Giosia

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Giosia è un antenato di Gesù, secondo la genealogia presente nel vangelo di Matteo.

Biografia

Fu il 16° Re di Giuda, nipote di Manasse e figlio di Amon, contemporaneo del profeta Geremia. Fu inoltre padre di Ieconia e nonno di Salatiel.

Relativamente indipendente dalle potenze vicine si sforzò di riportare alla primitiva purezza la religione mosaica, arricchita dagli sviluppi dei profeti. Distrusse i centri di culti pagani o sospetti di eterodossia.

La sua riforma si fondava su una parte del Deuteronomio che secondo la tradizione fu scoperto nel Tempio di Gerusalemme, durante alcuni lavori di riparazione, dal sacerdote Hilkia.

Quando il faraone Nechao, proseguendo l'impresa di Psammetico, a cui era succeduto, attraversò la Palestina per attaccare gli ultimi re assiri nella Siria del Nord, Giosia gli andò contro, affrontò l'esercito egiziano nei pressi di Megiddo, e fu ferito a morte.

In questa occasione il profeta Geremia compose una lamentazione sul re morto tragicamente.

Riferimenti biblici

Ampie notizie sul regno di Giosia si trovano in particolare nel

Inoltre è citato nella genealogia di Gesù presente nel

Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.