Girolamo Dandini

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Girolamo Dandini
Scanner D807.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

1551 HIERONYMUS DANDINUS - DANDINI GIROLAMO.JPG

'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 50 anni
Nascita Cesena
25 marzo 1509
Morte Roma
4 dicembre 1559
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 21 marzo 1545
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
20 novembre 1551 da Giulio III (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Girolamo Dandini o Dandino (Cesena, 25 marzo 1509; † Roma, 4 dicembre 1559) è stato un cardinale, vescovo e diplomatico italiano.

Cenni biografici

Nacque a Cesena il 25 marzo 1509, da Anselmo e da Giovanna Maretina. La famiglia aristocratica era originaria di Siena e imparentata per matrimonio con i Farnese. Studiò all'Università di Bologna dove si laureò in utroque iure.

Si trasferì a Roma, dove intraprese la carriera ecclesiastica divenendo protonotario apostolico di papa Paolo III. Successivamente fu incardinato nel clero di Caserta. Il 14 novembre 1544 fu eletto vescovo di quella diocesi. Fu consacrato il 21 marzo dell'anno seguente nella Cappella Sistina dal vescovo di Castro in Lazio Girolamo de Toscanella, assistito da mons. Luigi Magnasco, vescovo di Assisi, e da Augustin Stechus, vescovo titolare di Cisamus. Il 17 maggio 1546 fu trasferito alla diocesi di Imola.

Fu nunzio in Francia presso Francesco I ed Enrico II. Nel concistoro del 20 novembre 1551 fu creato cardinale da papa Giulio III e il 4 dicembre dello stesso anno ricevette il titolo di cardinale presbitero San Matteo in Merulana. Giulio III lo nominò segretario di Stato, il primo della storia, carica creata per rimediare l'incompetenza del cardinale nipote Innocenzo Ciocchi del Monte. In tale veste si recò da Carlo V per stabilire la continuazione del concilio di Trento e per ottenere aiuti per la guerra di Parma e Mirandola.

L'11 maggio 1552 rinunciò alla diocesi di Imola in favore del nipote Anastasio Uberto Dandini. Nel 1553 si recò nelle Fiandre come ambasciatore presso Carlo V, e qui ebbe contatti col cardinale Giovanni Francesco Commendone che era stato incaricato dal papa di chiedere alla regina Maria I d'Inghilterra la restaurazione del cattolicesimo in Inghilterra. Accusato da Giulio III di essersi mostrato troppo accondiscendente nei confronti di Carlo V, venne mandato a Ferrara ottenendo la commenda dell'abbazia di san Bartolomeo nel Bosco.

Schierato nel partito filo francese partecipò al primo conclave del 1555, che elesse papa Marcello II e al secondo di quell'anno che elesse papa Paolo IV. Optò per il titolo di san Marcello nel 1555. Nel 1558, alla morte del nipote Anastasio Uberto riprese il governo della diocesi di Imola.

Partecipò al conclave del 1559, che elesse papa Pio IV; colto da malore dovuto abbandonare il conclave prima della sua conclusione.

Morì a Roma il 4 dicembre 1559 e fu sepolto nella chiesa di san Marcello al Corso.

Predecessore: Vescovo di Caserta Successore: BishopCoA PioM.svg
Girolamo Verallo 14 novembre 1544 - 17 maggio 1546 Marzio Cerboni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Verallo {{{data}}} Marzio Cerboni
Predecessore: Vescovo di Imola Successore: BishopCoA PioM.svg
Niccolò Ridolfi 17 maggio 1546- 11 maggio1552 Anastasio Umberto Dandini, O.S.B. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Niccolò Ridolfi {{{data}}} Anastasio Umberto Dandini, O.S.B.
Predecessore: Nunzio apostolico in Francia Successore: Emblem Holy See.svg
Filiberto Ferrero 31 dicembre 1540 - 1º maggio 1541 Girolamo Recanati Capodiferro I

Girolamo Recanati Capodiferro 1º aprile 1543 - 1º maggio 1544 Alessandro Guidiccione II

Alessandro Guidiccione 1º luglio 1546 - 20 agosto 1547 Michele della Torre III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Filiberto Ferrero {{{data}}} Girolamo Recanati Capodiferro
Predecessore: Cardinale presbitero di San Matteo in Merulana Successore: BishopCoA PioM.svg
Bartolomé de la Cueva y Toledo 4 dicembre 1551 - 25 ottobre 1555 Giovanni Bernardino Scotti, C.R. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Bartolomé de la Cueva y Toledo {{{data}}} Giovanni Bernardino Scotti, C.R.
Predecessore: Cardinale presbitero di San Marcello Successore: BishopCoA PioM.svg
Girolamo Verallo 25 ottobre 1555 - 4 dicembre 1559 Giovanni Andrea Mercurio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Verallo {{{data}}} Giovanni Andrea Mercurio
Bibliografia
  • Annna Foa, Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 32, 1986, online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.