Antonio Maria Ciocchi del Monte

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Antonio Maria Ciocchi del Monte
Scanner D638.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Card Ciocchi del Monte Giovanni Maria.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Età alla morte 72 anni
Nascita Monte San Savino
1461
Morte Roma
20 settembre 1533
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale in data sconosciuta
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 4 gennaio 1506 dal mons. Tito Veltri de Viterbe
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo 6 febbraio 1506 da Giulio II
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
10 marzo 1511 da Giulio II (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti

Arcivescovo di Manfredonia

Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Antonio Maria Ciocchi del Monte (Monte San Savino, 1461; † Roma, 20 settembre 1533) è stato un cardinale e arcivescovo italiano.

Cenni biografici

Nacque nel 1461 a Monte San Savino, diocesi di Arezzo, ultimo[1] dei tre figli di Fabiano Ciocchi e Jacopa, figlia di Gaspare, di cognome sconosciuto. Il padre abbandonò il cognome di Ciocchi per prendere quello di Monte San Savino, che poco dopo venne abbreviato in Monte.

Addottoratosi in utroque iure si recò a Roma per raggiungere il padre e il fratello maggiore. Intraprese la carriera ecclesiastica, fu avvocato concistoriale apprezzato dai papi Innocenzo VIII e Alessandro VI. Papa Innocenzo lo nominò arciprete della chiesa di Sant'Angelo in Vado ad Urbino senza che ancora egli avesse ricevuto gli ordini sacri. Nel 1492 lo stesso papa lo nominò arciprete della cattedrale di Arezzo. Il 27 marzo 1493 venne nominato uditore della Sacra Rota. Dopo aver preso gli ordini sacri, nel 1495 ricevette la rettoria della chiesa di Sant'Agnese ad Arezzo, e l'anno successivo divenne prevosto di San Luciano, presso Monte San Savino.

Nel 1498 fu richiamato a Roma dal papa e posto nuovamente nella Sacra Rota, e dal luglio del 1502 venne nominato ufficiale di presidio della Sacra Rota in tutti i territori controllati da Cesare Borgia, figlio illegittimo di papa Alessandro VI. Antonio stabilì pertanto la propria sede giudiziaria a Cesena e ottenne il rango di protonotario apostolico. Dato il potere accumulato e su insistenza dello stesso Borgia, ottenne l'incarico di governatore generale di Romagna.

Il 4 agosto 1503 Alessandro VI lo nominò vescovo di Città di Castello. In Romagna il del Monte rimase per tutto il 1503, sempre fedele a Cesare Borgia. Quando questi cadde, nel novembre, si trovava a Cesena, e seppe acquistarsi la piena fiducia anche di Giulio II. Il pontefice gli confermò la nomina a vescovo di Città di Castello, ma l'insediamento fu quanto mai problematico perché il precedente titolare, Giulio Vitelli (Ch), scacciato da Alessandro VI, non aveva alcuna intenzione di cedere la diocesi, forte dell'appoggio della città. Giulio II nel giugno 1505 giunse allora a minacciare l'interdetto se non fosse stato subito accolto il nuovo vescovo, e poco dopo inviò nella città il cardinal Antonio Ferrerio, legato dell'Umbria. Solo così, nel luglio 1505, Ciocchi del Monte poté prendere possesso della diocesi per mezzo di un suo legato. Il 4 gennaio 1506 Ciocchi del Monte venne consacrato vescovo nella chiesa di San Pietro in Vincoli a Roma dal mons. Tito Veltri (Ch), vescovo di Castro ed Acquapendente, assistito da Nicolò Antonio de Piscibus (Ch), vescovo di Muro Lucano, e da Francesco Fillipperi (Ch), vescovo di Ferentino.

Fu creato cardinale presbitero nel concistoro del 10 marzo 1511 e ricevette la berretta cardinalizia il 13 marzo successivo, e il 17 marzo ottenne il titolo cardinalizio di San Vitale. Il 30 maggio fu nominato amministratore apostolico della diocesi di Pavia che nel 1521 cedette al nipote Giovanni Maria Ciocchi del Monte. Ancora nel luglio di quell'anno fu incluso nella congregazione dei cardinali che avrebbe dovuto occuparsi del processo super privationem dei cardinali ribelli che si erano fatti promotori del concilio di Pisa, processo che culminò con la scomunica decretata dal concistoro del 24 ottobre. L'8 ottobre fu nominato legato a Perugia ma non lasciò Roma, troppo preso dai lavori per il concilio di Pisa e l'organizzazione del Concilio Lateranense V.

