San Malachia

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando l'omonimo profeta dell'Antico Testamento, vedi Malachia (profeta).
San Malachia di Armagh
Arcbishop.png
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Mael Madoc ua Morgair
Santo

401px-St. Malachy.jpg

'
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 54 anni
Nascita Armagh
1094
Morte Abbazia di Clairvaux
2 novembre 1148
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 1119
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 1124
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti Vescovo di Down
Vescovo di Armagh
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione [[]]
Canonizzazione 6 luglio 1190
Ricorrenza 2 novembre
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 2 novembre, n. 11:
« Nel monastero di Chiaravalle in Burgundia, ora in Francia, deposizione di san Malachia, vescovo di Down e Connor in Irlanda, che rinnovò la vita della sua Chiesa e, giunto a Chiaravalle mentre era in cammino per Roma, rese lo spirito al Signore alla presenza dell'abate san Bernardo. »

San Malachia di Armagh, al secolo Mael Madoc ua Morgair (irl.: Máel Máedóc Ua Morgair; Armagh, 1094; † Abbazia di Clairvaux, 2 novembre 1148) è stato un vescovo e abate irlandese.

Biografia

Bernardo di Chiaravalle lo descrive come nobile di nascita. Venne battezzato come Maelmhaedhoc (nome che venne latinizzato in Malachia) e venne istruito da Imaro (Imhar O'Hagan), successivamente abate di Armagh. Dopo un lungo corso di studi venne ordinato sacerdote da Celso (Cellach) nel 1119. Allo scopo di perfezionarsi nella liturgia sacra e nella teologia, si recò a Lismore, dove spese quasi due anni sotto la guida di Malchus. Venne quindi scelto come abate di Bangor, nel 1123. Un anno dopo, venne consacrato vescovo di Connor. Nel 1129 prima di morire, l'arcivescovo di Armagh San Cellach aveva manifestato il desiderio di avere per successore Malachia, e clero e popolo accolsero lieti la proposta: ma un parente del defunto arcivescovo ne usurpò la sede. Malachia, fu perseguitato, calunniato, ma alla fine la giustizia trionfò, due anni più tardi con l'acquisto del Bachal Isu (il bastone di Gesù) da Niall, il primate laico usurpatore, prese possesso della sede. Lasciato allora il governo di quella chiesa a Gelasio, dotto e pio vescovo, ritornò a Connor, che divise in due diocesi, tenendo per sé la più piccola, quella di Duno.

Bernardo ci fornisce molti aneddoti interessanti su Malachia, e loda grandemente il suo zelo per la religione, sia a Connor sia ad Armagh. Nel 1127 compie una seconda visita a Lismore, dove agisce per un certo periodo come confessore di Cormac MacCarthy, principe di Desmond. Quando era vescovo di Connor continuò a risiedere a Bangor, e quando alcuni principi irlandesi saccheggiarono Connor, egli portò i monaci di Bangor a Iveragh, nella Contea di Kerry, dove vennero accolti da Cormac, ora diventato re.

L'influenza di Malachia nelle questioni ecclesiastiche irlandesi è stata paragonata a quella di Bonifacio in Germania. Egli riformò e riorganizzò la Chiesa irlandese e la portò ad essere sottoposta a Roma; come Bonifacio, fu un riformatore zelante e un promotore del monachesimo.

Durante i tre anni ad Armagh, come scrive san Bernardo di Chiaravalle, Malachia ripristinò la disciplina nella Chiesa, diventata sempre più rilassata durante il periodo di governo di una serie di abati laici, e adottò la liturgia romana. Proseguendo nel racconto di Bernardo, avendo estirpato la barbarie e ristabilito la morale cristiana, vedendo che tutto era tranquillo, iniziò a pensare alla sua pace personale. Lasciò Armagh nel 1138.

Malachia fondò un priorato a Downpatrick, e condusse un'incessante opera pastorale. All'inizio del 1139 viaggiò fino a Roma, attraversando Scozia, Inghilterra, e Francia, e visitando Bernardo a Chiaravalle. Fece a papa Innocenzo II richiesta del pallio per le sedi di Armagh e Cashel, e venne nominato legato pontificio per l'Irlanda. Nella visita a Chiaravalle durante il viaggio di ritorno, ottenne cinque monaci per fondare, in Irlanda, la grande Abbazia di Mellifont, nel 1142, che ebbe come superiore un irlandese, Christian.

Desiderando che l'arcivescovo di Armac fosse eletto cardinale ed essendo venuto in Francia Papa Eugenio III, si recò a fargli visita, ma giunto sul suolo francese ebbe notizia che il Papa era ripartito per Roma. Allora si recò nel convento di Chiaravalle, dove fu ricevuto da san Bernardo e dai suoi monaci con grande allegrezza. Ma dopo pochi giorni Malachia venne colpito da improvvisa febbre: il male si aggravò e Malachià morì, secondo le sue predizioni, tra le preghiere di quei religiosi il giorno 2 novembre 1149.

Profezie di san Malachia

Sui papi

Exquisite-kfind.png Vedi la voce: Profezia di san Malachia

Sull'Irlanda

Oltre ai noti vaticini sui papi, viene attribuita a san Malachia un'altra profezia, secondo la quale l'Irlanda sarebbe stata sottomessa dall'oppressione inglese e sottoposta a persecuzioni e calamità di ogni tipo per la durata di una settimana di secoli. L'Irlanda, però, rimasta fedele a Dio e alla Chiesa in mezzo a queste prove, alla fine dei sette secoli, sarebbe stata liberata dai suoi oppressori, che a loro volta sarebbero stati sottoposti a terribili castighi. La cattolica Irlanda, inoltre, sarebbe stato lo strumento del ritorno della nazione inglese all'autentica fede che l'Inghilterra riformata aveva fieramente tentato di estirpare.

Si ritiene che questa profezia sia stata copiata da un'antico manoscritto conservato a Clairvaux per opera del monaco benedettino Jean Mabillon.

Predecessore: Vescovo di Down Successore: Stemma vescovo.png
Óengus Ua Gormáin 1124 - 2 novembre 1148 Malachia II I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Óengus Ua Gormáin {{{data}}} Malachia II
Predecessore: Vescovo di Armagh Successore: Stemma vescovo.png
Murrough 1134 - 1137 Gelasio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Murrough {{{data}}} Gelasio
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.