Gianvincenzo Carafa

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Gianvincenzo Carafa
CARAFA GIOVANNI VINCENZO.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

1527 JOANNES VINCENTIUS CARAFA - CARAFA GIOVANNI VINCENZO.JPG

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 64 anni
Nascita Napoli
1477
Morte Napoli
28 agosto 1541
Sepoltura Cattedrale di Napoli
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale in data sconosciuta
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 13 settembre 1497 da papa Alessandro VI
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile in data sconosciuta
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo 1º aprile 1505 da papa Giulio II
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
21 novembre 1527 da Clemente VII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Gianvincenzo Carafa, anche Giovanni Vincenzo o Vincenzo (Napoli, 1477; † Napoli, 28 agosto 1541) è stato un cardinale e arcivescovo italiano.

Cenni biografici

Gianvincenzo nacque a Napoli nel 1477, terzogenito dei cinque figli di Fabrizio Carafa, del ramo della Stadera signore di Torre del Greco e della moglie Aurelia nata Tolomei. Gli altri fratelli erano Antonio Francesco, Iacopo, Feliciana e Francesco.

Abbracciò la carriera ecclesiastica divenendo canonico diacono del capitolo della cattedrale metropolitana della sua città e abate commendatario dell'abbazia benedettina di san Giovanni in Lamis, oggi santuario di san Matteo Apostolo.

Nel 1497 ottenne dallo zio, l'influente cardinale Oliviero Carafa, la rinuncia in suo favore della diocesi di Rimini, che Gianvincenzo resse come amministratore apostolico fino all'età canonica di 27 anni. Mantenne per concessione papale il canonicato e gli altri benefici e non sembra abbia preso possesso della sede vescovile. Morto Bernardino Carafa, altro nipote dei cardinale Oliviero, che reggeva per conto di questo l'arcivescovato di Napoli, il Carafa, per rinuncia dello zio, nel 1505 divenne arcivescovo della città partenopea.

Commendatario di numerose chiese, alcune delle quali nelle province di Salerno e di Trani, nel 1508 nominò suoi procuratori, perché prendessero possesso di esse, i fratelli Antonio e Iacopo. Ormai tutto dedito alla carriera ecclesiastica, l'anno seguente rinunciò a favore dei fratelli all'eredità paterna.

Sembra che Giulio II avesse in animo di nominare il Carafa cardinale, ma Ferdinando il Cattolico vi si oppose perché considerava la promozione di eventuali illustri patrizi napoletani pregiudizievole per il regno da poco conquistato.

Apertosi nell'aprile 1512 il V concilio lateranense, che si protrasse fino al marzo 1517, il Carafa partecipò almeno alle prime sessioni e nel febbraio 1514 dette lettura della bolla Supernae dispositionis arbitrio, sulla riforma della Curia romana.

Il 12 gennaio 1518 Carafa si recò a Napoli per la prima volta dopo la sua elezione ad arcivescovo. Rimase nella città molto poco e in complesso la sua attività di presule fu irrilevante.

Morto Leone X il 1º dicembre 1521 il Carafa fu, il giorno successivo, nominato governatore della città leonina e fu custode del conclave da cui uscì eletto Adriano VI.

Dopo il breve pontificato di questo, eletto Papa nel novembre 1523 Clemente VII, il Carafa divenne prelato domestico e assistente al Soglio Pontificio. Ricopriva queste cariche al momento del Sacco di Roma, nel maggio 1527. Le conseguenze del terribile episodio e delle difficoltà anche finanziarie che si abbatterono sullo Stato della Chiesa furono in un certo modo positive per il Carafa, poiché nel conclave del 27 aprile 1528 ottenne il cappello di cardinale con il titolo presbiterale di santa Pudenziana, posto all'asta assieme ad altri, per consentire al pontefice di mettere insieme la somma necessaria a riscattare la capitale dall'occupazione imperiale. Nel settembre il Carafa, forse per permettergli di rifarsi delle spese sostenute, riceveva il diritto di amministrare la sede vacante di Anglona a cui rinunciò a favore del nipote Oliverio Carafa nel 1536.

Nel gennaio 1530 il Carafa, che non si era più recato nella città della quale era rimasto arcivescovo, assunse come vescovo coadiutore il nipote Francesco, che alla sua morte ne divenne successore. Il 23 marzo 1538 alla partenza del Papa alla volta di Nizza, il Carafa fu nominato legato pontificio di Roma e insieme con il governatore di Roma, Benedetto Conversini,[1] si trovò marginalmente coinvolto nelle vicende di Ignazio di Loyola, ai seguaci del quale egli dette il permesso di svolgere la loro predicazione a Roma. Diede inoltre il proprio assenso all'istanza del fondatore dei gesuiti, invitando gli oppositori di lui a rendere conto delle accuse formulate nei suoi riguardi.

