Matteo Schiner

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Matteo (Matthäus) Schiner
Scanner D642.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Kardinal Schiner.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte circa 57 anni
Nascita Mühlebach
1465 ca.
Morte Roma
30 settembre 1522
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale Roma, 21 aprile 1489
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 20 settembre 1498 da Alessandro VI
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Giulio II
Creazione
a Cardinale
10 marzo 1511 (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni

Matteo (Matthäus) Schiner, si trova anche Mathäus Schinner e Mathieu Scheiner in alcune opere francesi (Mühlebach, 1465 ca.; † Roma, 30 settembre 1522), è stato un cardinale svizzero. Fu un importante uomo politico del tempo.

Biografia

Non si conosce la data esatta della nascita avvenuta a Mühlebach nel Canton Vallese, figlio di Peter contadino di montagna e carpentiere e di Anna Welschen.

Ricevette la prima educazione dallo zio Nicholas Schiner[1] che fu in seguito vescovo di Sion negli anni 1496-1499. Ordinato sacerdote nel 1489 nella chiesa di Santa Maria dell'Anima a Roma, fu eletto vescovo di Sion il 20 settembre 1498, nonostante non avesse avuto l'approvazione del capitolo, in seguito alla rinuncia a suo favore dello zio. Fu consacrato vescovo 15 ottobre 1499, di nuovo a Santa Maria dell'Anima, che era la chiesa nazionale dei tedescofoni a Roma.

Fu vescovo di Sion dal 1499 alla morte e amministratore apostolico di Novara (1512-1516).

Nel primo decennio del suo episcopato attuò riforme ecclesiastiche ed emanò disposizioni per il clero e il popolo, come vescovo conte, fu attivo nel mantenimento dell'ordine e della quiete nella contea del Vallese e fu un accorto stratega anche in politica estera.

Con la pace di Arona[2]. che liquidò gli elvetici per il loro interventi nella guerra d'Italia del 1499-1504. del 1503, ottenne per i cantoni svizzeri il possesso dei distretti di Bellinzona e di Blenio. Nel 1507 prolungò di 15 anni la tregua con la Savoia. Per aver difeso apertamente la coalizione tra Milano, l'imperatore e il Papa e aver cercato con ogni mezzo di tenere la Francia lontana dalla Lombardia, la curia romana fece sempre più ricorso alle sue doti diplomatiche: fu legato pontificio alla Dieta imperiale di Costanza nel 1507 e giudice nel processo legato all'affare Jetzer a Berna del 1508. Nel 1510 persuase i Confederati a sostenere papa Giulio II contro la Francia nell'Italia settentrionale. Nel contempo Georg Supersaxo indusse tre decanie vallesane a concludere un'alleanza con la Francia, inasprendo il conflitto latente sorto in Vallese nel 1505 con il cambiamento di fronte di Supersaxo, conflitto che nel 1510 Schiner riuscì a risolvere provvisoriamente a suo favore. In riconoscimento dei suoi servizi diplomatici papa Giulio II lo elevò al rango di cardinale presbitero di Santa Pudenziana nel concistoro del 10 marzo 1511. Per sottrarsi ai suoi avversari vallesani, lo stesso anno si rifugiò a Roma, dove lavorò alla costruzione della Lega Santa tra il Papa, Venezia e il re di Spagna in seguito anche con l'Inghilterra, rivolta contro la Francia.

Nel 1512 Giulio II lo nominò dapprima legato presso la Confederazione Elvetica, poi amministratore della diocesi di Novara, nello stesso anno partecipò alla campagna di Pavia scacciando i Francesi dalla Lombardia con l'aiuto di mercenari svizzeri e impose con i Confederati l'insediamento di Massimiliano Sforza come duca di Milano. Nel 1515 contribuì in maniera determinante alla conclusione della "santa alleanza" diretta specialmente contro gli Ottomani e papa Leone X gli conferì il comando supremo dell'esercito pontificio.

Con la disfatta di Marignano del 1515 la posizione di Schiner fu comprmessa in Vallese e i seguaci di Supersaxo riebbero il sopravvento. Nel 1519 Schiner si adoperò con successo in favore dell'elezione di Carlo V a re del Sacro Romano Impero. Dopo la conclusione dell'alleanza offensiva contro la Francia tra Carlo V e Leone X, nel 1521 Schiner riconquistò Milano con gli Svizzeri.

Fu un profondo umanista amico di Erasmo da Rotterdam e di Ulrico Zwingli, fu un convinto sostenitore delle riforme in seno alla Chiesa cattolica ma rifiutò sempre la rottura con il papato. Nel 1521 fu uno dei più influenti oppositori a Martin Lutero e uno dei redattori dell'editto di Worms. Alla morte del Papa, avvenuta lo stesso anno, gli venne affidata l'amministrazione dello Stato della Chiesa. La sua candidatura al seggio pontificio fallì, malgrado l'appoggio di Carlo V, a causa dell'opposizione dei cardinali francesi, nel conclave del 1522 si schierò a favore di Adrian di Utrecht, eletto Papa con il nome di Adriano VI. Morì di peste a Roma il 1 ottobre di quello stesso anno.

Predecessore: Vescovo di Sion Successore: Stemma vescovo.png
Nicholas Schiner[3] 1499-1522 Paolo Emilio Cesi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Nicholas Schiner[3] {{{data}}} Paolo Emilio Cesi
Predecessore: Legato pontificio presso i Confederati Successore: Emblem Holy See.svg
Achille Grassi
come nunzio apostolico
1512-1515 Ennio Filonardi
dal 1513 come nunzio apostolico[4]
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Achille Grassi
come nunzio apostolico
{{{data}}} Ennio Filonardi
dal 1513 come nunzio apostolico[4]
Predecessore: Vescovo di Novara
Amministratore
Successore: Stemma vescovo.png
Girolamo Pallavicini[5] 1512-1516 Antonio Maria Ciocchi del Monte I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Pallavicini[5] {{{data}}} Antonio Maria Ciocchi del Monte
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Pudenziana Successore: Stemma cardinale.png
Pietro Isvalies 10 marzo 1511 - 30 settembre 1522 Gianvincenzo Carafa I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Isvalies {{{data}}} Gianvincenzo Carafa


Note
  1. cfr. Bishop Nikolaus Schinner † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
  2. La pace di Arona fu il trattato firmato l'11 aprile 1503 fra il Regno di Francia e la Confederazione Elvetica. Che segnò il definitivo della Riviera, di Blenio e di Bellinzona, poi definitivamente riconosciuti dal re di Francia come baliaggi di Uri, Svitto e Nidvaldo. Di fatto questi territori si trovavano già sotto il controllo dei Confederati fin dall'aprile del 1500
  3. cfr. Bishop Nikolaus Schinner † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
  4. Le intense relazioni tra Santa Sede e Confederati in quel periodo vide l'invio di altri diplomatici presso gli Svizzeri: 1512 Giovanni Stafileo; 1513 Girolamo Delfino; 1513-1514 Gregorio Gheri; 1515 Latino Giovenale de Manetti; 1515-1517 Giacomo Gambaro
  5. cfr. Bishop Girolamo Pallavicini † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 24-07-2020
Fonti
Bibliografia
  • Giovanni Battista Picotti Enciclopedia Italiana Treccani (1936) online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.