Prefetto dei sacri palazzi apostolici

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Prefetto dei Sacri Palazzi apostolici)

La carica di prefetto dei sacri palazzi apostolici o maggiordomo del Papa ((LA) Prefectus sacri palatii apostolici Magister domus Papae), ha origini antichissime. All'inizio del IV secolo era chiamato vice-dominus, in quanto destinato a presiedere alla famiglia pontificia in luogo del pontefice impegnato nel governo della Chiesa.

Prelato dalla Santa Sede, il quarto dei quattro primari chiamati di fiocchetto, e il primo di quelli palatini.[1] In seguito venne anche definito maestro del Sacro ospizio o magister Domus. Soprintendeva all'intera corte e famiglia pontificia, ai palazzi apostolici del Vaticano, del Quirinale e di Castel Gandolfo, alle loro pertinenze, provvedeva alle spese necessarie per riparazioni, acquisti ecc., e al pagamento di provvisioni e onorari, sia agli ufficiali dei palazzi, sia alle maestranze.

Presiedeva alle cappelle pontificie, ai musei e gallerie del Vaticano e del Laterano, aveva l'alta sorveglianza sul museo e sulle gallerie del Campidoglio. Da lui dipendevano le guardie nobili pontificie, la guardia svizzera ecc. Esercitava anche poteri giudiziari su tutto il personale, ecclesiastico e laico, addetto ai sacri palazzi, e la carica di governatore perpetuo del Conclave.

Il 24 settembre 1728 papa Benedetto XIII con la costituzione apostolica Aequitatis[2] tolse il dominio di Frascati al prefetto dei sacri palazzi apostolici concedendo a questi in cambio il dominio pro tempore su Castel Gandolfo. Da allora fino al settembre 1870, Castel Gandolfo dipese dal prefetto dei sacri palazzi, che amministrava anche la giustizia nel feudo indipendentemente dai tribunali dello Stato Pontificio.

Cronotassi dei prefetti dal 1622

I Prefetti della Casa Pontificia erano detti anche Maestri di Camera.


Note
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.