}} in carica
Predecessore: Cardinale diacono di San Giorgio in Velabro Successore: CardinalCoA PioM.svg
Alfons Maria Stickler, S.D.B. dal 20 novembre 2010 in carica I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alfons Maria Stickler, S.D.B. {{{data}}} in carica
Predecessore: Presidente della Casa di Dante in Roma Successore: Quadrato trasparente.png
Giulio Andreotti 1º marzo 2012 - 13 ottobre 2016 Giorgio Napolitano I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giulio Andreotti {{{data}}} Giorgio Napolitano
Collegamenti esterni
Note
  1. Monsignor Ravasi laureato in sociologia a Urbino su ilrestodelcarlino.it. URL consultato il 13 marzo 2014
  2. Il «cortile» per atei sinceri e (possibilmente) non «devoti» su vaticaninsider.lastampa.it. URL consultato il 13 marzo 2014
  3. Cardinale Ravasi: Laurea honoris causa dall'Università Cattolica di Giovanni Paolo II a Lublino su news.va. URL consultato il 13 marzo 2014
  4. Laurea honoris causa al cardinal Ravasi su resegoneonline.it. URL consultato il 13 marzo 2014
  5. (ES) Conquista Puebla carisma del Cardenal Ravasi su arquidiocesisdepuebla.mx. URL consultato il 16 marzo 2014
  6. Laurea honoris causa al card. Ravasi su lumsa.it. URL consultato il 13 marzo 2014
  7. (ES) El Cardenal Gianfranco Ravasi, nuevo doctor honoris causa de la Universidad de Deusto su saladeprensa.deusto.es. URL consultato il 13 marzo 2014
  8. (ES) La UCA otorgó el Doctorado Honoris Causa al Cardenal Gianfranco Ravasi su uca.edu.ar. URL consultato il 19 febbraio 2015
  9. Rif. elenco sul sito dell'Ordine Costantiniano: http://www.constantinianorder.org/the-order/bali-cavalieri-di-gran-croce-di-giustizia-1.html
  10. vedi qui
  11. vedi qui
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.