Congregazione del buon governo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Congregazione del Buon Governo)
Congregazione del buon governo
Congregatio boni regiminis
Eretto: 15 agosto 1592 da Clemente VIII
Soppresso: 1847 da Pio IX
Nuovo nome: {{{nuovo nome}}},
Nuovo nome: {{{nuovo nome1}}},
Successori

dati

Santa Sede · Chiesa cattolica
elenco dicasteri della Curia Romana

La Congregazione del buon governo (1592-1847), in latino Congregatio boni regiminis, era un organismo della Curia romana, oggi soppresso.

Storia

Questo dicastero sorse per salvaguardare gli interessi economici, amministrativi e finanziari degli enti locali dello Stato pontificio, affiancandosi alla Congregazione della sacra Consulta, competente sulla giustizia e l'ordine pubblico.

Papa Clemente VIII creò questo dicastero con la costituzione apostolica Pro commissa nobis a Domino del 15 agosto 1592. Il documento prevedeva che la congregazione verificasse i bilanci degli enti locali, assumendo tutti i provvedimenti necessari a garantire la regolarità delle spese e degli appalti, anche al fine di realizzare un contenimento delle spese locali.

Col tempo le funzioni della congregazione andarono precisandosi ed essa assunse una struttura più articolata. L'organo era presieduto inizialmente dal cardinal nepote e dal 1676 da un cardinale prefetto, affiancato da cardinali e prelati detti "ponenti del Buon Governo". Fulcro della congregazione era il segretario, anch'esso un prelato di Curia, che gestiva la cospicua corrispondenza con i governatori delle varie città, chiamati ad agire come delegati del Buon Governo.

La Congregazione del buon governo fu abolita nel 1847 con le prime riforme di papa Pio IX, venendo a mancare una preziosa fonte documentaria, specie per i piccoli comuni o quelli in cui erano stati dispersi o distrutti i relativi archivi.

Elenco dei cardinali prefetti

Bibliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.