Il 12 novembre 1514 consacrò vescovo il nipote Giovanni Maria Ciocchi del Monte, futuro papa Giulio III, che gli succedette come arcivescovo di Manfredonia.

Nel 1516 fu nominato amministratore apostolico della diocesi di Novara, carica che tenne sino al 1525. Sempre nel 1516 fu nominato camerario del Sacro Collegio dei Cardinali. Alla morte di Leone X fu tra i cardinali che tennero il governo della Chiesa durante la sede vacante. Riunitosi il conclave, si schierò con il partito filofrancese. Fu fatto anche il suo nome per l'elezione e, tra la fine del dicembre 1521 e l'inizio del gennaio 1522, raccolse anche diversi voti, ma infine aderì per l'elezione di Adriano VI.

Nel febbraio del 1523 il nuovo papa lo nominò capo di una speciale congregazione pontificia incaricata di ridurre drasticamente le spese dello Stato pontificio e di abolire un gran numero di cariche curiali, create a suo tempo da papa Leone X per raggranellare denaro per le casse papali e per la costruzione della Basilica di San Pietro. Nel concistoro del 23 luglio 1523 il cardinale Ciocchi del Monte si oppose apertamente alla creazione di una lega difensiva a fianco dell'imperatore Carlo V d'Asburgo, ritenendo tale iniziativa assai pericolosa per le alleanze politiche e militari col re Francesco I di Francia. Prese quindi parte al conclave del 1523 dal quale uscì eletto papa Clemente VII.

Il 9 dicembre 1523 optò per il titolo di cardinale vescovo assumendo la sede suburbicaria di Frascati. Il 18 dicembre di quello stesso anno optò per quella di Palestrina. L'anno seguente assunse la sede suburbicaria di Sabina che cambiò quello stesso anno con quella di Porto e Santa Rufina. Vice decano del Sacro Collegio dei Cardinali, dopo la conclusione della Lega di Cognac il 22 maggio 1526, si congratulò col pontefice Clemente VII che tramite tale atto aveva formalmente dato inizio ad una politica anti-imperiale a fianco di Francia, Venezia e Sforza del Ducato di Milano.

Il cardinal Ciocchi del Monte divenne quindi uno dei membri principali della nuova congregazione incaricata di preparare lo Stato pontificio all'imminente guerra, responsabilità che lo impegnò sino ai primi mesi del 1527. Quando il Sacco di Roma ebbe inizio il 6 maggio il cardinale Antonio Ciocchi del Monte fu a fianco del pontefice e con lui cercò rifugio a Castel Sant'Angelo. Quando la situazione divenne disperata, il cardinale fu tra i primi ad offrirsi per cercare un accomodamento tra papa ed imperatore e fu quindi tra i firmatari dell'armistizio del 5 giugno che portò all'abbandono di Roma da parte delle truppe di Carlo V. Si giunse così all'accordo del 31 ottobre 1527, preliminare per il futuro accordo di Barcellona. Il papa avrebbe versato una grossa somma e avrebbe dato in pegno Ostia, Civitavecchia e altri castelli, e tre ostaggio, i cardinali filo francesi Francesco Pisani, Agostino Trivulzio e Niccolò Gaddi.

Trasferitosi il papa in Orvieto, il Ciocchi del Monte lo raggiunse partendo da Roma il 6 dicembre. Nel corso del viaggio fu catturato da Mario Orsini e trattenuto assieme al cardinal Lorenzo Pucci per ventiquattro ore. Nel 1528 restò col papa in Orvieto, e nel settembre fu da lui inviato a Roma per precederlo come legato al momento del suo ritorno.

Ciocchi del Monte ebbe un ruolo importante anche nelle trattative per il divorzio di Enrico VIII. Del problema si occupò costantemente dal 1528 al 1533. Come esperto giurista, infatti, fu uno di coloro ai quali il papa ricorse più frequentemente in quelle circostanze.

Morì a Roma il 20 settembre 1533 e venne sepolto, secondo il suo testamento, nella chiesa di San Pietro in Montorio.

