Diocesi di Viviers

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Diocesi di Viviers
Dioecesis Vivariensis
Chiesa latina

[[File:|290px]]
vescovo Jean-Louis Balsa
Sede Viviers

sede vacante
Viviers

Amministratore apostolico {{{amministratore}}}
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: Parametro vescovo eletto senza parametro titolo eletto

Vedi {{Diocesi della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

{{{vescovo eletto}}}
Suffraganea dell'arcidiocesi di Lione
Regione ecclesiastica Centre-Est
Ardèche-Position.png
Mappa della diocesi
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Nazione bandiera Francia
diocesi suffraganee
{{{suffraganee}}}
coadiutore
vicario Michel Villedieu
provicario
generale
ausiliari

Vescovi emeriti:

François Marie Joseph Pascal Louis Blondel
Parrocchie 24
Sacerdoti

139 di cui 103 secolari e 36 regolari
2.023 battezzati per sacerdote

65 religiosi 569 religiose 15 diaconi
316.221 abitanti in 5.556 km²
281.220 battezzati (88.9%% del totale)
Eretta IV secolo
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
B.P. 1, 07220 Viviers-sur-Rhone, France
tel. 4.75.52.64.12 fax. 4.75.52.81.70 @

Sito ufficiale

Dati dall'annuario pontificio 2010
Chiesa cattolica in Francia
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica

La diocesi di Viviers (in latino: Dioecesis Vivariensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Lione appartenente alla regione ecclesiastica Centre-Est. Nel 2010 contava 281.220 battezzati su 316.221 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Jean-Louis Balsa.

Territorio

La diocesi corrisponde al dipartimento francese dell'Ardèche.

Sede vescovile è la città di Viviers, dove si trova la cattedrale di San Vincenzo. A Lablachère si trova la basilica minore di Nostra Signora del Buon Soccorso, mentre a Lalouvesc si trova un'altra basilica, quella di San Francesco Régis.

Il territorio si estende su 5.556 km² ed è suddiviso in 3 zone pastorali (Aubenas et Bas-Vivarais; Boutières et Haut-Vivarais, e Vallée du Rhône) e 24 parrocchie.

Parrocchie

Le 24 "nuove" parrocchie:

  • Saint Andéol d’Ardèche
  • Charles de Foucauld
  • Saint François d’Ouvèze Payre
  • Saint Jean du Pays de Privas
  • Saint Michel du Rhône
  • Saint Pierre de Crussol
  • Saint Luc des Coteaux et de Tournon
  • Sainte Croix du Rhône
  • Saint Christophe lès Annonay
  • Sainte Claire d’Annonay Vocance
  • Saint François Régis
  • Saint Agrève en Vivarais
  • Saint Basile entre Doux et Dunière
  • Notre Dame des Boutières
  • Sacré Coeur en Val d’Eyrieux
  • Notre Dame de la Montagne
  • Saint Roch en Pays de Vals
  • Bienheureuse Marie Rivier en Val d’Ardèche
  • Saint Benoît d’Aubenas
  • Sainte Marie de Berg et Coiron
  • Saint Joseph au Pays de Ligne
  • Sainte Thérèse des Cévennes
  • Saints Pierre et Paul de Païolive
  • Saint Martin du Sampzon

Storia

La diocesi fu eretta nel IV secolo. Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Lione.

In seguito al Concordato con la bolla Qui Christi Domini di papa Pio VII del 29 novembre 1801 la diocesi fu soppressa ed il territorio fu accorpato a quello della diocesi di Mende.

Il 6 ottobre 1822 la diocesi fu ristabilita con la bolla Paternae charitatis dello stesso papa Pio VII e da allora comprende quasi tutto il territorio dell'antica diocesi di Viviers così come porzioni delle diocesi di Valence, di Vienne, di Le-Puy e di Uzès e divenne suffraganea dell'arcidiocesi di Avignone.

L'8 dicembre 2002 la diocesi è tornata a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Lione.

Cronotassi dei vescovi

Statistiche

La diocesi al termine dell'anno 2005 su una popolazione di 287.100 persone contava 251.000 battezzati, corrispondenti all'87,4% del totale.

Note
  1. Mario Sgarbossa, I Santi e i Beati della Chiesa d'Occidente e d'Oriente, II edizione, Edizioni Paoline, Milano, 2000, ISBN 88-315-1585-3. p.184
  2. Così Eubel (vol. I, p. 533); il Gams riporta la data del 1319.
  3. Non diede le dimissioni, come deciso da papa Pio VII con la Qui Christi Domini.
Fonti
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.