Nel luglio 1537 aveva optato per il titolo di santa Prisca, che in novembre mutò in quello di santa Maria in Trastevere. Nel 1539 divenne cardinale vescovo della sede suburbicaria di Palestrina.

Morì il 28 agosto 1541 e fu sepolto nella cattedrale della sua città.

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo di Rimini Successore: BishopCoA PioM.svg
Oliviero Carafa
(amministratore apostolico)
13 settembre 1497-1º aprile 1505 Simone Bonadies[2] I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Oliviero Carafa
(amministratore apostolico)
{{{data}}} Simone Bonadies[2]
Predecessore: Arcivescovo metropolita di Napoli Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Bernardino Carafa
(arcivescovo eletto)
1º aprile 1505-24 gennaio 1530 Francesco Carafa I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Bernardino Carafa
(arcivescovo eletto)
{{{data}}} Francesco Carafa
Predecessore: Governatore di Roma Successore: Emblem Holy See.svg
? 2 dicembre 1521 - gennaio 1522 ? I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
? {{{data}}} ?
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Pudenziana Successore: CardinalCoA PioM.svg
Matteo Schiner 27 aprile 1528-23 luglio 1537 Rodolfo Pio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Matteo Schiner {{{data}}} Rodolfo Pio
Predecessore: Amministratore apostolico di Anglona Successore: BishopCoA PioM.svg
Giovanni Antonio Scozio[3]
(vescovo)
31 agosto 1528-6 settembre 1536 Pietro Paolo Parisio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Antonio Scozio[3]
(vescovo)
{{{data}}} Pietro Paolo Parisio
Predecessore: Amministratore apostolico di Acqui Successore: BishopCoA PioM.svg
Domenico Solino[4]
(vescovo)
31 agosto 1528-20 febbraio 1534 Pierre Van Der Worst[5]
(vescovo)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Solino[4]
(vescovo)
{{{data}}} Pierre Van Der Worst[5]
(vescovo)
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Agostino Spinola 8 gennaio 1533-9 gennaio 1534 Andrea Matteo Palmieri I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Agostino Spinola {{{data}}} Andrea Matteo Palmieri
Predecessore: Amministratore apostolico di Anagni Successore: BishopCoA PioM.svg
Corrado Cerbaria[6]
(vescovo)
16 dicembre 1534-26 gennaio 1541 Pedro Gómez Sarmiento de Villandrando I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Corrado Cerbaria[6]
(vescovo)
{{{data}}} Pedro Gómez Sarmiento de Villandrando
Predecessore: Amministratore apostolico di Acerra Successore: BishopCoA PioM.svg
Carlo I degli Ariosti[7]
(vescovo)
26 luglio 1535-14 aprile 1539 Giampaolo da Pisa[8]
(vescovo)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo I degli Ariosti[7]
(vescovo)
{{{data}}} Giampaolo da Pisa[8]
(vescovo)
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Prisca Successore: CardinalCoA PioM.svg
Andrea della Valle 23 luglio - 28 novembre 1537 Rodolfo Pio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Andrea della Valle {{{data}}} Rodolfo Pio
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria in Trastevere Successore: CardinalCoA PioM.svg
Antonio Sanseverino, O.S.Io.Hieros. 28 novembre 1537-4 agosto 1539 Marino Grimani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Sanseverino, O.S.Io.Hieros. {{{data}}} Marino Grimani
Predecessore: Cardinale vescovo di Palestrina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Antonio Sanseverino, O.S.Io.Hieros. 4 agosto 1539-28 agosto 1541 Alessandro Cesarini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Sanseverino, O.S.Io.Hieros. {{{data}}} Alessandro Cesarini
Note
  1. Gigliola Fragnito, CONVERSINI, Benedetto su treccani.it, Treccani Dizionario Biografico degli Italiani, 1983
  2. cfr. Bishop Simone Bonadies † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
  3. cfr. Bishop Giovanni Antonio Scotti † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
  4. cfr. Bishop Domenico Solino † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
  5. cfr. Bishop Pierre Van Der Worst † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
  6. cfr. Bishop Corrado Cerbaria † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
  7. cfr. Bishop Carlo degli Ariosti † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
  8. cfr. Bishop Pietro Paolo (Giampaolo) de Thisis (da Pisa) † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
Bibliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.