Complesso Museale di Santa Chiara di Napoli

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Chiara, vedi Chiara (disambigua).
Complesso Museale di Santa Chiara di Napoli
Napoli MuS.Chiara D.Vaccaro ChiostroMaiolicato 1739-1742-bis.jpg
Domenico Antonio Vaccaro, Chiostro (1739 - 1742), ceramica maiolicata
Categoria Musei statali e religiosi
Stato bandiera Italia
Regione ecclesiastica Regione ecclesiastica Campania
Regione Stemma Campania
Provincia Napoli
Comune Napoli
Località o frazione {{{Località}}}
Diocesi Arcidiocesi di Napoli
Indirizzo Via Santa Chiara 49/c
80134 Napoli (NA)
Telefono +39 081 5516673, +39 081 7971224
Fax +39 081 5516673
Posta elettronica info@monasterodisantachiara.eu
Sito web [1]
Proprietà Ordine dei Frati Minori, Stato italiano
Tipologia arte sacra, architettura, archeologico
Contenuti ceramiche, dipinti, paramenti sacri, presepi, reperti archeologici, sculture, suppellettile liturgica
Servizi accoglienza al pubblico, archivio storico, biblioteca, biglietteria, bookshop, caffetteria, didattica, fototeca, sale per eventi e mostre temporanee, visite guidate
Sistema museale di appartenenza
Sede Museo Monastero di Santa Chiara di Napoli
Datazione sede 1310 - 1340
Sede Museo 2°
Datazione sede 2°
Fondatori
Data di fondazione 1995
Note
{{{Note}}}
Coordinate geografiche
{{ {{{sigla paese}}} }} <span class="geo-dms" title="Mappe, foto aeree ed altre informazioni per Errore nell'espressione: operatore < inatteso°Errore nell'espressione: operatore < inattesoErrore nell'espressione: operatore < inattesoErrore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto Errore nell'espressione: operatore < inatteso°Errore nell'espressione: operatore < inattesoErrore nell'espressione: operatore < inattesoErrore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto">Errore nell'espressione: operatore < inatteso°Errore nell'espressione: operatore < inattesoErrore nell'espressione: operatore < inattesoErrore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto Errore nell'espressione: operatore < inatteso°Errore nell'espressione: operatore < inattesoErrore nell'espressione: operatore < inattesoErrore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto / {{{latitudine_d}}}, {{{longitudine_d}}}

Il Complesso Museale di Santa Chiara di Napoli comprende alcuni spazi del Monastero di Santa Chiara, fondato nel 1310 per volere di Roberto d'Angiò (12771343), re di Napoli, e della sua seconda moglie Sancha d'Aragona (1285 - 1345) per testimoniare la loro devozione francescana e provvedere ad un edificio degno di accogliere le spoglie dei defunti della dinastia.

La cittadella monastica fu realizzata costruendo due conventi contigui, ma separati, uno femminile, destinato all'Ordine di clausura delle clarisse, e l'altro maschile per ospitare i Frati minori francescani. Tale concessione straordinaria, accordata nel 1317, fu dovuta ai buoni rapporti che intercorrevano tra la dinastia angioina e il papa Clemente V. La fase di realizzazione del Monastero si protrasse fino al 1340, anno in cui venne consacrata la chiesa.

Percorso espositivo e opere

L'itinerario museale, sviluppato all'interno della cittadella francescana, si articola in quattro sezioni espositive, lungo il quale sono presentati reperti archeologici, opere e suppellettile liturgica, databili dal I al XX secolo.

Sezione I - Museo dell'Opera

Dal chiostro si entra al Museo dell'Opera, inaugurato nel 1995, in alcuni ambienti del Monastero in origine occupati dagli appartamenti delle monache.

Il Museo, articolato in quattro sale, documenta le vicende costruttive, lo sviluppo storico e artistico della cittadella monastica francescana e un'interessante spaccato della storia napoletana, dall'antichità al XX secolo. Le opere e la suppellettile liturgica conservate provengono dalla chiesa, dal chiostro e dal convento. Di particolare rilievo gli oggetti salvati dall'incendio che distrusse la chiesa, durante i bombardamenti del 1943.

I - Sala Archeologica

La sala ospita i reperti archeologici delle terme romane rinvenute durante le operazioni di scavo e di restauro della chiesa, che hanno riportato alla luce elementi architettonici, materiali di reimpiego utilizzati nella costruzione della basilica e frammenti di oggetti in ceramica di uso quotidiano. Di rilievo:

  • Colonna scanalata (I secolo), in marmo cipollino, proveniente dall'area della della palestra.
  • Capitello in stile corinzio (II - III secolo).
  • Anfore (IV secolo) per la conservazione del vino e dell'olio.

