Berardo Eroli

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Berardo Eroli
Bernardo Eroli.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Giovanni Dalmata. Monumento funebre del cardinale Eroli presso le Grotte vaticane.jpg

Giovanni Dalmata Tomba del cardinale Eroli presso le Grotte vaticane.
'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 70 anni
Nascita Narni
1409
Morte Roma
2 aprile 1479
Sepoltura Basilica di San Pietro
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale in data sconosciuta
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 13 novembre 1448 da papa Niccolò V
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile in data sconosciuta
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
5 marzo 1460 da Pio II (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Berardo Eroli (Narni, 1409; † Roma, 2 aprile 1479) è stato un cardinale, vescovo e legato pontificio italiano.

Cenni biografici

Nacque a Narni nel 1409 da Ludovico.

Iniziò la carriera curiale con papa Niccolò V: dapprima referendario, ebbe successivamente la nomina a cappellano papale e l'ufficio di auditor causarum palatii apostolici. Nel 1448 venne eletto alla sede vescovile di Spoleto (primo di una serie di vescovi appartenenti alla famiglia Eroli) dove rimase meno di un anno: nel 1449 infatti Niccolò V lo nominò vicario generale di sua Santità per la città di Roma, incarico confermato anche sotto papa Callisto III.

Nel 1451 fu anche giudice, commissario e referendario nel secondo processo per la canonizzazione di Francesca Romana. Niccolò V gli conferì inoltre alcuni benefici: in quell'anno la commenda del monastero benedettino di Colleantico nella diocesi di Spoleto e nel 1453 la commenda di quello di San Cassiano presso Narni.

Papa Callisto III gli affidò, insieme con Guillaume de Fondera (Ch), vescovo di Oloron e con Cosimo di Monserrato, confessore del Papa, l'incarico di visitatore e riformatore delle chiese e monasteri romani, maschili e femminili, di qualsiasi ordine e anche di tutti gli altri luoghi pii, con ampi poteri di indagare e correggere abusi e mancanze, di unire chiese e monasteri e di rimuovere e sostituire parroci.

Papa Pio II lo ebbe in grande considerazione e nel 1458 lo nominò luogotenente del camerlengo e nel concistoro del 5 marzo 1460 lo creò cardinale con il titolo di Santa Sabina, nonostante l'opposizione dei cardinali Domenico Capranica e Prospero Colonna, secondo i quali la sua frugalità era inopportuna per la dignità cardinalizia. Pio II lo provvide di un cospicuo beneficio, la commenda dell'abbazia delle Tre Fontane di Roma.

Fu anche a capo dell'"Ufficio delle Suppliche", coordinando il lavoro dei referendari, divenuti molto più numerosi durante il pontificato di Pio II, ed ebbe altri importanti incarichi. Tra questi, la composizione della controversia che la Santa Sede aveva con Ferdinando I re di Napoli per la restituzione di Benevento e Terracina; quella tra l'abate di Sansepolcro e il vescovo di Città di Castello nel 1461; la causa tra Spoleto e Todi.

Nel 1464 fu incaricato insieme col cardinale Niccolò da Cusa - dal quale qualche mese dopo sarà designato tra i suoi esecutori testamentari -, giudice nella questione boema relativa all'eresia del re Giorgio di Podebrad e continuerà a far parte della commissione anche quando, morto il Cusano, verranno nominati al suo posto i cardinali de Juan de Carvajal e Giovanni Bessarione.

Dal 29 luglio 1462 al 17 giugno 1463 fu legato pontificio per i territori di Perugia, Todi e Città di Castello. In veste di legato si oppose al prestito di 2.000 fiorini da parte degli ebrei perugini per la fondazione del Monte di Pietà di Perugia.

Anche con i successivi pontefici ricoprì importanti incarichi: nel 1466 e nuovamente nel 1474 fu nominato camerario del Sacro Collegio. Sempre in quell'anno papa Sisto IV lo nominò vescovo di Sabina, avendo egli rinunciato alla diocesi di Spoleto in favore del nipote Costantino Eroli (Ch). Fu ancora più volte legato in Umbria, nel 1471, nel 1474 e quindi ancora nel 1477.

Fu cardinale protettore dell'Ordine cistercense e avversò il progetto di riforma dell'abbazia di Chiaravalle, suscitando una polemica contro il duca di Milano Galeazzo Maria Sforza, accusato di aver interessi personali nella vicenda; la riforma venne comunque sancita il 15 agosto 1475.

Fece testamento pochi giorni prima di morire, usufruendo dell' indultum testandi, ovvero la facoltà di disporre dei propri beni personali per testamento che gli era stato concesso nel 1455 da papa Callisto III e confermato nel 1472 da papa Sisto IV.

Dopo la sua morte, il 2 aprile 1479, fu sepolto nella Basilica di San Pietro e parte del suo monumento sepolcrale, opera di Giovanni Dalmata,[1] si trova oggi nelle Grotte Vaticane.

Successione degli incarichi

Predecessore: Vicario generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma Successore: Berretta cardinalizia.png
Roberto Cavalcanti 18 aprile 1447-26 gennaio 1459 Francesco de Lignamine I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Roberto Cavalcanti {{{data}}} Francesco de Lignamine
Predecessore: Vescovo di Spoleto Successore: BishopCoA PioM.svg
Sagace Conti(Ch), O.S.B. 13 novembre 1448-8 dicembre 1474 Constantin Eruli(Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Sagace Conti(Ch), O.S.B. {{{data}}} Constantin Eruli(Ch)
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Sabina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Enea Silvio Piccolomini 19 marzo 1460-23 maggio 1474 Ausias Despuig I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Enea Silvio Piccolomini {{{data}}} Ausias Despuig
Predecessore: Legato apostolico di Perugia e dell'Umbria Successore: Emblem Holy See.svg
Domenico Capranica 29 luglio 1462-17 giugno 1463 Richard Olivier de Longueil I

Bartolomeo Roverella 1º agosto - 13 settembre 1471 Giacomo Ammannati Piccolomini II

Pietro Riario, O.F.M. Conv. 3 gennaio - 31 dicembre 1474 Niccolò Perotti III

Niccolò Perotti 1º gennaio - 31 dicembre 1477 Raffaele Riario IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Capranica {{{data}}} Richard Olivier de Longueil
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Guillaume d'Estouteville, O.S.B.Clun. 3 gennaio 1466-7 gennaio 1467 Basilio Bessarione I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Guillaume d'Estouteville, O.S.B.Clun. {{{data}}} Basilio Bessarione
Predecessore: Cardinale vescovo di Sabina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Alain de Coëtivy 23 maggio 1474-2 aprile 1479 Giuliano della Rovere I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alain de Coëtivy {{{data}}} Giuliano della Rovere
Note
  1. Adolfo Venturi, GIOVANNI Dalmata su treccani.it. URL consultato il 06-02-2021
Bibliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.