Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Jump to navigation Jump to search
Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale
Dicasterium ad integram humanam progressionem fovendam
Ha il compito di promuovere la persona umana e la sua dignità donatale da Dio, i diritti umani, la salute, la giustizia e la pace. Esso si interessa principalmente alle questioni relative all'economia e al lavoro, alla cura del creato e della terra come «casa comune», alle migrazioni e alle emergenze umanitarie (Praedicate Evangelium 163)
[[Image:{{{immagine}}}|290px]]
{{{didascalia}}}
Eretto: 17 agosto 2016
Prefetto cardinale Peter Kodwo Appiah Turkson
{{{titolo2}}} {{{rettore2}}}
{{{titolo3}}} {{{rettore3}}}
Segretario: Bruno Marie Duffé
Emeriti:
Indirizzo
Piazza S. Callisto, 16 - 00153 Roma
Collegamenti esterni
curia Praedicate Evangelium
dati catholic hierarchy dati GCatholic
Chiesa cattolica · Santa Sede
Tutti i dicasteri della Curia Romana

Il Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale (in latino Dicasterium ad integram humanam progressionem fovendam ) è un dicastero della Curia romana voluto da papa Francesco.

Storia

È stato istituito con il motu proprio Humanam progressionem del 17 agosto 2016.[1] Il Dicastero promuove lo sviluppo umano integrale alla luce del Vangelo e nel solco della dottrina sociale della Chiesa. In particolare esprime la sollecitudine del Sommo Pontefice verso l’umanità sofferente, tra cui i bisognosi, i malati e gli esclusi, quanti sono costretti ad abbandonare la propria patria o ne sono privi, gli emarginati, le vittime dei conflitti armati e delle catastrofi naturali, i carcerati, i disoccupati e le vittime delle forme contemporanee di schiavitù e di tortura e le altre persone la cui dignità è a rischio.[2] In questo nuovo dicastero sono confluiti, a partire dal 1º gennaio 2017, le competenze del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, del Pontificio Consiglio "Cor Unum" , del Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti e quello del Pontificio Consiglio della Pastorale per gli Operatori Sanitari, che sono stati contestualmente soppressi.

Con Rescritto pubblicato e in vigore in data 1° ottobre 2022 papa Francesco «ha stabilito di trasferire la competenza per la pastorale dei fedeli che intraprendono i viaggi per motivi di pietà o di studio o di svago dal medesimo Dicastero (per il servizio dello sviluppo umano integrale) alla Sezione per le questioni fondamentali dell'evangelizzazione nel mondo del Dicastero per l'Evangelizzazione».[3]

Cronotassi dei prefetti

Note
Voci correlate
Collegamenti esterni