Ranuccio Scotti Douglas

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Ranuccio Scotti Douglas
Scotti Ranuccio.jpg
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

[[File:|250px]]

{{{didascalia}}}
'
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 61 anni
Nascita Parma
19 luglio 1597
Morte Piacenza
10 maggio 1659
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 20 marzo 1627
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 17 aprile 1627 dal card. Laudivio Zacchia
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine Vescovi
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org

Ranuccio Scotti Douglas, o Ranuzio (Parma, 19 luglio 1597; † Piacenza, 10 maggio 1659) è stato un vescovo e nunzio apostolico italiano.

Cenni biografici

Nacque a Parma il 19 luglio 1597, figlio di Orazio, marchese di Montalbo, e di Lucrezia nata Alciati.

Intraprese la carriera ecclesiastica e divenne referendario della Segnatura Apostolica. Nel 1627 fu nominato vescovo di Borgo San Donnino (oggi Fidenza). Dopo la nomina ricevette l'ordinazione sacerdotale e il 18 aprile ricevette la consacrazione vescovile dalle mani del cardinal Laudivio Zacchia. Nel 1630 papa Urbano VIII lo inviò nunzio apostolico a Lucerna, carica che tenne per quasi un decennio.

Nelle Tre Leghe[1], oggi canton Grigioni, nel corso dei Torbidi grigionesi si impegnò a favore dei diritti della diocesi di Coira e per il sostegno al cattolicesimo in Valtellina, allora soggetta alle Tre Leghe. Ebbe intensi contatti con i cinque cantoni cattolici della Svizzera centrale, mentre il principato vescovile di Basilea e tutti i territori a nord del Reno appartenenti alla nunziatura rimasero ampiamente al di fuori del suo controllo durante la guerra dei Trent'anni. Grazie alla mediazione di Scotti, il vescovo vallesano Hildebrand Jost[2] poté tornare in sede a Sion. Nel Ticino non si verificarono conflitti significativi con i cantoni della Svizzera centrale favorevoli a una Chiesa di Stato. Nel conflitto sulla giurisdizione matrimoniale e i diritti di collazione nei baliaggi confederati di Turgovia e del Rheintal, fu costretto ad accettare l'introduzione della parità confessionale. L'alto prelato fu molto attratto dalle peculiarità di questa nazione e nel 1642 diede alle stampe due volumi dal titolo Helvetia profana e sacra[3] dove descrive nella prima parte i cantoni come entità politiche, mentre nella seconda si sofferma sugli aspetti religiosi.

L'8 agosto 1639 gli fu affidata la conduzione della nunziatura francese, carica da cui si dimise il 9 marzo 1641. Rientrato in patria nel 1643 fu nominato governatore delle Marche. Il 5 agosto 1645 rassegnò le dimissioni da vescovo di Borgo San Donnino. Nel 1653 divenne maggiordomo di sua Santità.

Morì a Piacenza il 10 maggio 1659, secondo alcune fonti nel 1661.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo di Borgo San Donnino Successore: Stemma vescovo.png
Alfonso Pozzi (Ch) 22 marzo 1627 - 5 agosto 1645 Filippo Casoni (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alfonso Pozzi (Ch) {{{data}}} Filippo Casoni (Ch)
Predecessore: Nunzio apostolico per la Svizzera Successore: Flag of the Vatican City.svg
Ciriaco Rocci 22 maggio 1630 - 4 maggio 1639 Girolamo Farnese I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ciriaco Rocci {{{data}}} Girolamo Farnese
Predecessore: Nunzio apostolico per la Francia Successore: Flag of the Vatican City.svg
Giorgio Bolognetti 8 agosto 1639 - 9 marzo 1641 Girolamo Grimaldi-Cavalleroni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giorgio Bolognetti {{{data}}} Girolamo Grimaldi-Cavalleroni
Note
  1. DSS Tre Leghe
  2. Bernard Truffer, Dizionario storico della Svizzera, voce Jost, Hildebrand.
  3. Helvetia profana, relatione del dominio temporale de' potentissimi XIII cantoni svizzeri, online; Helvetia sacra, online
Bibliografia
  • Urban Fink, Dizionario storico della Svizzera, online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.