Frédéric de Falloux du Coudray

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Frédéric de Falloux du Coudray
Cardinale
Stemma Cardinale Falloux Coudray.jpg
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
'

Cardinale Falloux Coudray.png

Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 68 anni
Nascita Bourg d'Iré
15 agosto 1815
Morte Tivoli
22 giugno 1884
Sepoltura Cimitero di Tivoli
Appartenenza Diocesi di Roma
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 1837 da card. vescovo Carlo Odescalchi
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo {{{nominato}}}
Nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile mai consacrato
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
12 marzo 1877 da Pio IX (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 7 anni, 3 mesi e 10 giorni
Cardinale elettore
Incarichi ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato


Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Frédéric de Falloux du Coudray (Bourg d'Iré, 15 agosto 1815; † Tivoli, 22 giugno 1884) è stato un cardinale francese.

Cenni biografici

Nato nel castello di Bourg d'Iré, dipartimento di Maine-et-Loire, diocesi di Angers, Francia. Da un legittimista famiglia borghese che in seguito fu elevata alla nobiltà dal re Carlo X di Francia. Figlio del conte Guillaume de Falloux du Coudray (1774-1850), che fu sindaco di Bourg d'Iré, e Marchesa Louise Félicité de Fitte de Soucy (1784-1850). Il suo nome di battesimo è anche elencato come Ludovic-Frédéric; il suo cognome è anche elencato come du Coudray de Falloux e il nome di sua madre è anche elencato come Loyde. Suo fratello, il conte Alfred de Falloux du Coudray, fu ministro della Pubblica Istruzione dal 1848 al 1851 e uno dei leader dei cattolici liberali durante il Secondo Impero.

Formazione e ministero sacerdotale

Inizialmente, ha studiato ad Angers ed in seguito, studiò legge a Parigi; poi, decise di seguire la carriera ecclesiastica; ha studiato teologia presso la Pontificia Accademia dei Nobili Ecclesiastici a Roma.

Ordinato presbitero nel 1837 dal cardinale Carlo Odescalchi, vescovo di Sabina, celebrò la sua prima messa solenne nella chiesa di Santa Sinforosa a Tivoli. Cappellano segreto di Sua Santità, subito dopo l'ordinazione, ottenne il canonicato. Ministero pastorale nella colonia francese a Roma.

Entrato nella prelatura romana come prelato domestico di Sua Santità nel maggio 1838 e come referendario il 12 luglio 1838. Relatore della S. Congregazione del Buon Governo dal 1839 al 1847; decano dei prelati relatori nel 1845. Andò a Gaeta nel 1849 quando il papa dovette fuggire in quella città a causa dell'istaurazione della Repubblica Romana. Canonico del capitolo della patriarcale basilica vaticana, 1849. Segretario della Congregazione della disciplina dei regolari e della Visita apostolica dal 1851 al 1877. Prelato aggiunto della Congregazione del Concilio Tridentino dal 1852 al 1854. Abbreviatore del parco maggiore della Cancelleria apostolica dal 1853 al 1861. Reggente della Cancelleria Apostolica dal 1861 al 1877.

Cardinalato

Creato cardinale diacono nel concistoro del 12 marzo 1877, ricevette la berretta rossa il 15 marzo 1877 e la diaconia di Sant'Agata alla Suburra, 20 marzo 1877. Ha partecipato al conclave del 1878, che elesse papa Leone XIII. Ha optato per la diaconia di Sant'Angelo in Pescheria, il 12 maggio 1879. Ebbe una grande fortuna personale. Assistette i poveri e sostenne una migliore formazione del clero, favorendo l'istituzione del Seminario francese a Roma. Ha lasciato la sua collezione di dipinti a Papa Leone XIII.

Morte

Morto domenica 22 giugno 1884 a Tivoli (dove era solito trascorrere l'estate), di un'apoplessia. La sera precedente aveva ricevuto il sacramento della confessione da monsignor Paolo Scappaticci, che abitualmente lo confessava ogni sabato. La domenica ha assistito alla messa celebrata dal suo segretario e a pranzo sentì un forte mal di testa; fu chiamato il parroco e gli somministrò l'estrema unzione; il suo medico, il dottor Bartoli, fu convocato per telegramma da Roma ma non poté fare niente per il paziente, che aveva perso conoscenza ed era morto.

Il corpo è stato esposto nella sua residenza, dove sono state celebrate diverse messe, il 24 giugno; trasferito nella cattedrale, la messa funebre è stata celebrata da Placido Petacci(ch), vescovo di Tivoli. Il defunto cardinale fu sepolto, temporaneamente, nel cimitero della città, a disposizione di suo fratello, il conte Alfred de Falloux du Coudray. Venerdì 27 giugno sono stati celebrati i funerali nella sua diaconia, Sant'Angelo in Pescheria, a Roma; e sabato 28 giugno, un solenne funerale fu celebrato nella cattedrale di Tivoli. Ancora oggi il corpo rimane nel cimitero di Tivoli.

Successione degli incarichi

Predecessore: Segretario della Congregazione della Disciplina dei Regolari Successore: Emblem Holy See.svg
Giuseppe Angelini 1º gennaio 1851 - 12 marzo 1877 ? I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giuseppe Angelini {{{data}}} ?
Predecessore: Reggente della Cancelleria Apostolica Successore: Emblem Holy See.svg
Vincenzo Costaguti 1º gennaio 1861 - 12 marzo 1877 Gaetano de Ruggiero I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Vincenzo Costaguti {{{data}}} Gaetano de Ruggiero
Predecessore: Cardinale diacono di Sant'Agata alla Suburra Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giacomo Antonelli 20 marzo 1877 - 12 maggio 1879 Giuseppe Pecci, S.I. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giacomo Antonelli {{{data}}} Giuseppe Pecci, S.I.
Predecessore: Cardinale diacono di Sant'Angelo in Pescheria Successore: CardinalCoA PioM.svg
Lorenzo Nina 12 maggio 1879 - 22 giugno 1884 Isidoro Verga I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Lorenzo Nina {{{data}}} Isidoro Verga
Voci correlate