II - Sala della Storia

La sala racconta le vicende del Complesso Monastico e l'evoluzione della vita conventuale attraverso i secoli. Di particolare interesse storico-artistico:

III - Sala dei Marmi

Nella sala sono conservati i frammenti marmorei, provenienti da varie aree del Complesso Monastico. Alcuni oggetti si trovavano all'interno della Basilica di Santa Chiara al momento del bombardamento del 1943 e l'estrema frammentarietà dei ritrovamenti ne ha impedito la ricollocazione nella chiesa al tempo del restauro eseguito nel dopoguerra. Tra i materiali più rilevanti emergono:

Giovanni e Pacio Bertini, Rilievo con Storie della vita e del martirio di santa Caterina d'Alessandria (1345 ca.), marmo

IV - Sala dei Reliquiari

Nella sala sono esposti preziosi oggetti liturgici e paramenti sacri. Di rilievo:

Sezione II - Area Archeologica

L'area archeologica è caratterizzata dalla presenza di un edificio termale, sul quale si sono sovrapposti gli ambienti occidentali del convento e i piccoli locali di servizio.

Edificio termale (seconda metà del I secolo d.C.)

L'edificio rappresenta il più completo esempio di terma documentato per Neapolis, databile fra alla seconda metà del I secolo. Gli scavi, eseguiti nel corso degli anni Ottanta, hanno consentito di individuare la struttura termale, che si ritiene abbia funzionato fino almeno al IV secolo, articolata su due livelli:

  • piano terra che comprende gli ambienti termali canonici (frigidarium, tepidarium, calidarium, natatio (piscina) e palestra);
  • sotterraneo (ipogeico) che serviva, sia come spazio tecnico per la manutenzione degli impianti di riscaldamento, sia per l’alimentazione dei servizi dei vani termali e con complesso sistema di canalizzazione e smaltimento delle acque. All'interno di quest'area, sono stato identificate varie strutture murarie pertinenti alle fondazione del corpo di fabbrica soprastante del Monastero di Santa Chiara.

Sezione III - Chiostro Maiolicato

Domenico Antonio Vaccaro, Chiostro (1739 - 1742), ceramica maiolicata

Il Chiostro grande, detto anche Chiostro maiolicato, è diventato nel tempo uno dei simboli di Napoli, grazie alla particole decorazione in maiolica che lo caratterizza. In origine la struttura faceva parte delle pertinenze delle Clarisse, e quindi inserito nella zona di clausura, preclusa al pubblico, mentre oggi rientra nel monastero dei Frati Minori.

L'architetto napoletano Domenico Antonio Vaccaro (1678 - 1745) ebbe l'incarico, dalla dalla regina Maria Amalia di Sassonia, sposa di Carlo III di Borbone, di ridisegnare lo spazio che conservava ancora l'assetto medievale. Il verde fu disposto in pergolati, aiuole, e grandi vasi di maiolica obbedendo ad un originale effetto d'insieme vivace e scenografico, fatto di colori, forme e giochi d'acqua. Le belle decorazioni delle maioliche si devono, invece, agli artigiani Donato e Giuseppe Massa che tra il 1739 ed il 1742 ricoprirono il chiostro.

Donato e Giuseppe Massa, Sedile (1739 - 1742), ceramica maiolicata

Le scene realizzate con le mattonelle in maiolica, che decorano gli schienali dei sedili dei viali principali del chiostro, sono inserite in una cornice dipinta sagomata che segue l'andamento ondulato, tipicamente rococò, delle struttura, ma le composizioni, vivaci raffigurazioni di paesaggi o di scene di attività che si svolgono all'aperto, appaiono unificate dall'uso dei colori (giallo, verde e azzurro, tipici della maiolica napoletana), contribuisce a rafforzare la sensazione di unità decorativa, coinvolgendo lo spettatore in un mondo senza tempo, immerso in una natura idilliaca, sfondo poetico di temi venatori, agresti, marinari, mitologici e di danze tradizionali.

Le pareti dei quattro lati del chiostro sono decorati con dipinti murali ad affresco, che raffigurano:

Sezione IV - Sala del Presepe

Ambito napoletano, Presepio (part.), seconda metà XVIII secolo

Il presepe settecentesco conservato all'interno del monastero, fa parte di una serie di presepi realizzati a Napoli, durante il regno di Ferdinando IV di Borbone (17511825). Il sovrano ne era un grande collezionista e commissionava la realizzazione delle figure ai grandi scultori dell'epoca, tra cui Giuseppe Sanmartino (17201793).

La particolarità dei presepi napoletani è data dall'allargamento della scena, che non si limita alla rappresentazione della Sacra Famiglia, ma inserisce quest'ultima in un ambiente vivo e vivace che riproduce la Napoli del tempo con le sue architetture, i suoi abitanti e costumi. Per cui ammirare il presepe con i suoi personaggi caratteristici consente di fare un rapido giro nella città del XVIII secolo, tra bottai, artigiani, venditori ambulanti e contadini; a questo universo si aggiunge il corteo dei Magi, abbigliati all'orientale, come i mori che si potevano incontrare in un centro urbano già allora cosmopolita.

Note
  1. Scheda dell'opera nel Catalogo della Fondazione "Federico Zeri"
Bibliografia
  • AA.VV., Il Monastero di Santa Chiara. Guide artistiche, Editore Electa, Napoli 2009
  • Guido Donatone, Il chiostro maiolicato di Santa Chiara, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 2009
  • Erminia Giacomini Miari, Paola Mariani, Musei religiosi in Italia, Editore Touring, Milano 2005, p. 51 - ISBN 9788836536535
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.