Ennio Filonardi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Ennio Filonardi
Stemma Enio Filonardi.png
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

1536 ENNIUS FILONARDI - FILONARDI ENNIO.JPG

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 83 anni
Nascita Bauco
1466
Morte Roma
19 dicembre 1549
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale in data sconosciuta
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 4 agosto 1503 da papa Alessandro VI
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile in data sconosciuta
Consacrazione vescovile [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
22 dicembre 1536 da Paolo III (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Ennio Filonardi (Bauco, 1466; † Roma, 19 dicembre 1549) è stato un cardinale e nunzio apostolico italiano.

Cenni biografici

Nacque nel 1466 a Bauco, piccolo castello nella diocesi di Veroli (Lazio). Era figlio di Vellio Filonardi e Rita della Sgurgola, prozio del cardinale Filippo Filonardi.

Entrò presso la Curia romana nel 1484 e divenne stretto consigliere di papa Innocenzo VIII. Papa Alessandro VI lo nominò tesoriere della provincia di Campagna e Marittima.

Nel 1503 questi lo elesse vescovo della sua diocesi natale. In quell'anno trattò a Firenze con i Dieci di balia il progetto di Cesare Borgia di abbandonare lo Stato della Chiesa con 1100-1200 soldati ed entrare al servizio della Repubblica. La missione a Firenze ebbe esito negativo e al contempo mutò l'atteggiamento del papa Giulio II nei confronti del Borgia, che fu arrestato e nel dicembre 1503 tenuto prigioniero in Vaticano. Durante questo periodo il Filonardi continuò a eseguire incarichi per suo conto. Nonostante ciò riuscì a guadagnarsi la fiducia del pontefice, da cui ottenne diversi uffici nell'amministrazione dello Stato pontificio, come quello di vicelegato a Bologna e di governatore a Imola.

Nel 1512 papa Giulio II lo nominò nunzio apostolico presso gli Svizzeri. In effetti i primi contatti con gli Elvetici risalgono al 1512, quando il Filonardi fu inviato sul teatro di guerra in Lombardia per cercare di favorire, in nome del Papa, la restaurazione degli Sforza nel ducato di Milano.

La prima missione effettiva del Filonardi in Svizzera avvenne sotto il pontificato di papa Leone X nell'aprile 1513 e durò ben 4 anni, quando l'equilibrio da poco ristabilito in Italia settentrionale era di nuovo seriamente compromesso.

Il papa aveva deciso di affidare la rappresentanza dei suoi mutati obiettivì politici in Svizzera a un nuovo diplomatico indipendente dallo Schiner. Alla fine di ottobre fu inviato in Svizzera come nunzio il pistoiese Gregorio Gheri, che il Filonardi doveva solo coadiuvare come conoscitore del paese al fine di promuovere la pace tra i cantoni svizzeri e la Francia.

La Francia, che teneva ancora occupati i castelli di Milano e Cremona, col trattato di Blois[1] si era alleata con Venezia, con l'obbiettivo di riconquistare l'intero territorio, mentre contemporaneamente presso i cantoni svizzeri molti preconizzavano un riavvicinamento con la Francia.

Nel 1513 l'imperatore del Sacro Romano Imperatore Massimiliano I gli concesse il privilegio di inserire l'aquila imperiale nello stemma di famiglia. Fu nominato prefetto del Castello di Sant'Angelo a Roma da papa Paolo III.

Grazie alle conoscenze acquisiti presso i confederati fu di nuovo nunzio in Svizzera tra il 1521 e il 1525 e ancora dal 1531 al 1533.

Papa Paolo III lo creò cardinale nel concistoro del 22 dicembre 1536, il giorno seguente ricevette il cappello rosso e il titolo presbiterale di sant'Angelo in Pescheria, diaconato elevato Pro illa vice 15 gennaio dell'anno seguente. Si dimise dal governo della sede di Veroli a favore del nipote Antonio Filonardi nel 1538 e ancora in quell'anno divenne amministratore apostolico della sede vacante di Montefeltro. Il 21 aprile 1539 fu nominato legato pontificio presso le truppe papali nella guerra contro il Guidobaldo della Rovere, duca di Urbino. Fu legato nella provincia della Gallia Cisalpina, Parma e Piacenza.

