Ufficio del Lavoro della Sede Apostolica

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Jump to navigation Jump to search
Ufficio del Lavoro della Sede Apostolica
Officii Laboris apud Sedem Apostolicam
"Nel creare l'ULSA desidero dar vita, in primo luogo, ad un organismo destinato alla realizzazione e al consolidamento di una vera e propria comunità di lavoro"
(Giovanni Paolo II - Motu proprio "nel primo anniversario")
[[Image:{{{immagine}}}|290px]]
{{{didascalia}}}
Eretto: 1º gennaio 1989
Presidente vescovo Giorgio Corbellini
Direttore Salvatore Vecchio
{{{titolo3}}} {{{rettore3}}}
Segretario:
{{{altri}}}
Emeriti:
Indirizzo
Via della Conciliazione, n. 1
00120 Città del Vaticano tel.: + 39.06.698.84.449 + 39.06.698.84.899 fax.: + 39.06.698.83.800
Collegamenti esterni
curia Praedicate Evangelium
sito ufficiale
dati catholic hierarchy
Chiesa cattolica · Santa Sede
Tutti i dicasteri della Curia Romana

L' Ufficio del Lavoro della Sede Apostolica (ULSA ) è l'organismo della Santa Sede che ha la funzione di contribuire alla realizzazione ed al consolidamento della comunità di lavoro; si occupa di coloro che sono già alle dipendenze della Curia romana, del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano e degli Organismi o Enti gestiti amministrativamente, in modo diretto, dalla Sede Apostolica. È formato da una Presidenza, da un Consiglio, da una Direzione e da un Collegio di Conciliazione e Arbitrato. L'attuale presidente è il vescovo Giorgio Corbellini.

Note storiche

L 'Ufficio del Lavoro della Sede Apostolica (ULSA) fu istituito da Giovanni Paolo II il 1° gennaio 1989 con Motu Proprio nel primo anniversario della promulgazione dell’enciclica Laborem Exercens. Con l’approvazione dello Statuto "ad experimentum" diede vita al nuovo organismo volto alla realizzazione e al consolidamento di una vera e propria comunità di lavoro, i cui pilastri portanti sono quelle caratteristiche del lavoro umano, il lavoro come prerogativa della persona, come dovere, come diritto ed infine come servizio. [1] Con Lettera Apostolica in forma Motu Proprio La sollecitudine del 30 settembre 1994, Giovanni Paolo II ne specificò la funzione, approvando il testo dello Statuto con inserite delle modifiche rispetto al precedente testo del 1989. [2] Con Lettera Apostolica in forma Motu Proprio del 7 luglio 2009, Benedetto XVI gli attribuì la particolare funzione di contribuire, in sintonia con Amministrazioni, Organismi ed Enti, alla promozione e al consolidamento dell'auspicata comunità di lavoro, esempio di corresponsabilità e di solidarietà cristiana. [3]

Struttura

L'Ufficio del Lavoro della Sede Apostolica (ULSA) si articola in Presidenza, Consiglio, Direzione, Collegio di conciliazione e arbitrato. La Presidenza esercita in materia di lavoro i poteri di proposta legislativa e regolamentare e le funzioni promozionali dell'unità di indirizzo nelle attività delle Amministrazioni. Il Consiglio è organo di consulenza e di elaborazione della normativa in materia di lavoro e può essere investito delle funzioni di conciliazione delle controversie collettive o plurime. Le controversie di lavoro, sia individuali che plurime o collettive, trovano soluzione attraverso le forme di conciliazione promosse dal Direttore e dal Collegio di conciliazione e arbitrato e in caso di fallita conciliazione attraverso l'esame e la decisione del Collegio di conciliazione e arbitrato.

Cronotassi dei presidenti

Cronotassi dei vicepresidenti

Cronotassi dei direttori

Note
  1. Motu Proprio ad experimentum online dal sito della Santa Sede
  2. Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio La sollecitudine online dal sito della Santa Sede
  3. Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio Venti anni or sono online dal sito della Santa Sede
Voci correlate
Collegamenti esterni