Richard Olivier de Longueil

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Richard Olivier de Longueil
Richard Olivier de Longueil.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

RICCARDO OLIVER DE LONGUEIL .JPG

'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 63 anni
Nascita Jonques
18 dicembre 1406
Morte Sutri
19 agosto 1470
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale in data sconosciuta
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 3 ottobre 1453 da papa Niccolò V
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 28 settembre 1453
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
17 dicembre 1456 da Callisto III (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Richard Olivier de Longueil (Jonques, 18 dicembre 1406; † Sutri, 19 agosto 1470) è stato un vescovo e cardinale francese.

Cenni biografici

Nacque il 18 dicembre 1406 nel castello di famiglia di Jonques nella diocesi di Lisieux, da una nobile e antica famiglia della Normandia. Era figlio di Guillaume III de Longueil, signore di Eu, e dalla seconda moglie Catherine de Bourguenole.

Dopo gli studi in legge intraprese la carriera ecclesiastica divenendo protonotaio apostolico e presidente della Camera dei conti. Fu cantore della cattedrale di Lisieux, canonico della cattedrale metropolita di Rouen e arcidiacono di Eu nell'arcidiocesi di Rouen. Nel 1452, dopo la morte dell'arcivescovo di Rouen Raoul Roussel,[1] quindici canonici del capitolo cattedrale lo proposero come suo successore ma il prelato rifiutò la nomina.

Episcopato

Fu consacrato vescovo di Coutances il 28 settembre 1453, carica che tenne fino alla morte. Assieme all'arcivescovo di Rouen, Guillaume d'Estouteville, e al vescovo di Parigi Guillaume Chartier[2] fu membro della pontificia commissione nominata da papa Callisto III l'11 giugno 1455 per la revisione del processo di Giovanna d'Arco. La prima sessione si tenne il 17 novembre 1455; la sua riabilitazione venne pronunciata nel palazzo arcivescovile di Rouen il 7 luglio 1456.

Il re Carlo VII di Francia rimase soddisfatto di quella decisione e nominò il vescovo Longueil nel Grande Consiglio, onorandolo della sua fiducia e lo incaricò per una missione presso il duca di Borgogna.

Cardinalato

Fu creato cardinale presbitero da papa Callisto III nel concistoro del 17 dicembre 1456. Non prese parte al conclave del 1458 che elesse papa Pio II. Questi gli inviò in Francia la berretta cardinalizia alla fine del 1458. Poco dopo Longueil, nel parlamento francese, chiese l'abrogazione della Prammatica Sanzione di Bourges siglata nel 1438, per i suoi contenuti scismatici. A causa del suo intervento fu multato per una considerevole somma ma la sua posizione fu molto apprezzata dal pontefice. Il 15 agosto 1461 prese parte alla cerimonia di incoronazione a Reims di Luigi XI e in quell'anno dimissionò da presidente della Camera dei conti.

Pio II lo incaricò di proseguire presso la corte francese l'azione per l'ottenimento della revoca della Pragmatica Sanzione. Il nuovo monarca consentì alla revoca dell'editto reale. Luigi XI inviò una missione diplomatica presso la Santa Sede per informare il Papa della revoca. Longueil fece parte della missione e giunse a Roma il 13 maggio 1562 e fu ricevuto in udienza dal pontefice tre giorni dopo, informandolo della decisione reale. In quello stesso giorno ricevette il titolo cardinalizio di Sant'Eusebio. Rimase a Roma e prese parte due anni dopo al conclave che vide l'elezione di papa Paolo II.

Il nuovo pontefice lo inviò legato pontificio a Perugia, carica che tenne con alcune interruzioni fino al 1468.

Nel 1470, due giorni prima della morte, optò per il titolo cardinalizio vescovile di Porto e Santa Rufina.

Morte

Morì a Sutri il 19 agosto 1470; il corpo fu trasferito a Roma il giorno successivo e sepolto sotto l'altare della Cappella di Santa Petronilla nella basilica di San Pietro in Vaticano. La cappella fu distrutta attorno al 1540 e i suoi resti furono trasferiti nelle grotte vaticane, dove si può vedere il suo epitaffio su una lapide rotta nel pavimento. La sua morte è stata commemorata nella cattedrale di Coutances il 19 agosto fino alla Rivoluzione Francese.

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo di Coutances Successore: BishopCoA PioM.svg
Giovanni Castiglione 3 ottobre 1453 - 19 agosto 1470 Benoît di Montferrand[3] I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Castiglione {{{data}}} Benoît di Montferrand[3]
Predecessore: Cardinale presbitero di Sant'Eusebio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Astorgio Agnesi 17 dicembre 1456 - 17 agosto 1470 Oliviero Carafa I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Astorgio Agnesi {{{data}}} Oliviero Carafa
Predecessore: Arciprete della Basilica di San Pietro Successore: StPetersDomePD.jpg
Pietro Barbo 30 agosto 1464 - 19 agosto 1470 Giovanni Battista Zeno I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Barbo {{{data}}} Giovanni Battista Zeno
Predecessore: Legato apostolico di Perugia e dell'Umbria Successore: Emblem Holy See.svg
Berardo Eroli 11 ottobre 1464 - 10 febbraio 1468 Bartolomeo Roverella I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Berardo Eroli {{{data}}} Bartolomeo Roverella
Predecessore: Cardinale vescovo di Porto e Santa Rufina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Juan de Carvajal 17 agosto - 19 agosto 1470 Filippo Calandrini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Juan de Carvajal {{{data}}} Filippo Calandrini
Note
  1. cfr. Archbishop Raoul Roussel † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 20-06-2021
  2. cfr. Bishop Guillaume Chartier † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 20-06-2021
  3. cfr. Bishop Benoit de Montferrand † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 20-06-2021

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.