Genealogia episcopale


Predecessore: Vescovo di Città di Castello Successore: BishopCoA PioM.svg
Giulio Vitelli Ch 4 agosto 1503 - 6 febbraio 1506
de facto dal 1505 al 1506 dopo la rinuncia alle pretese di Giulio Vitelli
Achille Grassi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giulio Vitelli Ch {{{data}}} Achille Grassi
Predecessore: Arcivescovo di Manfredonia Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Basilios Bessarion O.S.B.M. 6 febbraio 1506-30 maggio 1511 Giovanni Maria Ciocchi del Monte I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Basilios Bessarion O.S.B.M. {{{data}}} Giovanni Maria Ciocchi del Monte
Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi Vitale, Valeria, Gervasio e Protasio Successore: CardinalCoA PioM.svg
René de Prie 13 marzo 1511 - 14 luglio 1514 Vacante sino al 1517
poi Francesco Conti
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
René de Prie {{{data}}} Vacante sino al 1517
poi Francesco Conti
Predecessore: Vescovo di Pavia
Amministratore apostolico
Successore: BishopCoA PioM.svg
Francesco Alidosi 30 maggio 1511 - 13 marzo 1521 Giovanni Maria Ciocchi del Monte I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Alidosi {{{data}}} Giovanni Maria Ciocchi del Monte
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Prassede Successore: CardinalCoA PioM.svg
Christopher Bainbridge 14 luglio 1514 - 24 luglio 1521 Ippolito de' Medici I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Christopher Bainbridge {{{data}}} Ippolito de' Medici
Predecessore: Camerlengo del Sacro Collegio dei Cardinali Successore: CardinalCoA PioM.svg
Robert Guibé
sino al 1513
1516-1517 Achille Grassi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Robert Guibé
sino al 1513
{{{data}}} Achille Grassi
Predecessore: Vescovo di Novara
Amministratore apostolico
Successore: BishopCoA PioM.svg
Matteo Schiner 19 aprile 1516 - 20 dicembre 1525 Ermete Stampa Vh I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Matteo Schiner {{{data}}} Ermete Stampa Vh
Predecessore: Cardinale vescovo di Albano Successore: CardinalCoA PioM.svg
Niccolò Fieschi 24 luglio 1521 - 9 dicembre 1523 Pietro Accolti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Niccolò Fieschi {{{data}}} Pietro Accolti
Predecessore: Cardinale vescovo di Frascati Successore: CardinalCoA PioM.svg
Alessandro Farnese 9 dicembre-18 dicembre 1523 François Guillaume de Castelnau-Clermont-Ludève I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro Farnese {{{data}}} François Guillaume de Castelnau-Clermont-Ludève
Predecessore: Cardinale vescovo di Palestrina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Alessandro Farnese 18 dicembre 1523- 20 maggio 1524 Pietro Accolti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro Farnese {{{data}}} Pietro Accolti
Predecessore: Cardinale vescovo di Sabina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Alessandro Farnese 20 maggio - 15 giugno 1524 Pietro Accolti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro Farnese {{{data}}} Pietro Accolti
Predecessore: Cardinale vescovo di Porto e Santa Rufina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Alessandro Farnese 15 giugno 1524 - 20 settembre 1533 Giovanni Piccolomini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro Farnese {{{data}}} Giovanni Piccolomini
Predecessore: Vescovo di Rimini
Amministratore apostolico
Successore: BishopCoA PioM.svg
Franciotto Orsini 7 aprile - 24 maggio 1529 Ascanio Parisani
Vescovo
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Franciotto Orsini {{{data}}} Ascanio Parisani
Vescovo
Predecessore: Vescovo di Caiazzo
Amministratore apostolico
Successore: BishopCoA PioM.svg
Ascanio Parisani 24 maggio-18 giugno 1529 Alexander Mirto Frangipani Ch I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ascanio Parisani {{{data}}} Alexander Mirto Frangipani Ch
Predecessore: Vescovo di Alatri
Amministratore apostolico
Successore: BishopCoA PioM.svg
Filippo Ercolani Ch 4 febbraio-1º luglio 1530 Filippo Ercolani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Filippo Ercolani Ch {{{data}}} Filippo Ercolani
Note
  1. Secondo Pietro Messina in Dizionario Biografico Treccani era il primogenito.
Bibliografia
  • Pietro Messina, "DEL MONTE, Antonio", in Dizionario Biografico Treccani, online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.