Molto si adoperò per ricostituire la Guardia Svizzera Pontificia in collaborazione con il consigliere di Lucerna J. von Meggen, un parente del defunto card. Schiner. Riuscì nel 1542 a condurre un contingente di 150 Svizzeri a Bologna come guardia di palazzo. Alla fine però fu l'assassinio di Pier Luigi Farnese da parte degli Imperiali che convinse il Papa a licenziare la sua guardia composta da lanzichenecchi e ad affidare di nuovo la sicurezza agli Svizzeri.

Nel 1546 assunse il titolo di cardinale vescovo e la sede suburbicaria di Albano.

Nel 1549 rinunciò al sede di Montefelto in favore del nipote Ennio Massari Filonardi, che governerà la chiesa di Montefeltro fino alla sua morte, avvenuta nel 1565.

Filonardi fu informato solo dopo qualche settimana dell'avvenuta morte il 10 novembre 1549 di papa Paolo III, poiché in quel periodo si trovava al Concilio di Trento.

Il 16 novembre lasciò i lavori conciliari per prendere parte ai funerali di papa Paolo III. Filonardi fu uno dei quattro cardinali che si unirono al celebrante per dare l'assoluzione al tumulo.

Inconclave del 1549-1550|conclave]] fu tra i papabili dato che, per la tarda età, la sua candidatura sembrava trovare l'accordo dei partiti spagnolo e francese e anche dei Farnese.

Monumento funebre del cardinale Filonardi

Non partecipò all'elezione di papa Giulio III poiché il 14 dicembre dovette abbandonare il conclave causa malattia, ob eius morbum valde ingravescentem, addita onerosa aetate 83 e venne portato a Castel Sant'Angelo, di cui era Castellano Pontificio, dove morì cinque giorni dopo.

La salma fu trasferita al paese natale e tumulata nella cappella di san Sebastiano posta nella chiesa di san Michele Arcangelo, dove tuttora si può ammirare il suo monumento funebre, a cura dei nipoti Antonio, vescovo di Veroli e Saturno.

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo di Veroli Successore: BishopCoA PioM.svg
Giovanni Paolo Ponziani[2] 4 agosto 1503-8 ottobre 1546 Antonio Filonardi[3] I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Paolo Ponziani[2] {{{data}}} Antonio Filonardi[3]
Predecessore: Nunzio apostolico in Svizzera Successore: Emblem Holy See.svg
Giovanni Stafileo 1º aprile 1513-14 settembre 1516 Giacomo Gambaro I

Antonio Pucci 29 maggio 1521-14 febbraio 1525 sé stesso II

sé stesso 19 novembre 1531 - 1º ottobre 1533 Girolamo Franco III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Stafileo {{{data}}} Giacomo Gambaro
Predecessore: Cardinale presbitero di Sant'Angelo in Pescheria
(titolo presbiterale pro hac vice)
Successore: CardinalCoA PioM.svg
Alessandro Farnese il Giovane 15 gennaio 1537-8 ottobre 1546 Ranuccio Farnese, O.S.Io.Hieros. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro Farnese il Giovane {{{data}}} Ranuccio Farnese, O.S.Io.Hieros.
Predecessore: Amministratore apostolico di Montefeltro Successore: BishopCoA PioM.svg
Paolo Alessandri degli Strabuzzi[4]
(vescovo)
12 agosto 1538-29 aprile 1549 Ennio Massari Filonardi[5]
(vescovo)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Paolo Alessandri degli Strabuzzi[4]
(vescovo)
{{{data}}} Ennio Massari Filonardi[5]
(vescovo)
Predecessore: Cardinale vescovo di Albano Successore: CardinalCoA PioM.svg
Gian Pietro Carafa 8 ottobre 1546-19 dicembre 1549 Jean du Bellay I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gian Pietro Carafa {{{data}}} Jean du Bellay
Note
  1. Accordo militare stipulato nel marzo 1513 tra la Repubblica di Venezia e il re Luigi XII di Francia e il ducato di Milano.
  2. cfr. Bishop Giovanni Paolo Ponziani † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 04-08-2020
  3. cfr. Bishop Antonio Filonardi † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 04-08-2020
  4. cfr. Bishop Paolo Alessandri degli Strabuzzi † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 04-08-2020
  5. cfr. Bishop Ennio Filonardi † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 04-08-2020
Bibliografia
  • Rotraud Becker, FILONARDI, Ennio su treccani.it, Treccani Dizionario Biografico degli Italiani , 1997 URL consultato il 3-07-2020

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.